E’ stata sicuramente positiva la risposta dei Rokker per l’appuntamento congiunto di ben tre gironi, avvenuto sul magnifico Circuito Internazionale Napoli. Era qualche anno che la Rok non tornava a volare sul veloce tracciato alle falde del Vesuvio ed il ritorno è stato perfetto! Le gare sono state tirate, senza nessun pilota che ha fatto i conti guardando soltanto alla sua situazione, ma tutti si sono affrontati a viso aperto, dando spettacolo e facendo vedere, in una zona in cui è poco conosciuta, che la categoria è validssima! Hanno messo tutti in fila Giuseppe Fusco (Mini Rok), Danilo Albanese (Junior Rok), Angelo Cutrupi (Rok), Lorenzo Caponi (Super Rok), Lucioli (Rok Shifter),

ROK Shifter. Andrea Fortuna (168) subisce in finale l’esuberanza di un avversario della KZ e vede sfumare il quarto successo consecutivo. La vittoria se la prende Andrea Lucioli (148 Ovest), bravo a rimontare dal fondo dello schieramento, relegando alle sue spalle Riccardo Disperati (91 Ovest) e Giovanni Lotrionte (104 Ovest). La graduatoria speciale Elite 30 ricalca l’andamento del campionato con fortuna leader davanti a Lotrionte e Disperati. Nello special Trophy manca soltanto il giovane Lucioli

Mini ROK. Giuseppe Fusco (84 Ovest) si è imposto sulla pista di casa, dopo aver esordito nella categoria già a Rieti. Fusco l’ha spuntata su Leonardo Marsegli (20 Ovest) e sul leader del girone Est, Alex Nocella (147 Est). Il leader di classifica dell’area Ovest, Francesco Comanducci (184), si è difeso ottimamente, raccogliendo punti preziosi e continuando a dominare la classifica davanti a Valerio Mercuri (120 Ovest) e Lapo Nencetti (107 ovest). Per il girone sud, Giovanni Desari (150 Sud) ha approfittato dell’assenza di Francesco Tricomi (150 Sud). Desari con i punti importanti incassati a Sarno, ha pareggiato il conto con il rivale. Importante è stato anche il risultato di Antonio Damiani (113 Sud) che si è portato in terza posizione, non lontano dalla coppia di testa.

Junior ROK. Tra i gironi Est, Ovest e Sud si verifica un sostanziale equilibrio, indipendentemente dal risultato finale, che vede Danilo Albanese (178 Ovest) vincere davanti aCristian Comanducci (106 Ovest) e Kevin Gagliano (192 Sud). Con la vittoria in rimonta Albanese incrementa il suo margine sull’inseguitore di area Alessandro Di Cori e sui pericolosi Passa Juri, Cristian Comanducci, ottimo secondo assoluto a Sarno, Emanuele Taranghelli e Cosimo Papi. Nella gara campana Gagliano è riuscito a rosicchiare qualche punticino al leader del girone Sud, Alessio Pollara (204), vincitore della pre-finale e sfortunato nella finalissima. La sorpresa più grande si è avuta nella gara nella gara dell’Est, con l’assenza di Matteo Iacone. I due rivali diretti, Stefano D’Andrea (159 Est) e Gianluigi Pierucci (145 Est), hanno sfruttato al meglio l’opportunità, raccogliendo punti preziosi per sopravanzare il pericoloso rivale.

ROK. A Sarno arriva il turno di Angelo Cutrupi (140 Ovest). Il giovanissimo calabrese vince con merito la gara, dopo essersi sempre comportato come uno dei migliori interpreti della categoria, sulla difficile pista Napoli, è Cutrupi il vincitore. Alle spalle del vincitore chiude un altro giovane veloce e spesso sfortunato, Giacomo Carloni (85), che precede Luigi Calafato (144 Ovest). Calafato e Cutrupi con i punti di Sarno hanno avvicinato il leader di classifica, Cristiano Colafrancesco (148 Ovest), anche lui giovane veloce ed interessante. La gara di Sarno ha messo in evidenza anche altri Rokker emergenti, oltre a quelle già citati, quali Flavio Di Gregorio (111 Ovest), Federico Biagioli (110 Ovest) e Andrea Biagini (103 Ovest). Tutti piloti che, come abbiamo già sottolineato in passato, saranno sempre più pericolosi per la volata finale e daranno il loro contributo a rendere incertissima ogni gara. Nell’area Ovest è opportuno far notare che in quattro prove si sono avuti tre vincitori diversi, Colafrancesco, Calafato e Cutrupi. Eugenio Gioacchini (137) ha pareggiato il conto nella classifica dell’Est con Francesco Temperini (137). Gioacchini, assente a Rieti, si è preso quasi il massimo dei punti ed ha raggiunto Temperini in vetta alla classifica

Super ROK. La lotta è particolarmente difficile ed avvincente nella Super. La categoria ci ha abituato a combattimenti tiratissimi ed ancora una volta le aspettative sono state confermate. Lorenzo Caponi (160 ovest) vince e convince prendendosi la testa del campionato davanti ad un avversario difficilissimo, quale Riccardo Cinti (149 Ovest). Caponi, già vincitore della Rok Italia nel 2008 e 2010, è il quarto vincitore su quattro gare, in questa stagione. Nella gara campana chiude secondo Gianmarco Ercoli (116 ovest), il quale sta colmando il gap perso per aver saltato le prime gare della stagione. Buon terzo in finale è stato vittorio Maria Russo (100 Ovest) che adesso insidia la quarta posizione in campionato della lady Arianna Armati, assente a Sarno. Maurizio Spoleti (90 Est), iscritto nell’area Est, si è preso il massimo dei punti possibile ed è balzato al vertice della classifica di area. Gianluca Dingli (207 sud) nonostante la giornata non del tutto positiva vissuta nella finale di Sarno, continua a guidare ampiamente la classifica del suo girone.


Stop&Go Communcation

E’ stata sicuramente positiva la risposta dei Rokker per l’appuntamento congiunto di ben tre gironi, avvenuto sul magnifico Circuito Internazionale […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/05/605_768.jpg ROK Cup – Grande risposta per l’appuntamento nel Circuito Internazionale Napoli