Entusiasmante ed incerta fino all’ultimo la 46^ Coppa Paolino Teodori, l’ottava gara del C.I.V.M. organizzata dall’efficiente Gruppo Sportivo Automobile Club Ascoli Piceno, sui 5,038 Km invasi dal pubblico, che da Colle San Marco portano a Colle San Giacomo 379 metri più in alto coprendo un dislivello del 7,52%, alle porte del capoluogo Piceno.

Vittoria del calabrese Rosario Iaquinta che ha sbaragliato la concorrenza sin dalle prove con la sua Lola Zytek F3000 della Pro Motor Sport. Seconda vittoria consecutiva e bis stagionale per il pilota di Castrovillari che ha bissato il successo di domenica scorsa al Reventino. Adesso le monoposto di F3000 hanno vinto ben quattro gare della massima serie tricolore. Iaquinta si è migliorato ad ogni passaggio sul percorso di gara, segno evidente della giusta direzione presa per l’adeguamento delle potenti vetture provenienti dalla pista, alle salite. Secondo gradino del podio per un sempre aggressivo trentino Cristian Merli anche lui su Osella PA 21/S, migliore nella prima manche ed ora nuovo leader di gruppo. Il pilota del Team Faggioli ha speso ogni energia nell’impegnativa gara ascolana, famosa per i duelli sul filo dei millesimi. Il partenopeo Piero Nappi ha completato con il terzo gradino del podio il successo in gruppo E/2 al volante dell’Osella PA 21/S del Team Dalmazia, ancora un po’ in debito d’aderenza sul lento. Fuori gioco l’Osella del Leader di gruppo CN Simone Faggioli per una toccata nella 2^ manche.

In gruppo D E/2 alle spalle dell’imprendibile Iaquinta il friulano Marietto Nalon sempre alle prese con l’assetto ballerino della Lola Zytek. Sul podio di gruppo con successo in classe 1000 il il fasanese Francesco Leogrande, costretto alla rimonta dal cedimento di un perno della sospensione anteriore destra della sua Gloria B5 Sukuzi nella prima manche. Secondo di classe il bresciano Nino Ghidini su Ghipard motorizzata Suzuki.

Luigi Bruccoleri ancora una volta secondo sul podio di gruppo CN al volante dell’Osella PA 21/S curata da Voletto, 4° al traguardo. La prestazione del ventiquattrenne agrigentino è stata limitata dalla gomma anteriore sinistra sgonfia nella prima manche. Simone Faggioli al volante della Osella PA 21/S, dopo il secondo tempo ottenuto alle spalle di Merli nella prima manche, è stato costretto alla resa per una toccata nella seconda salita mentre sferrava un sicuro attacco. Terza piazza per il toscano David Baldi, anche lui su Osella, seguito dalla gemella del bresciano compagno di squadra Giulio Regosa e dalla Lucchini del buon locale Fabrizio Peroni, rispettivamente 5°, 6° e 7° nell’assoluta. Il bresciano Adriano Zerla, seguito dall’acclamato locale Filippo Marozzi hanno tagliato il traguardo all’ 8° e 9°. In crescita le Picchio Ligths del team Pomozzi dove un soddisfatto Angelini sta sempre più familiarizzando con la vettura con la quale ha chiuso 9°. Sfortunato il testrer orvietano Andrea Picchi che ha tagliato il traguardo della prima manche con il motore singhiozzante. L’abruzzese Stanislao Bielansky su Lucchini BMW ha chiuso la top ten vincendo la classe 3000.

Tra i giovani del gruppo E/2 nuovo successo in classe 1600 per il pisano Michele Camarlinghi tra le Osella PA 21/S Junior con motore da Alfa Romeo, seguito dal lucano Lorenzo Mossucca con una vettura un po’ sottosterzante. Terzo il ventunenne Alberto Chinnici deluso dal lavoro d’assetto della sua macchina.

Colpi di scena in gruppo GTM, dove ha vinto il leader teramano Marco Gramenzi al volante della Chrysler Viper finalmente a punto, approfittando di un errore dell’anconetano Leo Isolani andato in testacoda poco prima del traguardo con la sua Ferrari 575, autore di un’eccellente prima manche, ma solo terzo al traguardo. Secondo sul podio il laziale di Nettuno Stefano Pierdomenico, particolarmente aggressivo ad Ascoli con la sua Ferrari 360 Modena. Quarto l’attento padovano Roberto Ragazzi su Ferrari F430, a caccia di punti preziosi ed ora 3° in C.I.V.M..

