L’European Le Mans Series è pronta a passare il giro di boa con il quarto round stagionale di Silverstone.

Il tradizionale appuntamento inglese, spostato quest’anno dalla sua naturale collocazione primaverile in funzione delle esigenze della “Super-Season” WEC, con cui dividerà ancora una volta il weekend, si presenta ancora una volta ghiotto di aspettative.

In prima battuta la lotta per il vertice, che vede l’Oreca del G-Drive ed i suoi piloti Roman Rusinov ed Andrea Pizzitola al comando della classifica generale dopo i netti domini a Monza e al Red Bul Ring (i successi consecutivi salgono addirittura a quattro se contiamo il successo di classe a Spa e l’affermazione, su cui pende la nota squalifica, di Le Mans). Ad affiancarli ancora una volta il neocampione della Formula E, Jean-Eric Vergne.

L’eliminazione dal secondo posto del round austriaco della vettura del Duqueine Engineering ha permesso all’Oreca del Racing Engineering, terza al traguardo, di rimanere a soli 9 punti dai capolista. Olivier Pla, impegnato con la Ford nel WEC, verrà sostituito dal “prezzemolo” Mathieu Vaxivière, due secondi posti con la vettura del TDS, che questo weekend sarà impegnata solo nella 6 ore mondiale.

La seconda defezione tra le LM P2 rispetto al Red Bull Ring è in casa IDEC, dove non sarà schierata la Ligier portata in pista in Austria anche dal DS Nicolas Minassian. Le altre variazioni della categoria riguardano la line-up a due dell’SMP con i soli Victor Shaitar e Matevos Isaakyan sulla Dallara #35, ed il ritorno nella categoria di Garry Findlay da Spa 2016 sull’Oreca pure marcata G-Drive gestita dal Graff per James Allen e Josè Gutierrez.

Ancora una volta i colori italiani verranno difesi dalla Dallara del Cetilar Villorba Corse di Giorgio Sernagiotto, Roberto Lacorte e Felipe Nasr.

Il conto delle LM P3, dove l’equipaggio di RLR MSport conduce di sole 4,5 lunghezze su Giorgio Mondini e Kay van Berlo, cresce di un’unità rispetto all’Austria grazie alla Ligier del Team Virage, nuova denominazione del Racing for Poland, per lo svedese Henning Enqvist, con cui ha già corso a Monza, ed il britannico Jacob Rattenbury, al debutto assoluto nella serie.

A livello di equipaggi invece, la giovane promessa della Carrera Cup Italia Mattia Drudi debutterà con Eurointernational sulla Ligier #12 insieme ad Andrea Dromedari e Max Hanratty. Assente ancora una volta Mikkel Jensen per AT Racing, sostituito come a Le Castellet da Yann Claray,

In casa 360 Racing invece rientra James Swift, assente al Red Bull Ring, così come Romano Ricci sulla Norma #19 dell’YMR, mentre lo svizzero Christian Vaglio prende il posto di Alexandre Coigny sulla Ligier del Cool Racing. Per finire, ancora TBA l’equipaggio del DKR Engineering.

In GTE infine, ritorno dopo il Paul Ricard della Porsche 911 del Gulf Racing UK, attesa col suo equipaggio al doppio impegno sul circuito di casa. La classifica tra i 6 equipaggi “full-season” è cortissima, e a metà del percorso, con la bellezza di 78 punti in palio, si dipana tra i 54 punti di Gianluca e Giorgio Roda Jr ed i 30 dell’equipaggio del Krohn Racing capitanato da Andrea Bertolini. Osservati speciali il JMW Motosport e la gialla Ferrari 488, campioni in carica, guidati dal factory driver del Cavallino Miguel Molina, reduci dal ritiro austriaco.

Novità infine in casa Ebimotors, seconda in graduatoria ad 8 lunghezze dal vertice, che farà debuttare il nuovo telaio Porsche costruito appositamente per il team comasco; al volante, oltre a Fabio Babini e Riccardo Pera, come in Austria lo statunitense Bret Curtis.

Appuntamento in pista venerdì 17 agosto alle 10.35 con le prime libere. Qualifiche e gara sabato 18.

Piero Lonardo

L’entry list della 4 Ore di Silverstone ELMS


Stop&Go Communcation

Ancora 42 vetture per aprire la seconda metà del campionato

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2018/08/PL58937-1024x682.jpg ELMS – G-Drive: avversari cercasi a Silverstone