Giornata di festa per la Superleague, giunta alla sua seconda edizione e per l’occasione inaugurata dal tracciato francese di Magny Cours che ospiterà i bolidi motor-calcistici per l’intero week-end in corso di svolgimento. Dopo i sorprendenti colpi di scena dell’ultima settimana, adesso è la pista a parlare dettando legge con i suoi verdetti inequivocabili. Il format delle qualifiche riprende a grandi linee quello dei maggiori campionati europei di calcio, visto che l’argomento centrale su cui poggia la serie riguarda proprio lo sport del pallone. Per la cronaca, è il Corinthians di Pizzonia a conquistare la pole position con il tempo di 1.26.555 dopo aver battuto in finale il Liverpool con un Valles in grande spolvero. Tanti problemi per Rigon e Pantano, che non sono riusciti a passare la seconda fase oltre quella a gironi del Gruppo B.

A seguire l'intera cronaca della sessione.

Si parte con i gruppi, suddivisi in A e B, in cui i Club dovranno giocarsi il tutto per tutto in soli 15 minuti, per accedere poi ai quarti di finale, semifinali e la lotta per pole position come una sorta di finale scudetto.

Gruppo A

La sessione parte rigorosamente alle 15.40 con il primo gruppo composto dallo Sporting Club, new-entry gestita dalla Zakspeed con Pedro Petiz alla guida, a cui fanno eco l’Anderlecht, la Roma, il Tottenham, tra le più veloci nella mattinata grazie all’estro del veterano Dolby, il Flamengo, il tanto chiacchierato Al Ain, il Liverpool col pretendente al titolo Valles, il Lione di Panciatici ed Epsilon, infine l’Atletico Madrid con il cinese Tung.

E’ lo Sporting ad aprire le danze con un tempo mediocre che si aggira sull’1.28.684, per poi essere abbassato repentinamente dall’Anderlecht, il quale scende grazie a Buurman sotto il muro dell’1.28. Ma i portoghesi rispondono sempre nella mediocrità perché distanziati ancora di oltre 7 decimi. Dopo appena 6 minuti scende in campo il Tottenham, questa volta con forza sull’1.26.628, dunque 457 meglio dei belgi dell’Anderlecht. Alle loro spalle spuntano i brasiliani del Flamengo, mentre la Roma giace al 6° posto senza infamia e senza lode con un ritardo di oltre 2 secondi dalla vetta, al momento.

Passato il giro di boa della frazione, è il Liverpool a far siglare il miglior tempo provvisorio in 1.26.493; il gap sul Tottenham è all’incirca di un decimo. Terza prestazione per l’Anderlecht, a cui seguono Flamengo, Sporting Club, Atletico, Al Ain, un Lione a tratti poco selvaggio ed infine la Roma. I madrileni si riscattano parzialmente a pochi minuti dal termine facendo siglare il 5° miglior tempo della sessione, a rischio eliminazione con un altro tentativo in saccoccia. La Roma invece non si migliora e rimane il fanalino di coda del gruppetto.

Accedono di diritto ai quarti di finale: Liverpool, Tottenham, Anderlecht ed il Flamengo.

Gruppo B

La seconda parte della fase a gironi si presenta più invitante agli occhi degli appassionati, vista la presenza del Milan, con Pantano, e dell’Olympiakos con Rigon alla guida, per difendere il titolo che sarà conteso anche dagli altri partecipanti a questa sessione, ovvero Psv Eindhoven, Basilea, Corinthians, Porto, la new entry danese Mydtylland, Glasgow Rangers ed il Galatasaray.

I primi a scendere in pista sono il Glasgow Rangers ed il Porto, che saranno anche i più veloci a far segnare un tempo per la qualificazione alla sessione successiva. Il Milan e l’Olympiakos decidono di attendere qualche minuto, mentre il Psv ed il Galatasaray arricchiscono di colori il tracciato transalpino di Magny Cours uscendo dal box.

