La seconda esperienza  di Cristiano Matteucci alla guida della Peugeot 207 S2000, il 18. Rally del Taro, in provincia di Parma, disputato lo scorso fine settimana, non ha permesso al pilota di poter proseguire l’apprendistato con la nuova vettura. La gara, secondo round del Campionato internazionale IRCup-Pirelli, per Matteucci, affiancato da David Castiglioni con l’esemplare della vettura francese firmato dalla bresciana PA Racing è coincisa con il ritiro per cause tecniche dopo due sole prove speciali disputate, quando occupava la quinta posizione di classe. Matteucci ha dovuto alzare bandiera bianca a causa di problemi di natura elettrica che non è stato possibile risolvere nei brevi tempi concessi dal rally per cui è stato inevitabile il doversi ritirare.
 
Il portacolori della Scuderia Etruria, è convinto comunque che la stagione potrà dare soddisfazioni: “Ovvio che quando ci si ritira, per qualsiasi motivo avvenga, si ha una delusione. Purtroppo i problemi elettrici denunciati dalla vettura non sono stati risolvibili, la squadra si è impegnata al massimo per ovviarli ma non è stato possibile ripartire. Comunque, le due prove disputate la macchina la sentivo davvero bene, credo si potesse fare una buona prestazione, quella che comunque auspico di trovare a breve. Le condizioni ci sono tutte”.


Stop&Go Communcation

La seconda esperienza  di Cristiano Matteucci alla guida della Peugeot 207 S2000, il 18. Rally del Taro, in provincia di […]

Rally del Taro amaro per Matteucci, fermato da evidenti problemi elettrici