Jonny Reid nel pomeriggio di Brno ha bissato il successo ottenuto in mattinata, aggiudicandosi anche la feature race. Gli avversari in questa occasione hanno dato più filo da torcere al Team New Zealand, soprattutto un Jeroen Bleekemolen che si sta dimostrando una delle realtà più concrete della serie, ma la sensazione è che su questa pista oggi non ce ne fosse per nessuno.

 

Parte bene dalla pole Bleekemolen e alla prima curva vengono in gran parte rispettate le posizioni della griglia. Passano nell’ordine Olanda, Sudafrica, Gran Bretagna, Svizzera, Cina, Nuova Zelanda (con Reid che inizia la rimonta dal 7° posto), Brasile Francia, Italia (il solito ottimo spunto in partenza di Toccacelo..), India, Germania e Canada.

 

Già nelle prime fasi di gara lo scatenato Cong Fu Cheng (Chi), forte dell’ottima qualifica di ieri, riesce a passare lo svizzero Neel Jani per la 4° piazza e Adam Carroll (Irl) inizia una rimonta che lo porta dopo poco ad occupare il 12° posto, nonostante la pessima posizione di partenza, solo 18°. Nel frattempo anche Vietoris (Ger) passa Karthikeyan (Ind) per la decima piazza. Ci si rende subito conto che oggi Adrian Zaugg non è in giornata; la vettura sudafricana fa da tappo agli inseguitori, permettendo a Bleekemolen di guadagnare addirittura 6” di vantaggio in pochi giri.

 

All’ottavo giro si apre la prima finestra dei pit (la seconda è stata posta dagli organizzatori dal 24° al 32° giro dei 38 totali) ed entrano quasi tutti i big. L’olandese è ancora il primo ad uscire, ma dietro di lui inaspettatamente c’è una vettura tutta nera, poi Sudafrica, Gran Bretagna e Francia. Questi ultimi, con la Cina ancora fuori e quindi provvisoriamente al comando, ingaggiano una lotta feroce per scrollarsi di dosso Zaugg. Prima ci prova Kerr – che porta sul cofano motore il punteggio della vittoria rugbystica inglese di ieri sera sulla Francia – ma ha la peggio, quindi tenta Lapierre, che viene spinto fuori con una manovra ai limiti, quindi di nuovo Kerr, che questa volta passa. Un giro dopo anche la Francia riesce finalmente a superare Zaugg, quindi è la volta di Vietoris; inizia così un lento declino per il leader della campionato.

 

Il messicano Michel Jourdain Jr, che dopo i problemi avuti in prova stava effettuando un gara onesta, viene centrato dentro la corsia box dal rientrante libanese Beschir (dio, quanto ci mancava…) ed è costretto ad una nuova sosta, cosa che tocca qualche giro più tardi anche al povero Robbie Kerr, vittima di una foratura, che rientra addirittura 20°. Questa sosta extra purtroppo non vale come sosta obbligatoria e pertanto per il vincitore della gara lunga di Zandvoort si profila un disastro. A questo punto la situazione dei primi dieci è la seguente: Olanda, Nuova Zelanda, Svizzera, Cina, Francia, Germania, Brasile, Irlanda, Sudafrica e Italia

 

Siamo ormai a metà gara e Jonny Reid inizia ad avvicinarsi alla vettura olandese a suon di giri veloci.

Appena si riapre la finestra dei pit ne approfittano sia Bleekemolen che Jani, che ne fuoriescono nell’ordine. La giornata si trasforma in un completo disastro per Adrian Zaugg, la cui macchina si spegne in piazzola box, davanti ai meccanici attoniti.

Piano piano entrano anche gli altri inseguitori e Cong Fu Cheng, avvantaggiandosi di un giro a pista libera, esce di nuovo davanti a Lapierre, che stava tirando, per il disappunto del team francese, che da questa gara si avvale anche della collaborazione dell’ex F1 Olivier Panis.

 

Tarda a rientrare solo la Nuova Zelanda, che saggiamente approfitta del penultimo giro utile e ne esce davanti a tutti.

La classifica al 32° giro: Nuova Zelanda, Olanda, Svizzera, Cina, Francia, Irlanda, Brasile, Germania, Italia e India.

Il finale vede l’Italia perdere purtroppo la 9° posizione a favore di Karthikeyan, che lo passa all’esterno del primo curvone, mentre uno scatenato Cong Fu Cheng inanella una serie di giri veloci, tra cui il miglior giro in gara con 1’47”610 che vale il punto extra, per tentare di passare Neel Jani, ma lo svizzero riesce a mantenere quell'esiguo vantaggio che gli vale la terza piazza finale, mentre Jonny Reid si invola verso la vittoria che gli vale la vetta del campionato, che ora comanda con un punto di vantaggio sul Sudafrica.

Buono primo punto in classifica per il Team Italia; speriamo vivamente per il prosieguo del campionato.

Nella foto il podio con, da sinistra, Bleekemolen, Jonny Reid e Neel Jani.

 

Per il prossimo appuntamento, stante la cancellazione del previsto round 3 asiatico, dovremo aspettare più di un mese; si correrà infatti a Sepang nel weekend del 23-25 novembre.

 

Piero Lonardo 

Feature race results 

Pos A1 Team Driver Laps Time Gap
1New ZealandJonny Reid38  1:10'34.700 
2NetherlandsJeroen Bleekemolen38  1:10'41.846  7.146
3SwitzerlandNeel Jani38  1:10'46.977  12.277
4ChinaCheng Cong Fu38  1:10'47.423  12.723
5FranceNicolas Lapierre38  1:10'54.139  19.439
6IrelandAdam Carroll38  1:10'59.048  24.348
7BrazilSérgio Jimenez38  1:11'04.325  29.625
8GermanyChristian Vietoris38  1:11'12.649  37.949
9IndiaNarain Karthikeyan38  1:11'13.085  38.385
10ItalyEnrico Toccacelo38  1:11'24.106  49.406
11CanadaJames Hinchcliffe38  1:11'26.231  51.531
12Czech RepublicErik Janis38  1:11'32.499  57.799
13AustraliaIan Dyk38  1:11'37.248  1'02.548
14MalaysiaAlex Yoong38  1:11'37.938  1'03.238
15USABuddy Rice38  1:11'57.490  1'22.790
16South AfricaAdrian Zaugg38  1:11'57.800  1'23.100
17Great BritainRobbie Kerr38  1:11'58.433  1'23.733
18PortugalJoão Urbano38  1:11'59.618  1'24.918
19IndonesiaSatrio Hermanto38  1:12'00.037  1'25.337
20PakistanAdam Khan38  1:12'06.215  1'31.515
21LebanonKhalil Beschir37  1:11'06.7711 lap
22MexicoMichel Jourdain Jr.37  1:11'38.7031 lap

La classifica dopo 2 rounds:

 

Pos A1 Team

Pts

1New Zealand37 
2South Africa36 
3Great Britain31 
4Netherlands31 
5France29 
6Switzerland29 
7Ireland23 
8Mexico17 
9Germany14 
10China10 
11Brazil
12India
13Portugal
14Italy
15Czech Republic


Stop&Go Communcation

Jonny Reid nel pomeriggio di Brno ha bissato il successo ottenuto in mattinata, aggiudicandosi anche la feature race. Gli avversari […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/0FOIB5T0ZD985C0LZ0L4W0KLUHZ4_336.jpg A1 Gp: Brno, La Nuova Zelanda completa la doppietta nella Feature Race