Il Porto si lancia prima di tutto: si cerca la risposta vincente alla delusione dei cugini dello Sporting, con una qualificazione quanto mai difficile da agguantare secondo le previsioni della vigilia. Finalmente dopo qualche minuto di troppo scendono in pista anche Pantano e Rigon, mentre il Corinthians va subito in testa alla sessione con un tempo di 1.26.391, in vantaggio di 197 millesimi sul Porto, più distanziati gli scozzesi dei Rangers con 7 decimi di ritardo. Il Galatasaray accede in top 5 davanti al Psv Eindhoven, intanto Pantano e Rigon si lanciano quando mancano poco più di 5 minuti.

Il Glasgow si migliora e si fa sotto nei confronti del Porto con un decimo di ritardo rispetto ai portoghesi mentre Rigon conquista la 6° posizione con il tempo di 1.27.443. Pantano non compie il secondo passaggio per problemi al sistema del cambio sul volante, perciò si temono problemi sulla sua vettura gestita ‘solo’ per questa occasione dal team Azerti. Nel frattempo l’Olympiakos sale la china e guadagna una posizione, seppur alle spalle dei danesi del Mydtjylland che al momento sono gli ultimi a qualificarsi alle spalle del Corinthians, Porto e Glasgow Rangers.

La sessione si conclude senza troppi sussulti perciò il Corinthians, grazie ad una prestazione convincente del veterano Pizzonia, accede ai quarti col miglior tempo nell’aggregato tra i due gruppi, seguito a vicenda da Porto, Glasgow Rangers e Mydtjylland. Grande delusione per Rigon e Pantano, fuori dai giochi senza nemmeno aver passato la prima fase.

Quarti di finale

Il primo quarto di finale si rivela in realtà un derby brasiliano perchè vede sfidarsi il Flamengo ed il Corinthians; uno scontro appassionante che si trasferisce dal calcio al motorsport senza esclusioni di colpi tra i rispettivi big Bernoldi e Pizzonia. E’ il Corinthians a spuntarla sul Flamengo grazie ad un tempo di gran lunga migliore, addirittura oltre il secondo con un 1.27.129 rispetto all’1.28.909 dei rossoneri.

Il secondo match è sulla carta meno divertente rispetto al derby brasiliano, ma con Valles ed Andersen, ovvero Liverpool contro Midtylland, lo spettacolo sembrerebbe lo stesso assicurato! Ma in realtà non è cosi perché la vettura danese avverte dei problemi lasciando vita facile al rivale spagnolo, che non sforza la macchina e stampa un tempo altissimo sull’1.36 circa: meglio conservarsi per il gran finale.

Terzo match che vede contrapporsi l’Anderlecht con il Porto, per cui si parla di due squadre che conservano una tradizione calcistica elevata nei loro rispettivi paesi, ma non è detto che nel motorsport la musica cambi, dunque meglio godersi il match dalla durata di soli 2 giri. Buurman è il primo a transitare sul traguardo, Gommendy invece ha il vantaggio della scia e potrebbe usufruirne nelle parti più veloci del tracciato, ed infatti le previsioni danno ragione ai dragoni dell’atlantico che, con un tempo ottenuto in 1.31.918, sbaraglia il rivale olandese dell’Anderlecht.

L’ultima sfida dei quarti ricorda i classici derby britannici tra Scozia ed Inghilterra, anche se questa volta a darsi battaglia sono un australiano e proprio un alfiere d’oltre manica, ossia Martin dei Rangers e Dolby del Tottenham, rivali di uno scontro dall’esito incerto. Al giro di lancio, gli scozzesi sono lenti di un secondo rispetto agli Hotspurs, con lo svantaggio di trovarsi davanti nel momento del bisogno senza punti di riferimento.

Dolby vince il duello e porta il Tottenham al comando col crono di 1.26.670, mentre i Rangers sono secondi nella lista dei tempi con 3 decimi di ritardo, a dimostrazione del fatto che il duello è stato acceso più degli altri.

