Pal Varhaug e il team Virtuosi UK sono entrati nella storia dell’Auto GP, vincendo oggi la prima gara della serie in territorio USA. Il pilota norvegese ha tagliato il traguardo con un vantaggio di 1”481 su Daniel de Jong e tre secondi pieni su Sergey Sirotkin dopo una gara che è stata pesantemente influenzata da una partenza concitata.

Il paddock e i fan si aspettavano una corsa molto tirata tra i piloti che avevano conquistato le prime due file ma quando il semaforo si è spento le cose sono andate diversamente: la partenza di Quaife-Hobbs, Sirotkin e Pizzonia è stata buona ma alla Curva 2 il pilota brasiliano del team Zele Racing ha perso il controllo della propria vettura e ha tagliato sull’erba, piombando poi pesantemente sulla monoposto della Super Nova. Entrambi hanno dovuto così ritirarsi dalla gara, mentre più indietro un contatto tra Cipriani, Dracone e Snegirev metteva fuori gioco gli ultimi due.

A seguito dell’incidente, Varhaug si è trovato in testa alla corsa mentre Sirotkin ha perso tempo per evitare di essere coinvolto ed è scivolato dal secondo al quarto posto. Nel frattempo, con quattro vetture ferme in traiettoria la Direzione Gara non ha avuto altra scelta se non quella di utilizzare la safety-car per dare ai commissari il tempo di liberare la pista.

Al quinto passaggio, con la vettura staffetta ancora attiva, tutto il gruppo ha deciso di effettuare il pit-stop obbligatorio. È stato un momento chiave per de Jong e Sirotkin che grazie a due pit-stop velocissimi sono riusciti a sopravanzare Ricci, scivolato invece al quinto posto.

Si è dovuto attendere l’ottavo giro per vedere la ripartenza e Varhaug ha immediatamente iniziato a spingere, facendo segnare il giro più veloce della gara due volte di fila. Questo gli ha permesso di portare il proprio vantaggio su de Jong a quasi 2”, margine che è stato sufficiente a controllare la gara dato che da quel momento in poi i primi tre hanno girato con lo stesso passo fino alla fine: de Jong ha spinto al massimo per recuperare (ha pure battuto il giro veloce del pilota Virtuosi, anche se per soli 5 millesimi) ma non è riuscito a portare lo svantaggio sotto 1”5, mentre alle sue spalle Sirotkin tentava di tenere il passo e allo stesso tempo di tenere d’occhio negli specchietti un Campana dotato di un ottimo ritmo gara. Alle fine, dopo 21 giri, i primi quattro hanno tagliato il traguardo nell’ordine e Varhaug ha conquistato la sua prima vittoria in Gara 1 della stagione (fino ad oggi aveva vinto due volte ma soltanto in Gara 2).

Dietro Campana, quarto a circa 1” da Sirotkin dopo un’ottima gara, il resto del gruppo ha accusato distacchi più importanti. Al 5° posto ha chiuso Ricci, mentre Serenelli ha conquistato un bel 6° posto al rientro nella Serie. Kotaro Sakurai è subito finito a punti nella sua prima gara Auto GP grazie al settimo posto, così come l’altra deb Pippa Mann che ha chiuso in nona piazza. Tra i due si è piazzato Spavone, ottavo, mentre Michele La Rosa ha chiuso la zona punti.

Classifica

01. Pal Varhaug – Virtuosi UK – 21 giri
02. Daniel De Jong – Manor MP Motorsport – +1.481
03. Sergey Sirotkin – Euronova Racing – +3.062
04. Sergio Campana – Zele Racing – +4.190
05. Giacomo Ricci – MLR71 – +12.875
06. Giancarlo Serenelli – Ombra Racing – +24.124
07. Kotaro Sakurai – Euronova Racing – +31.442
08. Antonio Spavone – Ombra Racing – +48.695
09. Pippa Mann – Campos Racing – +1:00.705
10. Michele La Rosa – MLR71 – +1:02.979

Ritirati

11. Giuseppe Cipriani – Campos Racing – 8 giri
12. Adrian Quaife-Hobbs – Super Nova – 0 giri
13. Antonio Pizzonia – Zele Racing – 0 giri
14. Francesco Dracone – Virtuosi UK – 0 giri
15. Max Snegirev – Campos Racing – 0 giri


Stop&Go Communcation

Pal Varhaug e il team Virtuosi UK sono entrati nella storia dell’Auto GP, vincendo oggi la prima gara della serie […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/09/autogp-230912-01.jpg Sonoma, Gara 1: Pal Varhaug “corsaro” negli Stati Uniti