In vista del determinante appuntamento di domani che vedrà assegnato il titolo ad una delle nazioni partecipanti, è il team Irlanda ad assicurarsi la pole position sia per la Sprint che per la Feature Race, grazie soprattutto alla condotta accorta ma al tempo stesso agonisticamente spietata del suo portacolori Adam Carroll. Al fianco dell’Irlanda nella Sprint Race partirà il Messico di Salvador Duran, terza posizione per l’Olanda di Jeroen Bleekemolen, soltanto ottava la Svizzera di Neel Jani. Prestazione sottotono per il team Italia, che con Vitantonio Liuzzi sembrava aver finalmente trovato il bandolo della matassa; la compagine diretta da Piercarlo Ghinzani scatterà invece dalla sedicesima posizione.

 

Valori abbastanza simili nella Feature Race, con il team Monaco di Piccione che scatterà in prima fila a fianco del poleman Carroll, seconda fila ad appannaggio di Olanda e Svizzera, terza fila per Francia e Nuova Zelanda. A contendersi il titolo saranno Irlanda, Olanda e Svizzera, con la nazionale di Carroll ampiamente favorita considerate le prestazioni messe in mostra quest’oggi.

 

Griglia di Partenza Sprint Race (clicca qui) 

 

Griglia di Partenza Feature Race (clicca qui)

 

Cronaca delle Qualifiche   

 

Nella prima sessione della Sprint Qualifying miglior tempo per il team Olanda, con il portacolori della scuderia orange Jeroen Bleekemolen capace di ottenere un interessante 1:12.355, inavvicinabile anche per l’Irlanda di Adam Carroll. Vitantonio Liuzzi, al volante della monoposto del team Italia, non fa meglio dell’undicesimo crono in 1:13.693, ad oltre un secondo di distacco dal leader Bleekemolen. Delude la Svizzera con Neel Jani soltanto decimo, mentre Nicolas Prost si piazza subito davanti al pilota elvetico nella lista dei tempi.

 

Nella seconda manche della Sprint Qualifying l’indonesiano Satrio Hermanto, tra i protagonisti nell’ultima sessione di libere a Brands Hatch, fa subito abbassare i suoi tempi di circa due secondi, issandosi al secondo posto dietro all’Olanda di Bleekemolen. A tre minuti dalla conclusione delle ostilità in pista è il team Usa a portarsi in testa grazie ad una zampata del talentuoso J.R. Hildebrand, in grado di fermare il cronometro su uno strepitoso 1:11.994. Il giovanissimo pilota statunitense, osservato speciale di Michael Andretti in vista di un probabile futuro in IndyCar, si segnala come il primo pilota a scendere sotto il muro dell’1:12. A rimettere le cose in chiaro ci pensa però Adam Carroll, che con il suo 1:11.615 garantisce la partenza al palo all’Irlanda nella Sprint Race dell’A1 Grand Prix. Secondo tempo per il sorprendente Messico di Salvador Duran, terza piazza per l’Olanda del grande favorito Bleekemolen, soltanto sedicesimo Liuzzi del team Italia. Rimane piuttosto staccata dai primi la Svizzera, con Neel Jarni autore dell’ottavo crono.

 

Nella prima sessione della Feature Qualifying il team USA sembra iniziare col piede giusto grazie alle evoluzioni di J.R. Hildebrand, il primo pilota in grado di far segnare tempi interessanti. La risposta della Francia non si fa attendere, dal momento che Nicolas Prost riesce a portarsi subito alle spalle del pilota americano con un distacco pari a circa due decimi. Una buona prestazione arriva anche dall’indonesiano Hermanto, incapace però di scendere sotto il muro dell’1:13 a differenza del duo di testa composto da Hildebrand e Prost. A tre minuti dal termine della manche il brasiliano Guimares soffia una posizione al team Indonesia, senza però riuscire ad avvicinare il leader Hildebrand. Il comando delle operazioni passa quindi nelle rapaci mani di Clivio Piccione, determinato a portare il team Monaco ai vertici della sessione. Il monegasco non fallisce l’assalto alla pole position provvisoria e fa segnare un 1:12.113 battendo nettamente il crono di Hildebrand. Non è però il pilota monegasco a gioire alla fine della prima manche, dal momento che negli ultimi secondi utili lo svizzero Neel Jani guadagna la vetta con uno strabiliante 1:11.338. Seguono l’Irlanda di Carroll, staccata di tre decimi, e il team Monaco di Piccione, ad oltre mezzo secondo dal crono di Jani. Sessione tribolata per Vitantonio Liuzzi del team Italia, al momento non in grado di far segnare un tempo cronometrato.

 

Nella seconda sessione della Feature Qualifying Bleekemolen riporta in vetta l’Olanda grazie ad un positivo 1:11.146 che finisce per sbriciolare il precedente miglior crono ottenuto da Jani. A cinque minuti dal termine si porta però in testa il monegasco Piccione, autore di un 1:11.085 che lo fa balzare in testa alla classifica. Anche Nicolas Prost migliora decisamente i propri tempi, ma non riesce almeno per il momento ad agguantare i primi. Hildebrand, evidentemente non del tutto a suo agio sul circuito di Brands Hatch, scende rapidamente in graduatoria, proprio mentre il portoghese Felipe Albuquerque risale alcune posizioni. Ad un minuto dalla conclusione lo schieramento di partenza per la Feature Race sembra già in buona parte delineato, ma ci pensa il neozelandese Earl Bamber a movimentare la situazione ottenendo il sesto posto. Colpo di scena al vertice negli ultimi secondi disponibili: Adam Carroll si porta al comando e conquista la pole position anche per la seconda corsa, gettando le basi per una cavalcata relativamente tranquilla verso il titolo. Secondo tempo per il team Monaco, terza l’Olanda di Bleekemolen, quarta la Svizzera di Jani, quinta la Francia di Nicolas Prost. Soltanto diciottesima l’Italia con Vitantonio Liuzzi.

 

Ermanno Frassoni


Stop&Go Communcation

In vista del determinante appuntamento di domani che vedrà assegnato il titolo ad una delle nazioni partecipanti, è il team […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/a1gp00_carroll1.jpg Brands Hatch – Qualifiche: Irlanda in pole sia nella Sprint che nella Feature Race, Olanda e Svizzera inseguono. L’Italia soffre