Cinque lunghe giornate di test con tutti i costruttori, team e piloti che si daranno battaglia in una stagione la quale si annuncia davvero esaltante per il Karting mondiale. WSK Series sta facendo per bene tutti i compiti, con una organizzazione capace di stupire anche il miglior "viziato" del WTCC (Mondiale Turismo). Ed è proprio alla fortunata e riuscita serie della KSO a cui patron De Donno si è ispirato: Chevrolet, Seat, BMW, Alfa Romeo, Honda da una parte Birel, CRG, Tony, Intrepid e Maranello dall'altra. Analogie? Tante! Successo? Comune! Il WTCC gira l'Europa con qualche transvolata oceanica, la WSK gira l'Europa e non è detto che, in un futuro non troppo lontano, non sia prevista una trasferta negli States! Provocazione lanciata da Stop&Go? Chissà, forse sotto sotto c'è qualcosa di più …

L'ambizione della WSK Promotion sta pagando gli sforzi fatti; inutile ricordare il flop dell'Open Masters, costretto ormai alle corde e vicino, anzi molto vicino, al più clamoroso dei kappaò. Radio-box, sempre molto dinamica su Stop&Go grazie alla sua fitta rete di informatori, parla finora di appena 35 iscritti alla gara inaugurale di Lonato, segno evidente che il campionato federale si sta spegnendo come più volte avevamo anticipato su questa website. I campanelli di allarme del resto erano evidenti, ma qualcuno lassù, a capo dell'ex "governo", non ha voluto dare ascolto alle esigenze del popolo kartista. Poi la rivoluzione europea ha fatto il resto …

Tornando alla WSK Series, invece, chiudiamo con un gradito omaggio: tutti i migliori tempi, giorno per giorno, dei partecipanti alla settimana leccese. Basta cliccare su questo link per visionare, scaricare, stampare e conservare la lista in pdf, curata nei minimi particolari dall'ufficio stampa della serie: Test Muro Leccese – I tempi

Michele Benso


Stop&Go Communcation

Cinque lunghe giornate di test con tutti i costruttori, team e piloti che si daranno battaglia in una stagione la […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/wsk-wtcc.jpg Wsk: Gli States prossima frontiera? E l’Open Masters dice addio!