L’operato della Direzione Gara di Vallelunga inerente la prima “manche” della Formula 3 italiana che ha causato il ricorso della Prema Powerteam contro la vittoria di Campana su Marciello e Lewis, riportato in esclusiva da Stop&Go subito dopo la pubblicazione delle qualifiche ufficiali, sta letteralmente spopolando sui social network… Sia su Twitter che su Facebook, infatti, il fattaccio della comunicazione via radio eseguita a Campana dal box BVM-Target (su segnalazione della direzione gara stessa) ha lasciato un pò tutti di stucco. Sul profilo Facebook di Luca Baldisserri si legge un eloquente “Amatoriale decisione del direttore di gara F3 a Vallelunga…”. Il motivo di tutto questo caos? Il mutismo verso la Prema che avrebbe potuto mettere in guardia il suo pilota, Raffaele Marciello, il quale avrebbe senza dubbio potuto avvantaggiarsi diversamente della situazione, invece di rimanere di stucco e imbambolato a vivere gli eventi…

Il fatto, oltre ad essere curioso, è amplificato dell’aggravante della lotta al titolo fra i due contendenti. Ma cosa è successo? Narriamo bene il tutto: dopo il giro di ricognizione Campana si posiziona in modo imperfetto (con mezza macchina avanti rispetto alla linea che ne delimita ) sulla sua piazzola all’esterno della prima fila e attende lo spegnimento dei semafori per lo start. Pronti via e il modenese brucia Marciello, ma dopo poche tornate la direzione gara mette sotto inchiesta la partenza di Campana. Tutti pensano inizialmente ad uno start anticipato, ma non è così. L’incriminazione (si saprà solo a fine corsa) è sul posizionamento della monoposto del pilota emiliano che, da regolamento, andrebbe punito dalla direzione gara con un drive-through o con 25 secondi di penalità a fine corsa. E invece accade l’impossibile… Campana, dopo aver preso un buon margine su Marciello, rallenta (quasi si ferma!) inspiegabilmente facendosi raggiungere da Marciello che, incredulo, non può che superare con estrema facilità l’esperto rivale della BVM-Target. Una manovra astratta, col modenese pronto immediatamente a rifarsi sotto e a infilare all’improvviso l’avversario, stordito dai fatti. Perché? Cosa è successo? Semplice, per chi sapeva… La direzione gara aveva pensato bene di avvisare solo una delle due parti in causa, lasciando la controparte all’oscuro della faccenda, “prendendo una decisione al di fuori delle regole  assolutamente arbitraria – sottolinea Luca Baldisserri a Stop&Go – e che dimostra l’incapacità assoluta del direttore di gara (Massimo Gambucci, ndr)”.

Da qui ovviamente il “pronto intervento” della Prema, con manoscritto immediato consegnato quale ricorso alle autorità competenti. Gara sub-judice? Lo sapremo probabilmente in tarda serata (quando pubblichiamo sono le ore 19.43) o domattina. Intanto però, come detto, l’ilarità sulla decisione sta facendo il giro del mondo. Non proprio una bella figura per la serie tricolore.

Michele Benso


Stop&Go Communcation

L’operato della Direzione Gara di Vallelunga inerente la prima “manche” della Formula 3 italiana che ha causato il ricorso della […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/10/fda0011.jpg Italia – Vallelunga, “ricorso Prema”: La polemica esplode su Facebook e Twitter