Si è aperta in questo fine settimana, sul circuito di Teretonga, l’edizione 2012 della Toyota Racing Series, il principale campionato per monoposto della Nuova Zelanda. Ancora più che in passato la griglia è ricca di piloti europei che hanno scelto di correre agli antipodi per fare esperienza e tenersi in forma in vista dei rispettivi impegni agonistici. Fra questi anche due italiani: Raffaele Marciello (nella foto) e Michela Cerruti.

Dopo le prime due giornate di prove libere, tenutesi mercoledì e giovedì, le qualifiche del sabato hanno sancito la pole-position di Lucas Auer. Sotto la pioggia il giovane austriaco (nipote di Gerhard Berger) si è messo alle spalle il britannico Jordan King e il nostro Marciello, formidabile nel centrare il terzo tempo nonostante un problema al motore gli abbia consentito di fare soltanto due giri lanciati. Il pupillo della Ferrari Driver Academy già nei test aveva dovuto lavorare sodo per sistemare l’assetto della sua macchina, con quello che è sembrato essere il team meno competitivo dei quattro al via (M2 Competition).

Ad aggiudicarsi le tre manches disputate sono stati però Josh Hill (figlio di Damon, campione 1996 di Formula 1) e Hannes Van Asseldonk.

L’inglese ha conquistato Gara 1, approfittando anche delle sventure occorse ai rivali: Auer, tradito proprio dal fondo umido, dopo tre curve è andato in testacoda ed è stato colpito violentemente dall’incolpevole Marciello; dopo la bandiera rossa, al restart Hill è riuscito a mettersi davanti a King e Van Asseldonk, poi venuti al contatto e finiti entrambi nella ghiaia. Necessario l’ingresso della safety-car, che ha accompagnato il gruppo fino al traguardo. In piazza d’onore ha chiuso così Damon Leitch, seguito da Jono Lester e dal francese Nathanael Berthon. In top-ten una brava Cerruti.

Classifica Gara 1 (Top 10)

01. Josh Hill – ETEC Motorsport – 15 giri
02. Damon Leitch – Victory Motor Racing – +0.861
03. Jono Lester – ETEC Motorsport – +1.985
04. Nathanael Berthon – M2 Competition – +2.949
05. Dmitry Suranovich – Victory Motor Racing – +3.735
06. Felix Serralles – Giles Motorsport – +4.553
07. Victor Sendin – ETEC Motorsport – +5.168
08. Nick Cassidy – Giles Motorsport – +6.232
09. Bruno Bonifacio – Giles Motorsport – +6.823
10. Michela Cerruti – Victory Motor Racing – +7.188
19. Raffaele Marciello – M2 Competition – 0 giri (Ritirato)

In Gara 2 (la più importante, valida per il trofeo Spirit of Nation Cup) l’inversione totale della griglia ha ribaltato le sorti di Van Asseldonk, che scattava dalla seconda fila. L’olandese è balzato al comando grazie all’errore di Auer, fuori dopo il restart causato dall’uscita alla seconda curva di Lester. Il driver del team Giles Motorsport ha comunque dovuto resistere agli attacchi di Nick Cassidy, suo compagno di box insieme a Bruno Bonifacio (3°). 4° posto per Leitch, seguito da un ottimo Marciello. La prestazione del corridore di origini campane (scampato anche ad una toccata di Hill, ritrovatosi con l’alettone danneggiato) è ancora più significativa se consideriamo che più di metà manche si è consumata in regime di neutralizzazione. I commissari hanno infine deciso di interrompere in anticipo la gara per motivi di sicurezza, dato che le gomme slick non garantivano ormai più aderenza sotto la pioggia.

Classifica Gara 2 (Top 10)

01. Hannes Van Asseldonk – Giles Motorsport – 15 giri
02. Nick Cassidy – Giles Motorsport – +0.467
03. Bruno Bonifacio – Giles Motorsport – +1.250
04. Damon Leitch – Victory Motor Racing – +2.189
05. Raffaele Marciello – M2 Competition – +2.887
06. Shahaan Engineering – ETEC Motorsport – +3.522
07. Felix Serralles – Giles Motorsport – +4.751
08. Melvin Moh – ETEC Motorsport – +6.947
09. Tanart Sathienthirankul – M2 Competition – +7.964
10. Michela Cerruti – Victory Motor Racing – +8.569

In Gara 3 il pazzo meteo di Invercargill l’ha fatta ancora da padrone. Van Asseldonk ha concesso il bis, ma la bandiera rossa è arrivata per lui al momento giusto: alla sesta tornata è incappato infatti in un testacoda dovuto all’ennesimo acquazzone del week-end. Gli stewards come da prassi hanno però preso per valido l’ordine d’arrivo del giro precedente, e Van Asseldonk si è così ripetuto davanti a Cassidy e Leitch, con a seguire Felix Serralles (4°) e Victor Sendin (5°).

Grande il rammarico per Marciello, che scattava dalla prima fila (c’è l’inversione dei primi sei di Gara 2) e si è portato in testa con un sorpasso da applausi. Purtroppo l’indiano Shahaan Enginner lo ha speronato al terzo giro mandandolo fuori pista. Nonostante il tentativo di ripartire con tre tornate di ritardo (confidando in qualche ko degli avversari) e un ritmo subito impressionante, lo stop ha posto fine ai suoi propositi di risalita.

Classifica Gara 3 (Top 10)

01. Hannes Van Asseldonk – Giles Motorsport – 5 giri
02. Nick Cassidy – Giles Motorsport – +0.435
03. Damon Leitch – Victory Motor Racing – +1.377
04. Felix Serralles – Giles Motorsport – +1.942
05. Victor Sendin – ETEC Motorsport +3.291
06. Josh Hill – ETEC Motorsport – +4.155
07. Bruno Bonifacio – Giles Motorsport – +7.386
08. Nathanael Berthon – M2 Competition – +7.514
09. Chris Vlok – Victory Motor Racing – +7.918
10. Jordan King – M2 Competition – +8.287
13. Michela Cerruti – Victory Motor Racing – +8.886
18. Raffaele Marciello – M2 Competition – 2 giri (Ritirato)

In classifica generale Damon Leitch è davanti a tutti con 181 punti, precedendo Cassidy (173) e Van Asseldonk (150). Nel prossimo week-end si torna subito in azione sul tracciato di Timaru.


Stop&Go Communcation

Si è aperta in questo fine settimana, sul circuito di Teretonga, l’edizione 2012 della Toyota Racing Series, il principale campionato […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/02/mixage-160112-01.jpg TRS – Teretonga: Vincono Hill e Van Asseldonk, Marciello sfortunato