Le luci dei casinò di Las Vegas si sono spente sulla 19esima edizione dello Skusa SuperNationals, kermesse che riunisce i kartisti di ogni parte del mondo.

La gara è unica nel suo genere per via dell’elevato numero di consensi che raccoglie, per la grande varietà di motorizzazioni che vengono ammesse, ma soprattutto per la location. A metà tra un kartodromo e un tracciato cittadino, la pista nasce ai piedi del Las Vegas Convention Center.

Nella città del gioco d’azzardo la fortuna ha sorriso ad Arthur Leist (TaG Jr), Dario Capitano (S2), Hunter Kelly (S5), Kip Foster (TaG M), Danny Formal (S1), Jimmy McNeil (S4), Jonny Edgar (TaG C), Louie Pagano (TaG Sr) e Gary Carlton nel main event: la KZ2.

TaG Jr – Leist batte la concorrenza di Zach Holden, Vinicius Ponce e del campione X30 David Malukas. 5° Alex Bertagnoli, mentre la “truppa europea” si piazza 9a con Charles Milesi, 14a con Nicola Abrusci. Esito amaro invece per Petr Ptacek Jr e per gli attesissimi Dennis Hauger e Leonardo Marseglia.

TaG C – Jony Edgar fa la differenza, piegando la resistenza di Thomas Mejia e Jak Crawford. Chiudono la top five Anthony Willis e Tyler Maxson. Niente lieto fine per Mattia Michelotto, che vede interrotto il proprio trend positivo.

TaG M – Kip Foster di misura su Diego Pelosi, pesante il distacco del 3°, Erik Jackson, giunto a oltre 4’’. Completano la top5 Nick Tucker e Phil Pignataro.

TaG Sr –  Nella Senior è questione di decimi, 3 per la precisione, che dividono il vincitore Louie Pagano da Marco Maestranzi. 3° Jake Craig, mentre la 4a piazza vale la promozione all’esordiente Logan Sargeant, pilota statunitense naturalizzato però in Europa, che ha lasciato la KFJ dopo il successo nel Mondiale di Muro Leccese. 5° Christian Brooks.

S5 – Hunter Kelly alza la coppa del vincitore, accompagnato sul podio da Callum Smith e Evan White. 4° e 5° Andrew Engberson e Lawson Nagel. Nella S4, invece, Jimmy McNeil ha la meglio su Rob Logan, Mirko Mizzoni, Bonnier Moulton e Chris Jennings. La S2 vede il successo di Dario Capitano, il quale regola le aspettative di Austin Wilkins, Jorge Pescador e Robert Bujdoso. Will Preston ultima la top5.

S1 – Danny Formal porta lo chassis di Danilo Rossi sul gradino più alto del podio, 2° Gary Carlton, vincitore poi in KZ2, mentre il gradino più basso del podio va a Davide Foré. Billy Musgrave e Matt Hamilton sono 4° e 5°. 10° l’italiano Francesco Celenta, addirittura ritirati invece Jordon Lennox-Lamb e Rick Dreezen.

KZ2 – La medaglia d’argento nella S1 non placa la fame di successo di Carlton, questa volta vincitore in KZ2. Dietro al pilota di casa profeta in patria si piazza il team mate Patrik Hajek, che sugella la doppietta per il gruppo IPK. 3° Phillip Orcic seguito dal duo italiano formato da Lorenzo Camplese e Luca Tilloca. Centra la top10 Dreezen, il quale si rifà in parte del ritiro in S1. Non vedono la bandiera a scacchi tre dei protagonisti più attesi: Paolo De Conto, Lennox-Lamb e Simo Puhakka.

Credits: SKUSA


Stop&Go Communcation

Le luci dei casinò di Las Vegas si sono spente sulla 19esima edizione dello Skusa SuperNationals, kermesse che riunisce i kartisti di ogni parte del mondo […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2015/11/image_14_20151122_1824501078.jpg SKUSA – SuperNats XIX, Las Vegas: Tanto spettacolo nell’evento più glamour della stagione kartistica