Per la Rok è quasi arrivato il momento delle ferie estive, e, come oramai accade da tre anni la residenza estiva dei Rokker è Mentone. Sullo storico tracciato francese ci sarà dal 3 al 5 agosto la più classica delle gare estive. Intanto domenica scorsa a Pomposa i driver del centro Italia hanno dato fuoco alle polveri con il penultimo impegno stagionale. Nulla si è deciso e l’ultimo appuntamento di Cervia sarà emozionante ed aperto ad ogni risultato, in linea con una categoria che offre risultati mai scontati. Alla gara emiliana si sono presentati in grande spolvero i più veloci Rokker del centro e non solo loro. Oramai c’è una buona propensione di tutti i Rokker a "sconfinare" nei campionati di altre zone, arricchendo lo spettacolo ed il divertimento di ogni round.

Nella Rok il big match tra Bosi e Calisti è stato reso più vivace dal terzo incomodo: Colombo. Il ragazzino terribile è andato a casa dei rivali in cerca di punti importanti per l’assoluto ed ha centrato l’obiettivo, vincendo la gara! Stefano Colombo ha fatto sua anche la pole e la prefinale. Tra i due pretendenti al titolo c’è stato un vero confronto, intenso e spettacolare, con Bosi costretto alla resa, con l’onore delle armi, su Calisti. L’umbro nell’ultimo impegno dovrà fare gara su Bosi per agguantare il titolo del centro, con un occhio alla gara da scartare. Per il titolo di Rokker italiano ci attende un confronto proprio tra i due avversari di domenica scorsa, Bosi e Colombo. Cervia e Lonato, a settembre, saranno i campi per una battaglia sportiva tra due generazioni di piloti ben distinte.

Nella Super Rok, come previsto, il veloce Tino Donadei ha piazzato la zampata vincente ed ora è in testa, a pari merito con Paolo Simonetti. Quest’ultimo ha corso pensando al campionato ed ha raccolto a Pomposa 10 preziosi punti. L’epilogo del girone, a metà settembre a Cervia, sarà di quelli da ricordare, si incroceranno due sfide in una, vi sarà quella tra Donadei e Simonetti per il titolo di zona e la bagarre per il campionato assoluto. Nell’assoluto, Carli bracca l’amico Donadei e l’altro forte Rokker Muriglio è poco distante, pronto a tuffarsi nella mischia. Domenica si chiude anche il girone siciliano della Rok, con Pappalardo già matematicamente campione. C’è soltanto da domandarsi se a far compagnia al leader nella finale ci sarà Scudieri o Marino.

Come oramai consuetudine anche quest’anno nella prima domenica di agosto ci sarà la gara di Mentone per i Rokker. La trasferta francese si è rivelata estremamente spettacolare nelle passate edizioni ed anche in quest’occasione non deluderà le aspettative. Sul tracciato in riva al mare ci saranno anche i Super Rok, per un programma intenso, che parte già dal venerdì e termina, dopo numerose manche, con le due finali della domenica.

Antonio Bosi – categoria Rok: "Adesso il mio obiettivo è l’assoluto, ho raggiunto la certezza di poter essere alla finale di Lonato e mi voglio dedicare solo a questo. Per questo correrò sia a Cervia che a Lonato a settembre, combatto con un pilota (Colombo) molto valido e voglio batterlo. Sarà un bello spettacolo e mi impegnerò al massimo per riuscirci".

Roberto Costantini- Rok Center e Organizzatore gara di Mentone per la Rok: "Come da tre anni a questa parte, ancora una volta saremo ospiti di Mentone, la gara si svolge in un circuito cittadino molto carino, vicino alla spiaggia e al mare, che dà la possibilità di divertirsi due giorni in una cornice un po’ diversa dalle solite. Quest’anno per il primo anno potranno partecipare anche i piloti possessori di Super Rok, per cui ci sarà la categoria Rok, denominata Open, e la categoria Super Rok. Avremo classifiche separate e gare divise".

Paraurti vecchio tipo, copricatena e collare per il pilota. Sono queste le sole richieste per adeguare il Rok al regolamento transalpino?

"Correremo con il regolamento nazionale del trofeo Rok in Italia, adattandoci però a delle esigenze che ci ha richiesto la Federazione Francese che sono il paraurti posteriore in ferro, dato che quello in plastica in Francia non è omologato, ed il copricatena totale, quello più protettivo che in Francia è obbligatorio. A livello di abbigliamento, poi, è obbligatorio il collare. Per quanto riguarda il peso e le gomme ci autoregolamentiamo, utilizzando il peso che abbiamo utilizzato tutto l’anno e le solite 4 gomme per tutta la manifestazione che verranno punzonate all’inizio. Spero che i nostri piloti non abbiano buttato i paraurti in ferro ed abbiano un collarino per venire numerosi a partecipare a questa bella manifestazione situata in una cornice che non ha eguali."

C’è qualche piccola variazione nel circuito. Vero?

"Quest’anno la Federazine ha richiesto agli organizzatori delle piccole variazione del percorso perché ritenevano che alcune distanze di sicurezza fossero troppo esigue, speriamo però che il tracciato sia sempre divertente come gli anni scorsi. Il cambiamento del percorso ha accorciato la lunghezza del circuito di qualche metro, per cui la capienza è ridotta di conseguenza a 21 piloti. Pertanto per la Super Rok le iscrizioni saranno chiuse a 21 piloti, per la Rok, invece, possiamo passare tale numero e, se ci saranno più di 21 piloti, verranno fatte le batterie eliminatorie. Per iscriversi i piloti potranno contattare me direttamente, tramite telefono."

GIRONE CENTRO

Classifica top five ROK dopo la 4° prova

1. Angelo Calisti punti 115

2. Antonio Bosi punti 81

3. Federica Scarcelli punti 46

4. Davide Agnoli punti 43

5. Maurizio Bertaccini punti 37

 

GIRONE CENTRO

Classifica top five SUPER ROK dopo la 4° prova

1. Paolo Simonetti punti 70

2. Tino Donadei punti 70

3. Massimo Carli punti 58

4. Giulietta Romoli punti 51

5. Omar Bovini punti 34


Stop&Go Communcation

Per la Rok è quasi arrivato il momento delle ferie estive, e, come oramai accade da tre anni la residenza […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/Rok-Cup-Ferrari.jpg Rok: Mentone pronta per l’assalto dei “rokker” …