Si è conclusa a Lonato la 20esima edizione della Winter Cup come al solito ricca di spettacolo e sorprese.

Luigi Coluccio (Tony Kart) alza la coppa del primo in Mini Rok, Christian Lundgaard (Tony Kart/Vortex) in KFJ, Nicklas Nielsen (Tony Kart/Vortex) in KF, mentre Flavio Camponeschi (Tony Kart/Vortex) è il primo vincitore nel 2015 della KZ2.

Mini Rok – Coluccio raccoglie il testimone del penalizzato Giuseppe Fusco (inizialmente primo sotto alla bandiera a scacchi) e batte la concorrenza di Leonardo Marseglia e Leonardo Villa, entrambi su CRG e Francesco Crescente (Energy); Juan Rodriguez (Croc) completa la top5. Esordio più che positivo per Evo Kart, che piazza Leonardo Caglioni 12° e Alessandro Balzarotti 20°, autori entrambi di un weekend molto solido.

KFJ – Prosegue la sfida tra Lundgaard e Logan Sargeant (FA/Vortex), col primo che si rifà della sconfitta nella Champions Cup grazie al successo odierno e porta sull’uno a uno la contesa. Medaglia di bronzo per Paavo Tontri (Croc/TM), Sun Yue Yang (FA/Vortex) e Clement Novalak (Tony Kart/Vortex) chiudono la top five.

KF – Nielsen (ancora) uber alles, con Marcus Armstrong che completa la doppietta tutta “verde” Tony Kart. 3° Felice Tiene (CRG/Parilla), l’outsider Oliver Hodgeson (Kosmic/TM) e Ben Barnicot (BirelART/Parilla) agguantano le ultime due posizioni della top5.

KZ2 – Esordio ufficiale per il karting a marce in questo 2015, Flavio Camponeschi (Tony Kart/Vortex) si impone su uno straordinario Marco Zanchetta al debutto col materiale Alpha del team CPB Sport e Menno Paauwe (BirelART/Parilla). 4° e 5° posto per Simo Puhakka (CRG/Maxter) e Lorenzo Camplese (FK/Parilla). Grande rammarico per Paolo De Conto (CRG/Maxter) costretto ad abbandonare la corsa mentre era secondo.


Stop&Go Communcation

Si è conclusa a Lonato la 20esima edizione della Winter Cup come al solito ricca di spettacolo e sorprese […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2015/02/Winter_South_Garda_Karting_19967-2015-1024x676.jpg Winter Cup – Lonato, Finali: Coluccio, Lundgaard, Nielsen e Camponeschi alzano la coppa del vincitore