Anche l'ultima prova della stagione del "2007 International Open Masters", disputata a Sant'Egidio alla Vibrata (Teramo), ha visto la presenza di un gran numero di piloti, ben 175 (30 in KF1, 43 in KF2, 68 in KF3, 34 in KZ2) confermando anche per questa occasione l'eccezionale successo del campionato che anche quest'anno ha contato oltre 250 iscritti. Ma è stato un weekend particolarmente caldo quello andato in scena sui 1.050 metri della Pista alla Vibrata, sia per l'agonismo in pista, che per le temperature, con 40 grandi nell'atmosfera e oltre 60 sull'asfalto.

 

 

 

Con l'inglese Gary Catt (Tony Kart/Vortex) già campione in anticipo nella KF1 dalla scorsa gara di Lonato, in terra d'Abruzzo erano da assegnare i titoli nelle altre tre categorie, ancora completamente aperte e con concrete possibilità per più piloti di ambire alla conquista del rispettivo campionato. A mettere tutti d'accordo in KF2 ci ha pensato un altro inglese, Will Stevens, anche questi su Tony Kart/Vortex, che ha concluso l'International Open Masters con una perentoria doppietta terminando con 54 punti di vantaggio su Flavio Camponeschi (FA Kart/Vortex). In KF3 è ancora un inglese a portare Oltremanica il titolo, con Jack Harvey salito in vetta alla classifica finale grazie a due importanti piazzamenti (secondo e quarto) ottenuti nelle due gare di Sant'Egidio, relegando a 16 punti di distacco il nostro Matteo Viganò (Birel/Xtr) costretto invece al ritiro in gara-2.

E' "giallo" invece per la KZ2, con classifica finale sub-judice per un clamoroso episodio accaduto in pre-griglia al cartello dei 30 secondi dal via della seconda finale, quando il meccanico di Ardigò si è accorto che la gomma posteriore destra del kart del suo pilota, incredibilmente era afflosciata. Il "giallo" è proseguito nella zona riparazioni, dove nell'intervento per la sostituzione del pneumatico (operazione permessa ad un solo meccanico oltre allo stesso pilota) sarebbero accorsi in aiuto anche altri meccanici contravvenendo così al regolamento. La gara si è poi svolta regolarmente, con Marco Ardigò che è riuscito anche in questa seconda finale a ripetere il secondo posto ottenuto nella prima finale, un risultato che gli avrebbe assegnato il titolo con 15 punti di vantaggio su Manuel Cozzaglio (Birel-Monza/Tm) e 25 su Roberto Toninelli (Intrepid/Tm). I commissari sportivi nel dopo gara hanno però squalificato Ardigò per l'intervento attuato da più meccanici, consegnando così il titolo a Cozzaglio, con 8 punti di vantaggio su Ardigò. L'immediato ricorso in appello della Tony Kart rende però sub-judice il titolo, ora spetta al Tribunale Nazionale d'Appello della CSAI stabilire il campione di questa categoria.

Ad aggiudicarsi le gare di Sant'Egidio alla Vibrata, oltre alle due finali in KF2 conquistate da Will Stevens, sono stati in KF1 Gary Catt (Tony Kart/Vortex) andato alla vittoria nella prima finale e Davide Forè (Maranello/Parilla) vincitore della seconda finale, con il pilota italiano che ha così espresso un bel crescendo di risultati in quest'ultima parte della stagione tanto da guadagnare il secondo posto in campionato. In KF3 sono stati ancora due inglesi a salire sul gradino più alto del podio, Max Goff (Maranello/Xtr) e Tom Grice (Gillard/Xtr). In KZ2 è stato Roberto Toninelli (Intrepid/Tm) a imporsi nella prima finale, mentre nella seconda finale un'eccellente vittoria è stata ottenuta da Alessandro Piccini (Maranello/Tm), al suo primo successo quest'anno nell'International Open Masters coronando così al meglio una stagione anche per lui in crescendo.         

  
 

KF1
1. FINALE: GARY CATT (GB) (TONY KART/VORTEX/VEGA)
2. FINALE: DAVIDE FORE' (I) (MARANELLO/PARILLA/VEGA)

In KF1, con il titolo già assegnato a Gary Catt (Tony Kart/Vortex), è proprio il pilota inglese a prendere il sopravvento dopo i primi due giri condotti in testa da Davide Forè (Maranello/Parilla) e a vincere la prima finale. In seconda posizione si piazza quindi Forè, mentre il terzo gradino del podio è conquistato dal francese Armand Convers (Pcr/Windfire). Nella seconda finale è invece Forè a prevalere su tutti, mentre per il secondo posto riesce ad avere la meglio Convers dopo una bella battaglia con Kazeem Manzur (Zanardi/Parilla). Quest'ultimo, dopo aver condotto in testa nella prima parte della gara, negli ultimi metri deve poi cedere anche il terzo gradino del podio a Catt, che con un sorpasso fin troppo deciso conquista la terza posizione.

