Robert Shwartzman e Francesco Pagano, sono questi i campioni italiani della 60 Mini e 60 Baby edizione 2010. Due nomi che faranno strada nel prossimo futuro e che sicuramente faranno parlare di loro negli anni a venire anche nelle categorie superiori. Due piloti pieni di talento che hanno saputo prendere le finali nazionali di questa stagione col giusto piglio nella fantastica cornice del Circuito Internazionale di Siena, come sempre professionale e impeccabile nella sua organizzazione e pronto come non mai per ospitare il primo round della WSK Master Series, che andrà in scena da giovedì a domenica prossima sul medesimo tracciato toscano.

Tornando alla kermesse senese appena conclusa, che ha annoverato oltre 100 piloti fra 60 Mini (per ragazzi da 9 a 12 anni) e 60 Baby (8-9 anni) provenienti da tutta Europa e perfino da Singapore, il leit motiv è stato senza ombra di dubbio lo strapotere dei motori LKE che continuano a dominare in lungo e in largo soprattutto nella 60 Mini. Le classifiche parlano chiaro: 14 propulsori di matrice siciliana nella Top 15, su 20 totali dei 28 partecipanti alla finalissima. E il numero aumenta se prendiamo in considerazione anche la Finale B, quella dei non qualificati, vinta per la cronaca dal ragusano Michelangelo Nifosì, su telaio FA Kart.

Nella 60 Mini il russo di San Pietroburgo, Robert Shwartzman, dopo un buon avvio dalla prima fila riesce ad agguantare presto la leadership per non mollarla più fin sotto alla bandiera a scacchi, con una freddezza da quasi veterano e soprattutto con un buon margine sul connazionale Nikita Sitnikov (Birel-Lke), scattato dalla pole position, e sull’italo-venezuelano figlio d’arte Jonathan Cecotto Junior (Birel-Lke). Un podio tutto straniero che ha abbracciato il tricolore e le note dell’inno di Mameli, per via del domicilio e della licenza italiana. Shwartzman festeggia il titolo e ringrazia il suo intero staff, dalla famiglia alla Lenzokart che gli ha fornito un telaio e un propulsore vincente, ottimamente preparato da Stefano Morsicani.

A ridosso del podio trovano gloria anche Zhirkov, Travisanutto, Garofano, Albanese, Alessio Lorandi e il rumeno Andrei Atanasiu, nuova perla Lenzokart pronto a cogliere soddisfazioni importanti nel racing team ufficiale del costruttore siciliano. Nella bolgia delle bagarre rimangono coinvolti e frenati anche altri big quali Maiorana, Cutrupi e il bergamasco del Team Gandolfi Luca Bottarelli, capaci di mettersi però in evidenza per l’intero weekend senza tuttavia raccogliere poi i frutti sperati. Ma ci sarà tutto il tempo per rifarsi, a cominciare magari dal prossimo appuntamento senese in programma proprio nel prossimo fine settimana.

Alle stelle ovviamente la dirigenza Lenzokart/Luxor: “Il lavoro paga – ha esclamato Michele Lenzo – e questa ne è la classica dimostrazione. Sono felice per il titolo conquistato da Shwartzman col nostro intero pacchetto (telaio e motore, ndr), così come delle performance espresse in generale dai nostri propulsori LKE. Complimenti anche alle altre giovani leve che stanno crescendo in fretta con la nostra scuola, dal rumeno Atanasiu al calabrese Cutrupi, passando per ‘Alex’ e Maiorana. Vedrete che la loro stella brillerà anche nella WSK Master Series domenica prossima”.

A proposito di figli d’arte, invece, non possiamo non sottolineare la già annunciata presenza di Hugo Hakkinen scortato da papà Mika. Purtroppo per il piccolo Hugo, però, il weekend del boy CRG motorizzato LKE si è concluso nella decima posizione della Finale B (con rimonta dalla 32esima posizione iniziale), perchè non qualificato a causa di alcune sfortunate circostanze in cui è incappato nelle manches eliminatorie. Nonostante ciò, il piccolo boy CRG ha mostrato comunque carattere, freddezza e soprattutto voglia di emergere e bruciare le tappe.

A fine gara, questo il commento di Mika Hakkinen sulla prestazione del figlio: “Ho visto che Hugo sta facendo ottimi progressi, ma ci vuole un po’ di tempo per crescere e prendere maggiore sicurezza nelle fasi della bagarre. Domenica prossima, sempre qui a Siena, debutteremo nella prova d’apertura del nuovo WSK Master, e la gara che abbiamo fatto ci è servita proprio per prepararci al meglio per il prossimo appuntamento. Ottima comunque questa manifestazione, i miei complimenti agli organizzatori. Abbiamo preferito l’Italia per far iniziare l’attività agonistica a Hugo nel Karting, e sono veramente contento di questa scelta”.

Classifica Finale 2010 Trofeo Nazionale 60 Mini (clicca qui per visionare i risultati nel pdf ufficiale)

Nella 60 Baby l’ha invece spuntata come detto il napoletano Francesco Pagano su telaio Birel motorizzato Parilla, che ha avuto ragione di Lombardo, Nocella, Chinelli e Labianca. Top ten completata nell’ordine da Lettera, Incarnato, Costanzo, Musto e Tricomi.

Classifica Finale 2010 Coppa CSAI 60 Baby (clicca qui per visionare i risultati nel pdf ufficiale)

* AVVISO AGLI UTENTI: IL SERVIZIO SUL WEEKEND DI SIENA E LE INTERVISTE RACCOLTE SUL CAMPO DI GARA, SARA’ VISIBILE PRESTO SULLA WEB TV E MESSO IN ONDA NELLA NOSTRA PROGRAMMAZIONE TELEVISIVA

Nella foto, Robert Shwartzman (Lenzokart/LKE)

Michele Benso


Stop&Go Communcation

Robert Shwartzman e Francesco Pagano, sono questi i campioni italiani della 60 Mini e 60 Baby edizione 2010. Due nomi […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/Mini_Shwartzman1.jpg Trofeo 60 Mini e Coppa 60 Baby – Siena report: Shwartzman e Pagano campioni 2010. Lenzokart in festa: titolo Mini e dominio LKE!