I “rookie terribili” continuano a stupire nell’Auto GP: Samuele Buttarelli, già sul podio in Gara 1 a Monza, si è confermato oggi a Brno cogliendo una bellissima vittoria in Gara 2. Il pilota italiano, che partiva dal secondo posto, ha saputo porre immediatamente rimedio a una partenza non perfetta con un bel sorpasso nei confronti di Rio Haryanto e Sergei Afanasiev, in lotta tra loro, involandosi poi verso una vittoria che non è mai stata in dubbio: Samuele ha infatti preso in fretta un vantaggio considerevole, intorno ai due secondi, e lo ha poi controllato per il resto della gara.

Alle spalle del pilota TP Formula si è classificato Rio Haryanto: il pilota indonesiano ha ribadito la propria competitività su questa pista e si è rifatto della sfortuna che in mattinata lo aveva privato di una possibile vittoria: Rio ha infatti rivelato che a impedirgli di rientrare ai box al momento giusto in Gara 1 è stata un’avaria della radio, che non permetteva al team di comunicare con lui. Nella Sprint Race, però, si è rifatto alla grande con una bella partenza che lo ha portato a lottare fianco a fianco con Afanasiev alla seconda curva, lotta in cui Rio ha avuto la meglio.

Terzo posto per Luca Filippi, ancora una volta autore di una straordinaria partenza: l’italiano della SuperNova ha sfruttato al meglio il caos causato dall’avvio lento del compagno di squadra Jon Lancaster: mentre le vetture che lo precedevano si sono aperte a ventaglio per evitare il britannico, Luca ha rischiato qualcosa in più ed è riuscito a passare attraverso il gruppo, prendendo immediatamente la terza posizione dall’ottava di partenza.

Con il terzo posto Luca si è anche confermato in testa alla classifica montepremi del weekend, vincendo 80 mila euro davanti a Fabrizio Crestani (25 mila) e Samuele Buttarelli (15 mila).

Proprio Crestani ha coronato con il quarto posto di Gara 2 un weekend molto positivo, che lo ha visto recuperare posizioni nella classifica di campionato: Fabrizio è stato autore di una bella lotta per la posizione con Pasquale Di Sabatino, finita quando sulla vettura del pilota abruzzese della TP Formula ha ceduto il fissaggio della radio nell’abitacolo. Con la radio libera di muoversi nel cockpit Di Sabatino non è stato in grado di proseguire, tornando ai box a due giri dalla fine. Crestani ha preceduto il compagno di squadra Fabio Onidi, autore di un bel recupero dalla decima posizione di partenza, e Jon Lancaster, ancora a punti.

Kevin Ceccon, che ha chiuso settimo, ha invece realizzato il giro più veloce della gara e aumentato la propria leadership nel Trofeo Under 21, sfruttando il weekend poco fortunato di Adrien Tambay e Giovanni Venturini. Partiti indietro a causa del ritiro in Gara 1, i due hanno infatti chiuso rispettivamente 8° e 11°.

Classifica

01. Samuele Buttarelli – TP Formula
02. Rio Haryanto – DAMS – +2.318
03. Luca Filippi – Super Nova – +2.692
04. Fabrizio Crestani – Lazarus – +11.421
05. Fabio Onidi – Lazarus – +12.676
06. Jon Lancaster – Super Nova – +12.996
07. Kevin Ceccon – Ombra Racing – +15.404
08. Adrien Tambay – Gravity Charouz DAMS – +19.274
09. Sergei Afanasiev – DAMS – +21.368
10. Marco Barba – Campos Racing – +23.718
11. Giovanni Venturini – Griffitz Durango – +24.905
12. Giuseppe Cipriani – Griffitz Durango – +44.451
13. Pasquale Di Sabatino – TP Formula – a 2 giri

Ritirati

14. Francesco Dracone – Emmebi Motorsport – a 7 giri


Stop&Go Communcation

I “rookie terribili” continuano a stupire nell’Auto GP: Samuele Buttarelli, già sul podio in Gara 1 a Monza, si è […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/auto-gpautogp-190611-02.jpg Brno, Gara 2: Samuele Buttarelli, un altro rookie vincitore