Un altro pilota britannico si affaccia all’IndyCar Series. Si tratta di Jordan King, che all’Ed Carpenter Racing rileverà il sedile dal team owner negli undici appuntamenti stagionali su circuiti stradali e cittadini, affiancando Spencer Pigot, promosso a “team regular”, sulla DW12-Chevy #20.

King, 23 anni, ex campione British F3, è reduce da ben tre stagioni in F2/GP2, disputate con Racing Engineering e MP Motorport, che hanno fruttato due vittorie e sei podi, e negli ultimi due anni ha svolto anche il ruolo di development driver con il team Manor F1.

Il contatto tra King e la serie è avvenuto anche per mezzo dell’ex compagno di squadra Alexander Rossi, che dopo una visita al season finale di Sonoma nel 2016 ha recentemente convinto la giovane promessa a tentare l’avventura oltreoceano, unendosi agli altri tre piloti britannici (Jones, Chilton e Harvey) già sicuri di disputare tutta o buona parte della stagione, cui si aggiunge Stefan Wilson, già cooptato per la prossima Indy 500.

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

L’ex development driver Manor F1 affiancherà Pigot sugli stradali

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2018/01/01-04-King-Joins-ECR-RoadStreet-With-Logo.jpg IndyCar – Un altro inglese nella serie, Jordan King