Per un pilota di Fasano vincere nella propria gara, tanto più se si tratta della classifica assoluta, è uno dei più importanti traguardi in carriera. È andata così oggi a Francesco Leogrande, che ha condotto la propria Osella FA30-Zytek più rapidamente di tutti i 204 piloti al via della 56esima edizione della Coppa Selva di Fasano.

Leogrande è salito in cima in cima alla Selva amministrando il vantaggio accumulato nella prima manche, quando era risultato il più veloce, mantenendo pure il proposito di migliorare il rilevamento segnato ieri in prova. La vittoria del 49enne pilota di Fasano è di quelle che contano, soprattutto considerando che la gara odierna, valida quale secondo appuntamento del Campionato Italiano Velocità della Montagna, Zona Centrosud, è la migliore risposta a un fior di avversario come il calabrese Domenico Scola (Osella PA 21/S-Honda). Quest’ultimo, un mese fa, aveva vinto il primo impegno di campionato a Luzzi, proprio davanti a Leogrande.

“La tensione di un pre-gara molto sentito psicologicamente da tutti è cresciuta progressivamente, soprattutto nelle ultime due settimane”, ha dichiarato Francesco Leogrande, appena sceso dalla propria vettura a fine gara. “A puntare alla vittoria non ero solo: sapevo benissimo di avere un grande avversario in Domenico Scola, ma come hanno espresso le classifiche fin dalla prima manche, anche Michele Fattorini si è rivelato estremamente competitivo”.

Quest’ultimo si è presentato a Fasano al volante di una Lola B02-Zytek, dal passo e dai suoni davvero emozionanti per i 30 mila spettatori che hanno assistito alla gara, stazionando ai bordi del percorso fin dalle prime ore della giornata. Fattorini, diciannovenne pilota di Orvieto, è un’altra delle giovani promesse delle cronoscalate italiane, insieme al ventunenne Scola. Il suo passo in prima manche è stato di valore assoluto, tanto da imporsi come primo avversario di Leogrande.

Ma il tempo di 2’13”34 segnato da quest’ultimo (nettamente più veloce del 2’17”00 registrato ieri in prova) è stato più rapido di ben 4”18 di quello di Fattorini. Leogrande ha visto la vittoria nelle sue mani, decidendo un passo meno rischioso nella seconda salita ma pur sempre migliore di tutti: 2’14”57 il suo tempo, contro 2’16”14 registrato dall’avversario. Nella somma dei tempi, il distacco tra i due è così salito a 5”75.

Anche Domenico Scola ha fatto di tutto per entrare in lizza per la vittoria, migliorandosi in 2. manche ma senza riuscire a scendere sotto i 2’17. Per Leogrande era fatta: la 56esima Coppa Selva di Fasano è oggi per la prima volta sua, 16 anni dopo l’ultima vittoria di un pilota di Fasano (Oronzo Pezzolla nel 1997) e 13 anni più tardi del più recente successo di Pasquale Irlando, nativo della vicina Locorotondo.

Emozioni in ascesa a Fasano. Tutte le emozioni vissute oggi a Fasano non si condensano solo nella lotta per la classifica assoluta: una splendida Ferrari 550, portata in gara dal napoletano Piero Nappi, è stata la ammiratissima GT che ha colto il 9° posto assoluto, scalzando diverse vetture Prototipo dalle prime posizioni. Spettacolare anche l’Alfa 155 ITC del teramano Marco Gramenzi, 11° assoluto, come altrettanto esaltanti sono stati i passaggi del cosentino Giuseppe Aragona (Peugeot 106 16V), 14. assoluto e vincitore della classe E1-1600. Migliore in Gr.N è stato il salernitano Giovanni Del Prete, 15° assoluto su Mitsubishi Lancer Evo IX.

Il sammarinese Alex de Angelis, “in ferie” dalla Moto2 del Motomondiale, è la star del Trofeo Vip. Gli organizzatori della Egnathia Corse, guidati dalla presidente Laura De Mola, hanno replicato la fortunata idea della gara nella gara, riservando alcune Volkswagen Lupo a Vip dello sport e dello spettacolo. De Angelis non si è risparmiato di fronte al fasanese Vittorio Ghirelli, pilota nella serie per monoposto Auto GP. Il confronto si è concluso con la vittoria del motociclista, alla sua prima impresa in una cronoscalata e intenzionato a ripetere l’esperienza.

Gli attori non hanno sfigurato, visto che Flavio Montrucchio, reduce dal programma di Rai 1 “Tale e quale show”, ha sorpreso tutti andando a centrare il podio.

Classifica

  1. Francesco Leogrande – Osella FA30 – 2:13.34
  2. Michele Fattorini – Lola B02/50 Zytek – 2:17.52
  3. Domenico Scola Jr – Osella PA 21/S – 2:18.92
  4. Vincenzo Conticelli – Osella PA 30 Zytek – 2:23.69
  5. Angelo Marino – Lola Dome – 2:25.91
  6. Rosario Iaquinta – Osella PA 21 Evo – 2:23.82
  7. Francesco Conticelli – Osella PA 21 Evo – 2:26.75
  8. Domenico Cubeda – Radical SR4 – 2:27.90
  9. Pietro Nappi – Ferrari 550 – 2:30.44
  10. Sergio Farris – Formula Master – 2:32.50


Stop&Go Communcation

Francesco Leogrande ha condotto la propria Osella FA30-Zytek più rapidamente di tutti i 204 piloti al via della 56esima edizione della Coppa Selva di Fasano.

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/06/civm-fattorini-selva-fasano-100613-01.jpg CIVM – Selva di Fasano: Leogrande vince la gara di casa