 

Campionato: 1. Catt (GB) 210; 2. Forè (I) 120; 3. Laine (FIN) 98; 4. Convers (F) 93; 5. Kozlinski (F) 84; 6. Cesetti (I) 82; 7. Manzur (I) 77; 8. Bailly (B) 74; 9. Christensen (DK) 73; 10. Piccioni (I) 63.

Costruttori: 1. Tony Kart 365; 2. Maranello 269; 3. Birel 249; 4. Crg 202; 5. Lenzokart 32.

 

KF2
1. FINALE: WILL STEVENS (GB) (TONY KART/VORTEX/VEGA)
2. FINALE: WILL STEVENS (GB) (TONY KART/VORTEX/VEGA)

In KF2, all'inglese Will Stevens (Tony Kart/Vortex) è sufficiente la prima finale per mettere le mani sul titolo della categoria, conquistando una vittoria che gli dà la certezza del titolo. I suoi maggiori antagonisti, il tedesco Maring Burkhard (Birel/Parilla) e lo spagnolo Miki Monras (Maranello/Parilla), sono costretti alle retrovie. Flavio Camponeschi (FA Kart/Vortex), altro pretendente al titolo, conquista il terzo posto a tavolino per la squalifica inflitta all'inglese Jones Foster (FA Kart), ma il suo ritardo in classifica da Stevens non gli permette di restare ancora in lizza per il titolo. In seconda posizione si piazza l'austriaco Patrick Fontner (Kosmic/Vortex).
La seconda finale vede ancora prevalere Stevens, davanti a Camponeschi e all'altro italiano Aniello Smarrazzo (FA Kart/Vortex), buon terzo. Da sottolineare la bella gara della ragazza della Repubblica Ceca Lucie Panackova (Crg/Tm), quarta in ambedue le finali e grande protagonista nei duelli di testa.

Campionato: 1. Stevens (GB) 155; 2. Camponeschi (I) 101; 3. Fontner (A) 98; 4. Burkhard (D) 95; 5. Monras (E) 86; 6. Otegui (E) 67; 7. Pivoda (CZ) 65; 8. Panackova (CZ) 56; 9. Butler (IRL) 50; 10. Heikkinen (FIN) 49.

Costruttori: 1. Tony Kart 334; 2. Maranello 283; 3. Birel 264; 4. Crg 225; 5. Brm 49.

KF3
1. FINALE: MAX GOFF (GB) (MARANELLO/XTR/VEGA)
2. FINALE: TOM GRICE (GB) (GILLARD/XTR/VEGA)

Anche in KF3 sul gradino più alto del podio hanno prevalso i colori inglesi, con Max Goff (Maranello/Xtr) vincitore della prima finale, e il connazionale Tom Grice (Gillard/Xtr) vincitore della seconda. Per la conquista del titolo, grandi speranze erano riposte in Matteo Viganò (Birel/Xtr) e Kevin Ceccon (compagno di marca), ma le vicissitudini patite nelle manches eliminatorie non li ha certo agevolati. Sul traguardo della prima finale, alle spalle di Goff riesce invece a piazzarsi Jack Harvey (Maranello/Xtr) che così si porta in testa alla classifica con 3 punti di vantaggio su Viganò che alla fine si piazza al nono posto. Nella seconda finale, decisiva per il titolo, è l'altro inglese Tom Grice (Gillard/Xtr) a svettare su tutti, seguito dal connazionale Goff e dal belga Sebastien Bailly (Kosmic/Vortex). Harvey è quarto e conquista il titolo, mentre Viganò è costretto al ritiro e ad accontentarsi della piazza d'onore davanti a Grice e al bergamasco Ceccon.

 

Campionato: 1. Harvey (GB) 118; 2. Viganò (I) 102; 3. Grice (GB) 97; 4. Ceccon (I) 94; 5. Suvanto (FIN) 77; 6. Goff (GB) 75; 7. Villalba (E) 56; 8. Vita Kouzkin (I) 52; 8. Otero (E) 52; 10. Gaku (J) 50.

Costruttori: 1. Maranello 342; 2. Birel 300; 3. Tony Kart 290; 4. Brm 115; 5. Crg 85.

 

KZ2
1. FINALE: ROBERTO TONINELLI (I) (INTREPID/TM/VEGA)
2. FINALE: ALESSANDRO PICCINI (I) (MARANELLO/TM/VEGA)