Semifinali

Il primo scontro per l’accesso alla fine è infuocato perché se la giocano i due big di giornata, Dolby e Pizzonia, con le rispettive vetture del Tottenham e Corinthians. I brasiliani passano prima il traguardo, la squadra londinese la segue come un segugio nel giro di lancio.

Il Corinthians passa in finale ringraziando l’errore di Dolby, che è costretto a cedere la prima fila ai brasiliani dopo aver forzato più del dovuto la propria vettura.

A sorpresa è l’Anderlecht a presentarsi nella semifinale contro il Liverpool, mentre non si hanno notizie del Porto, probabilmente afflitto da alcuni problemi dell’ultim’ora in vettura.

Come previsto, Adrian Valles ottiene il successo sull’Anderlecht compiendo anche il miglior giro in 1.26.421.

L’ultimo atto delle qualifiche vedrà di fronte Corinthians e Liverpool, le stesse che hanno dominato la fase a gironi.

Finale

La finalissima per la conquista della pole ha un sapore globale, vista la presenza in pista di Liverpool e Corinthians, due club che, nel calcio, si sono presi le loro soddisfazioni a livello intercontinentale oltre ai successi nazionali e continentali. Per la cronaca, è la squadra brasiliana a primeggiare al fotofinish sugli inglesi, così da conquistare la pole per la Gara 1 di domani. La differenza nei tempi è minima: il Corinthians ha siglato il best lap in 1.26.555, mentre il Liverpool è passata sotto la bandiera a scacchi con un ritardo di 299 millesimi.

Stefano Chinappi

Superleague – Magny Cours – Tempi Qualifiche:

Gruppo A:

1. Liverpool: Adrian Valles:1’26”493
2. Tottenham: Craig Dolby: 1’26”628
3. Anderlecht: Yelmer Buurman: 1’27”085
4.
Flamengo: Enrique Bernoldi: 1’27”285
5. Atletico Madrid: Ho-Pin Tung: 1’27”574
6. Sporting Lisbona: Pedro Petiz: 1’27”686
7. Al Ain: Miguel Molina: 1’27”909
8. Lione: Nelson Panciatici: 1’28”129
9. Roma: Jonathan Kennard: 1’28”963

Gruppo B:

1. Corinthians: Antonio Pizzonia: 1’26”391
2. Porto: Tristan Gommendy: 1’26”588
3. Glasgow Rangers: John Martin: 1’26”674
4. Midtylland: Kasper Andersen: 1’27”158
5. Olympiakos: Davide Rigon: 1’27”191
6. Basilea: Max Wissel: 1’27”223
7. Galatasaray: Duncan Tappy: 1’27”386
8. PSV Eindhoven: Dominick Muermans: 1’27”386
9. Milan: Giorgio Pantano: No Time

Quarti di finale:

– Corinthians: Antonio Pizzonia: 1’27”129
– Flamengo: Enrique Bernoldi: 1’28”909

– Liverpool: Adrian Valles: 1’36”417
– Midtylland: Kasper Andersen: No time

– Porto: Tristan Gommendy: 1’31”918
– Anderlecht: Yelmer Buurman: 1’36”913

– Tottenham: Craig Dolby: 1’26”670
– Glasgow Rangers: John Martin: 1’26”982

Semifinali:

– Corinthians: Antonio Pizzonia: 1’27”896
– Tottenham: Craig Dolby: 1’47”696

– Liverpool: Adrian Valles: 1’26”421
– Anderlecht: Yelmer Buurman: 1’27”275

Finale:

– Corinthians: Antonio Pizzonia: 1’26”555
– Liverpool: Adrian Valles: 1’26”854


Stop&Go Communcation

Giornata di festa per la Superleague, giunta alla sua seconda edizione e per l’occasione inaugurata dal tracciato francese di Magny […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/slf00_pizzonia1.jpg Magny Cours – Qualifiche – Finale: Pizzonia porta il Corinthians in pole, beffati al fotofinish Valles ed il Liverpool