Fiato sospeso in entrambe le manche per il gruppo E1, dove senza esclusione di colpi i primi tre hanno faticato a raggiungere un secondo di distacco. Vittoria al fotofinish del Bolognese Fulvio Giuliani partito a testa bassa sin dalle prove con la sua Lancia Delta EVO preparata accuratamente per la gara. Il preparatore e coordinatore della Fluido Corse ha così finalmente chiuso con una nuova vittoria, dopo quella di Erice, la serie negativa. Seconda piazza per il rientrante e subito determinato calabrese Eugenio Molinaro al volante della veloce Alfa 155 GTA, sulla quale il cosentino deve ancora abituarsi al nuovo cambio. Terza piazza per il teramano Roberto Di Giuseppe anche lui con una potente Alfa 155 GTA, sulla quale l’eccessiva pressione del turbo ha limitato un po’ la prima manche. Quarto posto e vittoria in classe 3000 per il leader romano Marco Iacoangeli sulla sempre potente BMW 320 che cura personalmente e con la quale ha attaccato con decisione nella 2^ manche, battendo sul traguardo il toscano vincitore della prima salita, Fabrizio Pandolfi al volante di una bella ed agile Alfa 155 V6 ex DTM. In classe 2000 è stata la perfetta Audi del trentino Giorgio Leonardi a tagliare il traguardo per prima con un tempo superbo, precedendo la neo entrata Alfa 156 del locale Amedeo Pancotti che si è reso conto del potenziale della vettura della Mirò Racing ma anche del molto lavoro ancora necessario.

Dominio dell’altoatesino Rudi Bicciato e la Mitsubishi Lancer EVO in gruppo A. Il leader bolzanino ha potuto addirittura prendere riferimenti con gruppi diversi in gara. Vittoria in classe 2000 al catanese Salvatore D’Amico, secondo di gruppo veloce ed agile sul percorso con la Renault Clio RS curata da Vasta, sulla quale è stato sostituito il pedale della frizione dopo le prove. Terza piazza di gruppo per il sempre bravo ventenne di Reggio Calabria Domenico Chirico autore ancora di un’eccellente prestazione con la Peugeot 106 1.6 16V di preparazione Surace, all’esordio anche nella corsa marchigiana. Quarto in gruppo e 2° tra le 2000 il giovane pescarese Lucio Pirocco con la Peugeot 306. Non ha mai abbassato la guardia il salernitano Francesco Paolo Cicalese al quale non è sfuggito il successo tra le 1400 con la sua Peugeot 106 Rallye curata da D’Antuono, neanche quando sono scappate due marce nel corso della prima manche.

In gruppo N la differenza tra le BMW M3 del pescarese Roberto Chiavaroli e del trevigiano Lino Vardanega era di 8 millesimi di secondo alla fine della prima manche, a favore del primo. L’esperto veneto ha attaccato a fondo nella 2^ salita di gara, vincendo con 174 millesimi di vantaggio, rafforzando così la sua leadership in C.I.V.M.. Dietro alle M3 di preparazione Giust e dell’AC Racing, si è piazzata quella curata da Iacoangeli affidata al laziale Carlo Vellucci, limitato dall’ammortizzatore anteriore destro bloccato. Altro ottimo successo del veneto esordiente ad Ascoli Romy Dall’Antonia in classe 2000, al volante della Honda Civic Type –R di preparazione Foltran, con la quale ha chiuso 4° di gruppo. Seconda piazza per il lucano Achille Lombardi, su Renault Clio RS dell’Antonelli Sport con il motorino d’avviamento sostituito in nottata, nonostante un errore alla partenza della 2^ manche. Per soli 3 centesimi di secondo il calabrese Giuseppe Aragona su Peugeot 106 1.6 16V ha perso il comando della classe 1600 nella seconda manche, dove è stato preceduto dalla gemella del locale Antonio Scappa e seguito dal pescarese Roberto Spacco anche lui su 106. Il ventenne salernitano Antonio Vivone, autentica conferma al volante della Peugeot 106 Rallye curata da D’Antuono, si è ancora imposto in classe 1400, grazie ad una superba prima manche, alla sua prima Coppa Teodori.