Nella prima finale della KZ2 è Roberto Toninelli (Intrepid/Tm) a imporsi, mantenendo ancora in piedi le sue possibilità per ambire al titolo di categoria. Chi invece vede sempre più vicino l'alloro della stagione è Marco Ardigò (Tony Kart/Vortex), che con un secondo posto alquanto produttivo scavalca in testa alla classifica per 8 punti Manuel Cozzaglio (Birel-Monza/Tm) che invece si è dovuto accontentare di un settimo posto. Buon terzo si piazza Francesco Laudato (Birel/Tm). La seconda finale vede il "giallo" del pneumatico sgonfio in pre-griglia sul kart di Ardigò. A riparazione avvenuta, il pilota leader di classifica parte dal fondo dello schieramento anziché in prima fila, come da regolamento, ma una prima partenza rinviata per una difficoltà tecnica accusata da Alessandro Manetti (Intrepid(Tm) che scattava dalla seconda fila, costringe il direttore di gara ad una seconda partenza. Nel conseguente giro di lancio Ardigò recupera la posizione in prima fila. Dopo un secondo rinvio per un problema a un pilota a centro schieramento, la gara prende finalmente il via. Uno spettacolare incidente al quarto giro di gara a metà gruppo costringe il direttore di gara ad attuare la procedura di neutralizzazione con il cartello "slow". Nell'incidente rimangono coinvolti soprattutto Michele Lenzo e Riccardo Piccoli, il primo se la cava con una forte contusione alla schiena, mentre al secondo vengono riscontrate fratture ad ambedue le caviglie. Dopo 7 giri di neutralizzazione, la gara riprende e dopo una bella rimonta, a vincere è Alessandro Piccini (Maranello/Tm). Ardigò si piazza ancora al secondo posto, davanti a Toninelli. Cozzaglio conclude in quarta posizione. Il titolo è di Ardigò, ma a a fine gara arriva la sua esclusione per l'intervento di più meccanici nella sostituzione del pneumatico prima della partenza, procedura non consentita dal regolamento. In testa alla classifica (sub-judice) passa Cozzaglio.

Campionato (sub-judice): 1. Cozzaglio (I) 158; 2. Ardigò (I) 150; 3. Toninelli (I) 149; 4. Laudato (I) 104; 5. Piccini (I) 100; 6. Iglesias (E)     74; 7. Vasiliaskas (LT) 69; 8. Manetti (I) 59; 9. Knopper (NL) 56; 10. Giulietti (I) 50.

 

Costruttori: 1. Tony Kart 322; 2. Birel 254; 3. Crg 249; 4. Maranello 211; 5. Brm 178; 6. Lenzokart 76

 


Gary Catt
Campione KF1 – 2007 International Open Masters
Gary Catt, inglese, è nato il 28 settembre 1980. Nel 1996 è campione inglese TKM Junior, nel 1997 vince il titolo Senior. Nel 1999 passa all’automobilismo in Formula Ford. Nel 2002 torna nel karting ed in Inghilterra vine il Campionato ICA, è terzo nell’Europeo, è campione Kartmaster. Nel 2003 vince il campionato britannico di Formula A, è terzo nella Winter Cup. Nel 2004 si piazza settimo nel Campionato del Mondo di Formula A. Nel 2005 è campione nel Kartmaster. Nel 2006 partecipa al Mondiale di Formula A (24.), si piazza quarto nell’Europeo e vince il TvMaster FA. Nel 2007 International Open Masters vince il titolo in KF1 e conquista il podio 9 volte (5 vittorie, 2 secondi posti, 2 terzi), conclude con 210 punti.

 

 

Will Stevens
Campione KF2 – 2007 International Open Masters

Will Stevens, inglese, è nato il 28 giugno 1991. L’esordio di Stevens è datato 2003, anno in cui disputa il campionato inglese nella categoria Cadet. Nel 2004 è nel campionato ABkC (Association of British Karing Clubs) e vince, nella stessa stagione, la prestigiosa Star of Tomorrow. L’anno successivo è quello della vittoria nel campionato inglese, sempre in ICA Junior. Nella stessa categoria ottiene il suo primo successo internazionale nell’Open Masters a Val Vibrata. Nel 2006 Stevens ottiene il secondo posto alla Winter Cup e il 4. al Margutti. Will prosegue nell’Open Masters, dove conclude nono, mentre nell’Europeo termina al 4. posto. Vince la ICA Junior della WSK International Series 2006.
Nel 2007 International Open Masters vince il titolo in KF2 e conquista il podio 6 volte (3 vittorie, 2 secondi posti, 1 terzo), conclude con 155 punti.

 

 

Jack Harvey
Campione KF3 – 2007 International Open Masters

Jack Harvey, inglese, è nato il 15 aprile 1993. Ha iniziato a gareggiare all’età di 10 anni, e nel 2003 conquista il primo titolo Cadetti. Gareggia poi nella Rotax Mini-Max dove si classifica secondo. Nel 2006 ottiene il titolo ICA Junior in Inghilterra e il titolo Kartmasters. Si classifica 13. alla finale dell’Europeo Junior a Mariembourg in Belgio dopo essersi piazzato 12. alla selezione di Braga in Portogallo (quinto in gara-2).
Nel 2007 International Open Masters vince il titolo in KF3 e conquista il podio 3 volte (2 vittorie e 1 secondo posto), conclude con 118 punti.

 

 

 


Classifica KF1 – 2007 International Open Masters

 

Classifica KF2 – 2007 International Open Masters

 

Classifica KF3 – 2007 International Open Masters

 

Classifica KZ2 – 2007 International Open Masters

 

 

Nella foto, Jack Harvey (Maranello Racing Kart)


Stop&Go Communcation

  Anche l'ultima prova della stagione del "2007 International Open Masters", disputata a Sant'Egidio alla Vibrata (Teramo), ha visto la […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/JHItalianchamp2-2.jpg Open Masters: Teramo, I british boys fanno incetta di titoli