La A1GP World Cup of Motorsport sta facendo il massimo per assicurare a tutti i suoi piloti e ingegneri la possibilità di conoscere nel dettaglio la nuova macchina Powered by Ferrari, grazie a un programma di simulazione creato apposta per la serie dalla società ‘All In Sports’. Il simulatore, che si trova a Modena, è stato progettato per istruire piloti e ingegneri all’uso dei sistemi elettronici della nuova vettura, risultando fondamentale per le prove dei corridori. Grazie alla supervisione di Anton Stipinovich, lo specialista che ha condotto gli studi sullo sviluppo dell’elettronica e membro chiave della squadra del programma di sviluppo della monoposto A1GP Powered by Ferrari, il sistema è visionato e messo in funzione da un’esperta squadra di ingegneri con esperienza anche in Formula 1.

Il sistema di simulazione è stato progettato e adattato esclusivamente alle caratteristiche della nuova macchina A1GP. Ricopre, infatti, quegli aspetti necessari ai piloti per allenarsi, cominciando a prendere confidenza con l’elettronica che controlla aree come il motore, il cambio e lo sterzo. Ingegneri e piloti possono lavorare direttamente sulla telemetria e sull’analisi del software, concludendo lo sviluppo delle performance una volta sul tracciato. Altri importanti vantaggi derivano dal fatto che i corridori hanno la possibilità di migliorare i tempi di reazione, imparare i circuiti che affrontano per la prima volta e le caratteristiche degli pneumatici Michelin. Grazie a tutto ciò, gli ingegneri possono verificare in tempo reale il progresso dei piloti.

Thomas Biagi, uno dei piloti delle test cars, è stato sia nella macchina che nel simulatore: «Per chi corre è uno strumento senza dubbio utilissimo. Tutto è riprodotto perfettamente all’interno dell’abitacolo: quando saliremo sulla monoposto già ne conosceremo il software. I tracciati sono molto realistici: sarà un grande allenamento per i piloti che devono affrontare per la prima volta delle piste che non conoscono. Ho avuto modo di lavorare con il team ‘All In Sports’ per rendere il simulatore il più vicino possibile alla realtà: siamo molto soddisfatti del risultato ottenuto. Consiglio a tutti i piloti di passare del tempo sopra questo simulatore».

La squadra detentrice del titolo, l’A1GP Switzerland, ha voluto mandare il suo pilota di punta, Neel Jani, a provare il sistema: «Mi è piaciuto moltissimo, in questo modo si possono imparare i nuovi sviluppi dell’elettronica e usare i tasti presenti sullo sterzo. Questo è particolarmente utile per i rookie che arrivano da categorie in cui l’elettronica è assente. E’ una buona cosa da fare prima di salire sulla macchina per la prima volta, puoi conoscere nel dettaglio la vettura senza correre il rischio di danneggiarla».

Alan Jones ,titolare dell’A1 Team Australia: «Credo che ogni tecnologia volta ad aiutare i piloti a prendere confidenza con il circuito sia da vedere in modo positivo. Poter correre in anteprima su un circuito è un’eccellente opportunità e ho raccomandato alla nostra squadra di mandare i piloti a usare la struttura prima che la stagione cominci».


Stop&Go Communcation

La A1GP World Cup of Motorsport sta facendo il massimo per assicurare a tutti i suoi piloti e ingegneri la […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/a1gpthe-Simulation-21.jpg Ecco l’esclusivo simulatore della nuova monoposto powered by Ferrari