Pienone nell’elenco iscritti anche alla 44^ Coppa Bruno Carotti, la 6^ prova del Campionato Italiano Velocità Montagna organizzata dall’Automobile Club Rieti. La classica laziale Rieti – Terminillo si svolgerà domenica 8 luglio sui 15 Km della S.S. 4 bis, che uniscono Rieti alla nota località turistica del Monte Terminillo, per una pendenza media del 7% su un dislivello di 1.125 metri.

Un tracciato altamente tecnico che esalta la capacità di interpretare la strada e le sue traiettorie più proficue. Sul Terminillo saranno determinanti le scelte non solo di assetto e gomme ma anche di rapporti al cambio.

Presenze massicce in tutte le classi, ma in particolare in quelle riservate alle sport prototipo ed alle monoposto, ormai vero avversario di riferimento.

Tra i 30 concorrenti del gruppo CN il leader Simone Faggioli dovrà usare tutta la sua abilità per mantenere in vetta alla classifica la sua Osella PA 21/S Honda e centrare la vittoria tra le 19 CN 2000 presenti, tra le quali svettano le gemelle dei di compagni di squadra Cristian Merli, il trentino secondo in classifica, il toscano david Baldi, il bresciano campione europeo Giulio Regosa e dell’ascolano Filippo Marozzi. Pronti ad attaccare un folto gruppo di temibili avversari ad iniziare dal ventitreenne siciliano Luigi Bruccoleri reduce dall’ottima terza piazza di gruppo a Trento con la sua Osella PA 21/S curata da Voletto e l’orvietano Fabrizio Fattorini su vettura uguale. L’esperto ascolano Fabrizio Peroni sarà al via sulla sua Lucchini motorizzata Honda, mentre sulle Picchio Ligths del Team Pomozzi in continuo sviluppo saranno in gara il tester della squadra l’umbro Andrea Picchi ed il pugliese Giovanni Angelini. Osella PA 21/S Junior per il pisano Michele Camarlinghi. Lotta aperta in classe 3000 dove sotto i riflettori vi è il calabrese di Reggio Calabria Carmelo Scaramozzino, reduce da una vittoria in casa nelle scorse settimane con la sua Breda BMW, il siciliano Giovanni Cassibba con l’Osella PA 20/S BMW, vettura uguale curata da Napione per il giovanissimo Lanfranco Evans, che si è ben comportato anche alla Trento – Bondone, mentre l’esperto aquilano di Avezzano Stanislao Bielanski piloterà la Lucchini BMW.

La Coppa Carotti è forse la gara più attesa dai piloti delle monoposto di gruppo D E/2, un tracciato dove si possono esprimere a pieno le potenzialità delle neo entrate nelle classifiche di C.I.V.M.. Fiducioso nella prestazione della sua Lola Zytek è il pilota calabrese della Promotorsport Rosario Iaquinta. Il leader nella classifica del Trofeo di gruppo potrebbe guadagnare punti pesanti a Rieti. Spera di entrare maggiormente in sintonia con l’assetto della sua Lola motorizzata Mugen il pistoiese Franco Cinelli, attualmente secondo. Dopo la pausa trentina di nuovo in gara il cosentino Massimo Gervasi il piemontese Maurizio Rosaio, al 5° posto in classifica, entrambi su Lola F3000 del Team Tschager. Presente anche il toscano Armando Mangini con la sua Lola Zytek e Fausto Bormolini, ottimo 3° di gruppo a Trento con la sua Reynard. Torna in gara anche il pugliese Oronzo Pezzolla con l’obiettivo di migliorare la sua terza posizione di gruppo al volante della Gloria C7P motorizzata Suzuki, che lo stesso vincitore del gruppo E/2 2006 sta sviluppando. Al via anche il sempre più convincente bresciano Nino Ghiaini a ridosso del podio di gruppo e vincitore di classe a Trento con la sua Ghipard 1000.

In gruppo E/2 sempre più solo il leader Pasquale Irlando sulla vettura sviluppo Osella PA 21/S Honda, reduce dalla bella vittoria a Trento. Il lucano Lorenzo Mossucca ed il ventiduenne siciliano Alberto Chinnici saranno al volante delle Osella PA 21/S junior, abituali frequentatori della massima serie tricolore. Tra le altre presenze da segnalare quella dell’esperto cosentino Domenico Scola al volante della Osella PA 21/S Honda di classe 2000, come il partenopeo Piero Nappi desideroso di provare a dovere il nuovo motore, su vettura uguale l’immancabile ascolano "Sassa Roll Bar" e nuova entrata per l’agrigentino pistaiolo Gaetano Contino su Osella PA 21/S.

