Sarà Jay Howard (nella foto) il terzo pilota dello Schmidt Peterson Motorsports alla prossima Indy 500. Il 36enne pilota inglese guiderà la DW12-Honda #77 grazie al supporto di Tony Stewart e alla sua fondazione One Cure.

Howard è alla sua seconda partecipazione alla classica dell’Indiana dopo il debutto nel 2011, proprio con uno sforzo congiunto tra l’RLL e l’allora Sam Schmidt Motorsports, col quale si laureò campione Indy Lights nel 2006.

In realtà si tratta della quinta apparizione complessiva di Howard, dopo Ie apparizioni del 2008, allorquando venne rimpiazzato da John Andretti, e del 2010, quando cedette la qualifica nel Bump Day. Vano anche il tentativo col Michael Shank Racing, che nel 2012 non riuscì a concretizzare il programma per assenza di motorizzazione.

Nuova livrea infine per Scott Dixon a St.Petersburg. Dopo l’abbandono dello storico sponsor Target, la Dallara-Honda #9 del team Ganassi si presenterà, ma solo nel season opener, con la livrea blu di General Electric. Il colosso dell’elettronica ha già vestito il team, sponsorizzando la #10 di Tony Kanaan lo scorso anno a Phoenix.

Il team Ganassi nel lungo periodo intercorrente tra le prime due gare stagionali, si preoccuperà di trovare uno sponsor primario adeguato alla punta di diamante della squadra.

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

Nuovo sponsor per Dixon ma solo a St.Petersburg

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2017/03/03-06-Howard-Joins-SPM-For-2017Indy500.jpg IndyCar – Jay Howard torna ad Indy con SPM