Concluse le due giornate di prove nel tracciato di Snetterton, il circus della Formula 2 non si ferma ed è già in viaggio verso il prestigioso autodromo di Silverstone, sede della terza ed ultima giornata di test prestagionali. La Williams JPH1B, così come la sua versione precedente, non ha deluso le aspettative, rivelandosi una vettura veloce, semplice ed affidabile, l'ideale per mettere alla luce le capacità di guida dei giovani piloti impegnati in questo campionato.

La sorpresa della due giorni di Snetterton, senza alcunissima ombra di dubbio, è stato Dean Stoneman. Dopo essere stato tre anni confinato in Formula Renault UK con tre vittorie conquistate nelle ultime due stagioni, il diciannovenne britannico ha stupito gli addetti ai lavori portandosi tra i più veloci già dalle prime tornate, per poi acciuffare la testa della classifica nella seconda sessione (tra l'altro abbassando di un secondo il record fatto segnare nel 2009 da Robert Wickens).  Pacato e per niente esaltato il suo commento: "Sono contento, mi sono concentrato sul mio programma, potevo anche essere più veloce. Abbiamo fatto alcuni giri con pneumatici nuovi per vedere il nostro livello ed abbiamo completato il set up. E' presto per trarre conclusioni, ci si può aspettare di tutto. Dopo la prima qualifica avremo un'idea più chiara, ma io sono quì per vincere il campionato".

In netto miglioramento rispetto alla scorsa stagione è parso Jolyon Palmer, figlio dell'organizzatore del campionato. L'inglese dopo un 2009 davvero deludente, con soli tre punti ottenuti in sedici round, sembra esser maturato approffittando dell'esodo dei vari protagonisti quali Soucek, Wickens, Aleshin e Bortolotti, per citarne alcuni.  Secondo nella classifica assoluta, il diciannovenne nativo di Horsham ha espresso pareri molto positivi riguardo la nuova monoposto: "La macchina ha molto più carico aerodinamico, nel complesso è migliorata in tutti i settori. Quest'anno ci sono maggiori possibilità di effettuare modifiche, ciò avrà certamente un grande impatto nel corso della stagione. Dobbiamo solo allenarci e prenderci mano, anche se la pista non ci ha aiutato, vista l'assenza di grip. Non abbiamo potuto fare molti long run, ma sono comunque soddisfatto, la pioggia nel finale ci ha aiutato a raccogliere altri dati".

Si è definito diverso e trasformato dalla pausa invernale l'altro britannico Tom Gladdis, anch'esso al suo secondo anno nella categoria. Catapultato la scorsa stagione in Formula 2 con un bagaglio d'esperienza nei campionati europei abbastanza scarno ma soprattutto con una bacheca trofei vuota eccezion fatta per i risultati ottenuti oltreoceano nella Star Mazda, il diciannovenne ha concluso i test di Snetterton con il sesto crono. "In vista del test ero un po' arrugginito, visto che la mia ultima volta in macchina era stata a Barcellona" – ha dichiarato Gladdis – "All'inizio ero nervoso, poi ho ripreso a spingere e mi sono sentito a mio agio. La pausa mi ha fatto bene, ho cambiato mentalità, ora ho una maggiore sintonia con la vettura, sono meno nervoso e mi concedo una guida anche più aggressiva. L'anno scorso una volta sesto mi sarei adagiato soddisfatto, qui invece ho continuato a tirare". Parlando dell'imminente stagione 2010, il driver nativo dell'isola di Wight avrà l'importante compito di migliorare le pessime prestazioni registrate nel 2009: "L'obiettivo è quello di raccogliere sempre e costantemente punti. In passato ho fatto alcuni errori dovuti all'inesperienza, ma ora mi sento molto più sicuro. La monoposto è dannatamente migliorata! L'accelerazione è ottima, sono molto fiducioso".

Tra i rookie 'infernali' che hanno infestato il paddock certamente non resterà inosservato il belga Benjamin Bailly. Nonostante la scarsa esperienza su monoposto, infatti, il diciannovenne ha confermato le ottime prestazioni messe in mostra nei test di Portimao e Valencia candidandosi come una probabile sorpresa della nuova stagione: "Ho imparato molto qui. A Portimao e Valencia soffrivo sulle curve veloci, a Snetterton invece sono migliorato tanto. Sul bagnato mi sono divertito, sono stato per molto tempo primo. Non vedo l'ora di arrivare a Silverstone".

Come da copione subito tra i più performanti l'austriaco Philipp Eng, ostacolato però nel secondo giorno da un guasto meccanico. Tra i super favoriti alla vittoria del titolo, il giovane ventenne ha ostentato serietà e maturità da vendere: "Sono soddisfatto, la macchina a parte qualche problema d'affidabilità risolvibile si è mostrata veloce. E' bene che siamo in alto in classifica, ma non dobbiamo concentrarci solo sul tempo. La stagione è molto lunga quindi ho intenzione di migliorare le mie capacità di sviluppo".

I driver torneranno in pista Lunedì 12 Aprile a Silverstone per completare il lavoro e per prepararsi nel migliore dei modi possibili per il primo appuntamento, il quale si terrà nel medesimo tracciato durante il week-end del 17 e 18.

Antonio Mancini


Stop&Go Communcation

Concluse le due giornate di prove nel tracciato di Snetterton, il circus della Formula 2 non si ferma ed è […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/f2djm1006ap64.jpg Il circus in viaggio verso Silverstone: le dichiarazioni dei protagonisti dopo i test di Snetterton