Si annuncia una spettacolare battaglia in gruppo GTM dove il leader teramano Marco Gramenzi, dovrà difendere la sua posizione usando tutto il potenziale della bella Chrysler Viper, dopo il ritiro di Trento. All’attacco della vetta il padovano Roberto Ragazzi con la sua Ferrari F430, mentre tornano in gara le Ferrari del team Isolani, dove lo stesso Leo mira al ruolo da protagonista nel gruppo con l’ammiratissima 575 con la quale ha vinto l’edizione 2006 della corsa e ormai perfettamente a suo agio nei tracciati delle salite. Il locale Stefano Pierdomenico sarà impegnato al volante della 360 Modena a ben figurare nella gara di casa ed a prendersi la rivincita sulla sorte che lo ha fermato lo scorso anno. Ferrari 360 Modena anche per il veneto "Ragastas". Nella classe maggiore presente anche la Porsche GT3 del rallista lucchese Riccardo De Bellis.

Particolarmente animato il gruppo E1, nel quale il teramano Roberto Di Giuseppe nuovo leader, dovrà difendere la posizione con la sua potente Alfa 155 GTA della classe regina, autore di due ottime prestazioni a Verzegnis e Trento, ma il tracciato reatino potrebbe favorire la veloce ed agile BMW 320 di classe 3000, del romano campione in carica Marco Iacoangeli, che a fare gioco di squadra avrà anche papà Maurizio su vettura uguale. Sempre nella classe regina il bolognese Fulvio Giuliani cercherà le regolazioni ideali sulla sua Lancia Delta EVO, non trovate soprattutto nelle ultime gare. I toscani Fabrizio Pandolfi e Franco Perini, come il pescarese Silvano Laschino animeranno la classe fino a 3000 con le loro aggressive Alfa 155 V6 TI. In classe fino a 2000 da segnalare la presenza del giovane pistaiolo siciliano Francesco Di Natali al volante della BMW 320 e dell’aretino di Sansepolcro Graziano Buttoletti su Alfa 147.

In gruppo A assente il leader Rudi Bicciato su Mitsubishi, favorito dal gioco degli scarti con 5 vittorie su altrettante partecipazioni, sotto i riflettori il pescarese Sergio Santuccione che ha scelto la BMW M3 della massima classe oltre 3000 per la gara reatina, come il locale Silvano Piccinellli. In classe 2000 agonismo altissimo con la presenza del triestino leader Paolo Parlato su Honda Civic, sfortunato a Trento, dell’ascolano Roberto Cinelli e la sua Renault Clio Williams curata dalla Crono Race, la versione RS del catanese Salvatore D’Amico di preparazione Vasta, uguale quella del locale Tiziano Marchioni, mentre su Peugeot 306 dell’Antonelli Sport vi sarà il giovane pescarese Giuliano Pirocco. Attesi i protagonisti della classe fino a 1600 dove è di nuovo presente il toscano secondo in classifica Lorenzo Bindi con la sua agile e scattante Peugeot 106 1.6 16V della Giraldi Tecnosport, il ventenne salernitano Angelo Marino su vettura gemella, come l’esperto ed insidioso pescarese Gabry Spacco ed il giovane e già convincente calabrese Domenico Chirico. Fiducioso nell’impegnativo tracciato del Terminillo il poliziotto salernitano Giovanni Loffredo, che ha preparato bene la corsa con nuove soluzioni di cambio sulla sua Citroen Saxo VTS in continuo sviluppo. Al via in classe fino a 1400 il leader salernitano Francesco Paolo Cicalese su Peugeot 106 Rallye ed il diretto amico e rivale Giuseppe Ferraiuolo su vettura uguale.

In gruppo N non sarà presente il veneto nuovo leader Romy Dall’Antonia, vincitore a Trento con la sua Honda Civic. Scontro nella classe regina per la conquista della vetta tra il veneto Lino Vardanega ed il pescarese Roberto Chiavaroli entrambi la volante delle BMW M3, curata dal friulano Giust la prima e dall’AC Racing quella dell’abruzzese. Alla conquista della classifica di classe 2000, ma da tenere sotto controllo anche in quella di gruppo le Honda Civic Type-R dell’abruzzese Serafino Ghizzoni e dell’ascolano Claudio Cinelli, contro le Renault Clio RS del potentino Achille Lombardi, dei pugliesi Oronzo Montanaro e Michele Calabretto. Tra le 1600 il salernitano Giovanni Rea, ottimo conoscitore della gara punterà dritto al successo con la sua Citroen Saxo, come il catanese Goisuè Leocata su vettura gemella sfortunato a Trento. Su Peugeot 106 1.6 tra gli altri il pugliese Gianluca Rodino ed il locale Giovanni Lisi. In classe 1400 da seguire la gara del pugliese Maurizio Cuoco e Giovanni Dionisi su Peugeot 106 Rallye.


Stop&Go Communcation

Pienone nell’elenco iscritti anche alla 44^ Coppa Bruno Carotti, la 6^ prova del Campionato Italiano Velocità Montagna organizzata dall’Automobile Club […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/Bruccoleri.jpg CIVM: Giro di boa alla Rieti-Terminillo questo fine settimana