E’ stato un fine settimana da incorniciare quello di Rieti. Un sole vigoroso ha salutato i Rokker dei gironi Est ed Ovest. La sfida tra le due aree non ha deluso le aspettative con tanti piloti e gare formidabili. Su tutte, spicca la finale della Super Rok che resterà memorabile, per il gran numero di sorpassi e gli equilibrismi messi in pista dai due primi attori, Gianmarco Ercoli e Riccardo Cinti.

Non meno entusiasmante è stato il recupero sfoderato da Nocella nella Mini Rok e la gara sul filo dei decimi fatta dagli Junior Rok, Albanese, Di Cori, Innocenzi e Passa. Nella Rok e nella Shifter si è assistito a due cavalcate in solitari, rispettivamente, di Calafato e Fortuna. La pista La Mola si conferma un terreno particolarmente congeniale a gare avvincenti e l’ottima gestione e la simpatia della famiglia Belletti rappresenta una piacevole nota di colore per tutto il paddock. Nella gara areatina è stato messo in atto dai Commissari tecnici CSAI un ulteriore sistema di controllo, la sostituzione del carburatore. Questo tipo di intervento, fortemente voluto dallo staff Rok Cup, ha dato l’ennesimo segnale di trasparenza a tutto il paddock e verrà ripetuto, certamente, nei prossimi appuntamenti.

Mini ROK. Nocella vince nella giornata di Nigel “leone” De Sanctis! I piccoli Rokker si distinguono sempre per grinta e generosità. Nella gara di Rieti a dare prova di tenacia è, in primis, Nigel De Sanctis. Fedele al suo nome, Nigel, non si fa intimorire da un incidente, con tanto di ribaltamento, che lo coinvolge nelle libere del sabato, e si presenta regolarmente al via della gara. In qualifica Cristian Comanducci è impeccabile come sempre e sigla la terza pole stagionale su tre gare. Alex Nocella, leader del girone Est, lo segue a 258 centesimi. I fuochi d’artificio si hanno già in pre-finale con Giuseppe Fusco che regola, al termine di una lunga battaglia, Nocella, Comanducci e De Sanctis. In finale la gara vede Fusco scappare solitario. Nella seconda metà di gara è il terribile Nocella a mettere in riga tutti, andando a vincere. Alle spalle di Nocella giunge il leader del girone Ovest, Comanducci, anche lui bravo ad emergere sulla distanza. Fusco chiude quarto, precedendo uno stoico Nigel “leone” De Sanctis!

Junior ROK. Albanese, Di Cori, Passa ed Innocenzi scappano. Juri Passa vola davanti a tutti in qualifica, precedendo Luca Innocenzi, Danilo Albanese ed il leader dell’Est Matteo Iacone. Al via della finale, Albanese, dalla seconda fila, fulmina i due di testa, Passa e Di Cori, prendendo un leggero margine. Albanese, Di Cori, Innocenzi e Passa sono velocissimi ed imprendibili per il resto del gruppo. Il quartetto viaggia a suon di giri record verso la bandiera a scacchi. Per Albanese arriva il secondo successo in sette giorni, dopo la vittoria dell’area Nord di Castelletto. Nell’area Ovest, il terzetto di testa, composto da Albanese, Di Cori e Passa, promette scintille nei prossimi appuntamenti. Per la classifica dell’Est, il leader Iacone resta, purtroppo, attardato da un contatto al via e perde qualche punto a vantaggio di Gianluca Pierucci e Gianluigi Pierucci.

ROK. L’Ora di Calafato. Arriva il momento di Gigi Calafato. Il laziale, dopo un pizzico di sfortuna che lo ha colpito nelle prime due gare, è il mattatore sulla pista La Mola. Calafato centra pole, vince la pre-finale e domina la finalissima, senza che nessuno degli inseguitori riesca ad impensierirlo. Calafato sfoggia sul suo casco un bel disegno che ricorda il meraviglioso Marco Simoncelli. Proprio alle spalle del vincitore la bagarre è vivace e vede Andrea Biagini conquistare il primo podio nella Rok. Biagini ha la meglio su Andrea Biagioli, ottimo terzo, Cristiano Colafrancesco e Flavio di Gregorio. La classifica dei primi cinque rispecchia l’andamento della classifica dell’area Ovest, con le posizioni lievemente invertite. Sfortunata è la corsa del giovane calabrese Angelo Cutrupi, subito out, dopo essere scattato dalla seconda fila. Nell’Est la vittoria va al giovane Francesco Temperini, attuale leader della classifica del suo girone.

Super ROK. Con Ercolino non si passa! La finalissima della Super è una delle gare più belle che gli annali Rok ricordino. Nella Rok Cup di gare divertenti e spettacolari se ne contano tantissimi, ma quella che hanno regalato Gianmarco Ercoli e Riccardo Cinti, è la Gara! Al verde Ercoli, dalla seconda fila, si insinua tra Arianna Armati e Riccardo Cinti, volando al comando come una furi. Dopo qualche tornata di studio, Cinti, avvicina il leader e lancia il primo assalto. Da questo momento in poi la corsa vivrà su un continuo scambio di posizioni, tentativi di attacco, mosse e contromosse, che tengono il pubblico sulle spine. I sorpassi tra Cinti ed Ercoli si susseguono in ogni tratto della pista, in posizioni, a volte, improbabili. Sul finale, le emozioni traboccano, si aggregano alla battaglia la Armati e vittorio Russo. Ercoli resiste di grinta e carattere e le ultime curve regalano un vivace confronto tra Cinti e la Armati. Allo sprint Russo coglie l’occasione favorevole per prendersi la seconda piazza. Nella vivace bagarre di testa sono mancati due protagonisti quali Lorenzo Caponi e Daniele Bartoletti, leggermente in ombra a Rieti. Ottima è stata la prestazione dei due giovani Mariano Macaluso e Francesco Iacovacci, entrambi dispongono del potenziale per inserirsi presto nel gruppo dei primissimi. Nel girone Est vince il campione in carica Francesco Pettinacci, ottavo assoluto.

Shifter ROK. Tris di Fortuna Andrea Fortuna fa tris. Il marchigiano non ha rivali anche a Rieti e prende il largo in campionato. Andrea Lucioli tenta di mettere il bastone tra le ruote del leader, ma ha un breve sprazzo al via della finale, che Fortuna risolve a suo favore nello spazio di una staccata. La terza posizione se la prende Alessandro Granelli, che la spunta su Riccardo Disperati.


Stop&Go Communcation

E’ stato un fine settimana da incorniciare quello di Rieti. Un sole vigoroso ha salutato i Rokker dei gironi Est […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/04/rok_cup_rieti_tony_kart_shifter_fdgdf.jpg ROK Cup – Girone Est/Ovest: A Rieti la Super Rok regala la gara dell’anno!