Classifica dei primi 10 concorrenti della 9^ Cronoscalata del Reventino: 1.Iaquinta, Lola Zytek, in 4’41”5; 2. Merli, OsellaPA 21/S, a 5”478; 3. Nappi, Osella PA 21/S, a 9”424; 4. Bruccoleri, Osella PA 21/S, a 10”446; 5. Baldi, Osella PA 21/S, a 11”613; 6. Regosa, Osella PA 21/S, a 14”599; 7. Peroni, Lucchini Honda, a 15”094; 8. Zerla, Osella PA 21/S, a 16”192; 9. Marozzi, Osella PA 21/S, a 17”396; 10. Bielansky, Lucchini BMW, a 20”323. 

Classifica gruppi in gara: Gruppo D E/2: 1. Iaquinta, Lola Zytek, in 4’41”5; 2. Nalon, Lola Zytek, a 31”064; 3. Leogrande, Gloria B5, a 32”050; 4. Ghidini, Ghipard, a 32”151.

Gruppo CN: 1. Merli, Osella PA 21/S Honda, in 4’46”978; 2. Bruccoleri, Osella PA 21/S, a 4”968; 3. Baldi, Osella PA 21/S, a 6”135; 4. Regosa, Osella PA 21/S, a 9”121; 5. Peroni, Lucchini Honda, a 9”616.

Gruppo E/2: 1.Nappi, Osella PA 21/S, in 4’50”924; 2. Presti, Lucchini BMW,a 25”518; 3. Toschi, Osella PA 20/S, a 32”169; 4. Camarlinghi, Osella PA 21/S Junior, a 35”919; 5. De Paoli, Osella PA 21/S, a 36”279.

Gruppo GTM: 1. Gramenzi, Chrysler Viper, in 5’08”998; 2. Pierdomenico, Ferrari 360 Modena, a 3”927; 3. Isolani, Ferrari 575, a 4”156; 4.Ragazzi Roberto, Ferrari F430, a 14”839; 5. Fiertler, Ferrari 360, a 34”454.

Gruppo E1: 1. Giuliani, Lancia Delta EVO in 5’08”975; 2. Molinaro, 155 GTA, a 0”669; 3. Di Giuseppe Alfa 155 GTA, a 1”382; 4. Iacoangeli, a 2”368; 5Pandolfi, Alfa 155 V6 a 3”941.

Gruppo A: 1. Bicciato, Mitsubishi Lancer EVO, in 5’31”962; 2. D’Amico, Renault Clio RS, a 13”301; 3. Chirico, Peugeot 106 1.6, a 17”154; 4.Pirocco, Peugeot 306, a 17”853; 5. Cimarelli, Alfa 147, 20”031.

Gruppo N: 1. Vadanega, BMW M3, 5’40”008; 2. Chiavaroli, BMW M3,a 0”174; 3. Vellucci, BMW M3, a 6”810; 4. Dall’Antonia, Honda Civic Type-R, a 8”340; 5. Cappelli, BMW M3, a 14”176. 

Classifica C.I.V.M. dopo 7 gare:Gruppo D E/2: 1. Iaquinta, punti 125; 2. Pezzolla, p. 65; 3., Ghidini, p. 63: 4. Cinelli, p. 58; 5. Bormolini, p. 46.

Gruppo CN: 1. Merli, p. 133; 2. Faggioli, p. 118; 3. Bruccoleri, p. 97; 4. Baldi, p. 82; 5. Scaramozzino, p. 57.

Gruppo E/2: 1. Irlando, p. 68; 2. Scola Emilio, p. 50; 3. Moratelli, p. 48; 3. Nappi, p. 48; 5. Mossucca, p. 39.

Gruppo GTM: Gramenzi p. 96; 2. Isolani, p. 78,5; 3. Ragazzi, p.73; 4. Pierdomenico, p. 67,5; 5. Santuccione, p. 44.

Gruppo E1: Iacoangeli, p. 1123; 2. Di Giuseppe, p. 108,5; 3. Giuliani, p. 78. 4. Leonardi, p. 70; 5. Molinaro, p. 63,5.

Gruppo A: 1. Bicciato, p. 124; 2. Bindi, p. 87,5; 3. Chirico, p. 87; 4. D’Amico, p. 72,5; 5 Loffredo, p. 51.

Gruppo N: 1. Vardanega, p. 128; 2. Chiavaroli, p. 105; 3., Dall’Antonia p. 98; 4. Lombardi, p. 66; 5. Vellucci, p. 59


Stop&Go Communcation

Entusiasmante ed incerta fino all’ultimo la 46^ Coppa Paolino Teodori, l’ottava gara del C.I.V.M. organizzata dall’efficiente Gruppo Sportivo Automobile Club […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/civm_iaquinta1.jpg Civm: Alla Lola di Iaquinta anche la 46^ Coppa Paolino Teodori