Ancora una doppia vittoria per la Ferrari F 430 che si è imposta nelle due gare del 5° appuntamento stagionale del Sara GT Campionato Italiano Gran Turismo con gli equipaggi "Linos"-Mugelli e La Mazza-Bontempelli. In gara-1 i portacolori dell’EdilCris hanno preceduto Casè-Livio (Advanced Engineering) e Tenchini-Plati (Easy Race), entrambi su Ferrari F 430, mentre in gara-2 La Mazza-Bontempelli, sono saliti sul gradino più alto del podio davanti ai portacolori dell’Advanced Engineering, Casè-Livio e Zampaloni-Marti (Ferrari F 430). Nella GT3A, doppia vittoria di Ragazzi-Pavoni (Aston Martin DBRS9), così come nella GT3B si è imposto nelle due gare lo svizzero Ronnie Kessel (Ferrari F 430). Nella GT Cup, vittorie di Giorgio Bartocci e Merzario-Proietti (Porsche 997).

Gara-1: Si è decisa al cambio pilota la prima gara della giornata, quando Mugelli dopo aver preso la vettura da "Linos", abile a mantenere per tutto il primo stint la terza posizione, passava al comando sfruttando le penalità in tempo degli avversari. Al via Alessi (Ferrari 360-Made in Italy) era velocissimo e si portava al comando davanti a Casè, "Linos" ed uno straordinario Piccini, primo della GT3A, che con la sua Lamborghini Gallardo manteneva l’andatura delle ben più potenti GT2. Quinto era La Mazza che precedeva Plati, Schiattarella (Ferrari F 430-Mastercar) e Coldani, primo della GT3B. Sfruttando la bagarre alle sua spalle tra Casè e "Linos", Alessi allungava con decisone sugli avversari, mentre Plati, sesto, perdeva la scia di La Mazza nel contatto con un doppiato. Al cambio pilota era così Mugelli a portarsi al comando davanti ad Orts, subentrato ad Alessi, Livio, succeduto a Casè e Tenchini che aveva preso il volante da Plati. Quinto si confermava Bontempelli, subentrato a La Mazza, mentre Berton, che aveva sostituito Piccini, doveva scontare da regolamento ben 45 secondi di penalizzazione ai box che gli facevano perdere la quarta piazza.

Una volta al comando Mugelli non aveva difficoltà a mantenere la posizione. Anzi, il pilota toscano allungava subito su Orts, quest’ultimo superato dapprima da Livio e poi anche da Tenchini, mentre Bontempelli doveva rientrare ai box per scontare uno stop e go per velocità eccessiva in occasione del cambio pilota. Della penalizzazione ne approfittava Castellaneta (Porsche 997-Autorlando), in grande recupero dopo il primo stint di Formilli Fendi, inserendosi quinto alle spalle di Tenchini.

Gli ultimi giri regalavano ancora emozioni con Berton che, risalito fino all’ottava posizione, doveva abbandonare per il dechappamento dello pneumatico posteriore sinistro. Ma era la lotta per la quinta posizione ad infiammare il finale di gara, con Bontemperlli che in un paio di occasioni affiancava all’esterno Castellaneta. All’ultimo giro il pilota monzese usciva sulla sabbia perdendo il contatto con il portacolori dell’Autorlando ma, fortunatamente, riuscendo poco dopo a rientrare sul nastro d’asfalto.

Sul traguardo Mugelli andava a conquistare la quarta vittoria della stagione davanti a Livio, Tenchini, Orts, Castellaneta e Bontempelli. Marti concludeva settimo davanti a Castellano e Ronni Kessel, vincitore della classe GT3B. Ragazzi-Pavoni (Aston Martin DBRS9-BMS Scuderia Italia), undicesimi assoluti, si imponevano nella GT3A, mentre Giorgio Bartocci (Porsche 997-Frenotecnica) saliva sul gradino più alto del podio nella GT Cup.

Gara-2: Il poleman Bontempelli non aveva avversari nelle prime battute di gara. Il portacolori dell’Edil Cris sfruttava al meglio la pole portandosi al comando davanti a Tenchini, Palma, Livio, Marti, Mugelli e Ragazzi, che cedeva poco dopo la leadership della GT3A a Berton. Al sesto passaggio il vantaggio di Bontempellii su Tenchini saliva ad oltre cinque secondi, ma al giro successivo la safety car neutralizzava la gara in seguito ad un incidente che vedeva coinvolte le vetture di Bartocci, Earle e Orts. Alla restart all’undicesimo passaggio e a conclusione di tutti i cambi pilota, era la Mazza a confermarsi al comando davanti a Plati, Cerrai, Zampaloni, Casè e Ronnie Kessel, ancora primo della GT3B. Al 17° passaggio, Piccini in lotta con Formilli Fendi per l’ottava piazza, usciva sulla sabbia ed era costretto al ritiro, mentre al romano veniva comminato uno stop & go. Al comando, intanto, giro dopo giro Plati e Cerrai si avvicinavano al leader della corsa. I tre, racchiusi in appena un secondo, iniziavano un acceso duello a quattro giri dalla conclusione e, in una di queste fasi, Plati usciva da solo sulla sabbia dopo essere salito su un cordolo. Ma i colpi di scena non erano finiti e, a tre tornate dalla conclusione, Cerrai in una fase di sorpasso a La Mazza lo toccava, concludendo poco dopo la gara. Il siciliano, invece, nonostante il contatto della gomma posteriore sinistra con la carrozzeria , riusciva a terminare la gara davanti a Casè, che nelle ultime battute guadagnava una facile seconda posizione ai danni del suo compagno di squadra Zampaloni. Quarto era "Linos" che chiudeva davanti a Ronnie Kessel, primo della GT3B, Coldani, Khan, Greco e Pavoni, che bissava il successo di gara-2 nella GT3A. Formilli Fendi era decimo davanti a Merzario-Proietti che si aggiudicavano la GT Cup.


Stop&Go Communcation

Ancora una doppia vittoria per la Ferrari F 430 che si è imposta nelle due gare del 5° appuntamento stagionale […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/linos.jpg Gt Italia: Mugello, 1-1 fra Linos-Mugelli e La Mazza-Bontempelli