Per Luigi Vinaccia interrompere le vecchie, buone, abitudini non deve essere facile, tantomeno davanti al pubblico delle grandi occasioni. Il sorrentino, infatti, dopo la rinuncia alla prima prova del Campionato Slalom Mari e Monti 2007, organizzato dall’Autosport Sorrento, dall’AP Mount Racing e dal Rombo team, non ha più fallito un colpo, conquistando tutte le restanti quattro prove disputate. Un ruolino di marcia, quello di Vinaccia, da dominatore assoluto, senza avversari che al 21° Trofeo Città di Vico Equense ha vissuto l’ennesima replica. Tra due ali di folla che contornavano tutto il percorso di gara, perfettamente assistito dalla sua fida Osella-Alfa Romeo, con cui ha condiviso molte vittorie sulle strade di tutta Italia, Vinaccia ha solo dovuto fare attenzione al fondo stradale viscido che richiedeva una costante attenzione nella guida, piazzando nel secondo passaggio il 142.56 che gli è valso la migliore prestazione assoluta.

Nulla ha potuto fare per opporglisi Matteo Laudato, secondo assoluto alla guida della Symbol-Peugeot. Il salernitano era troppo impegnato a riprendere confidenza con la vettura, con la quale quest’anno ha disputato solo un’altra gara, e si è fermato a 146.43, a circa 4 secondi da Vinaccia. Il suo tempo, in costante miglioramento nel corso della gara, lo pone tra le possibili alternative al sorrentino, a patto che si faccia vedere più spesso sui campi di gara. Terzo assoluto è Salvatore Castellano, che è stato protagonista di un piccolo "miracolo" prima del via, quando ha sostituito il suo motore rottosi nelle fasi di riscaldamento prima della gara. Una rapida sostituzione del propulsore Kawasaki che spinge la sua Citroen AX gli ha permesso di partire regolarmente solo nelle ultime due manche. Castellano si è fatto trovare subito pronto, piazzando la prestazione che gli è valsa il gradino più basso del podio e la supremazia nella classe P2 e tra le vetture prototipo.

Quarto assoluto il solito stratosferico Luigi Sambuco, che ancora una volta ha portato in cima nel modo più veloce possibile la piccola Fiat 127-monstre preparata da Catapano. Il duo Vesuviano è sicuramente imbattibile nella sua classe, ma al Faito si è superato aggiudicandosi anche il Gruppo Speciale precedendo di 58 centesimi nella classifica assoluta Giancarlo Vuolo che ne è stato l’abituale leader. L’agerolese al Faito ha finalmente ritrovato la Peugeot 205 GTI con la quale è sempre tra i più veloci, ma stavolta nulla ha potuto contro Sambuco. Sesto assoluto e primo nel nugolo di Renault 5 GT Turbo salite in gara nella gara di Vico Equense è Antonio Mastromano. Stranamente falloso, due i birilli abbattuti nel corso della prima e della terza manche, il sorrentino ha comunque regolato i suoi due principali avversari di classe, Persico e Laudati, incredibilmente capaci di far segnare lo stesso identico tempo in gara! Persico è però ottavo assoluto grazie alla discriminante del secondo miglior tempo ottenuto in gara e Laudati si deve così accontentare della nona posizione assoluta. A chiudere la classifica dei primi dieci è Francesco Staiano, che sta via via prendendo le misure alla sua Peugeot 106-Honda di classe P2. Salito prudente nella prima manche ha poi migliorato fino al 157.45 colto nell’ultimo passaggio. Vincitore del Gruppo A e settimo assoluto è Fabio Durante, che ha trovato a Vico Equense un avversario in grado di impensierirlo per la vittoria di gruppo: Luigi Noviello, undicesimo assoluto. I due sono stati protagonisti di una lotta sul filo dei centesimi di secondo assolutamente entusiasmante, la più bella della giornata. Un errore per ciascuno ne ha limitato le prestazioni cronometriche nelle salite più veloci, altrimenti sarebbero finiti entrambi più in alto nella classifica generale. Il Gruppo N finisce nelle mani di Antonio Aprea, diciottesimo assoluto, mentre il GTI in quelle Giovanni Duraccio che approfitta della defaillance fisica di Marzuillo, costretto a fermarsi in gara da un doloroso mal di schiena. Con la gara di domenica nulla cambia in testa alla classifica del Campionato Mari e Monti, con Durante e Sambuco che ne condividono la leadership a pari punti. L’ultima gara, la Sorrento-S.Agata sui Due Golfi del prossimo 11 novembre, sarà quindi decisiva. L’attesa cresce …


Stop&Go Communcation

Per Luigi Vinaccia interrompere le vecchie, buone, abitudini non deve essere facile, tantomeno davanti al pubblico delle grandi occasioni. Il […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/logogarhb.jpg Slalom – 21