Il Campionato del Mondo di Marienbourg si è trasformato in un autentico trionfo per la Vortex. I propulsori RAV hanno chiuso una stagione indimenticabile con un successo meraviglioso, monopolizzando il podio iridato! Il mondiale di Mariembourg inizia, sin dalle qualifiche, in modo positivo per la squadra di Giovanni Corona, con ben cinque Vortex nei primi cinque posti. Gary Catt (Tony Kart–Vortex) va in pole con il tempo di 53"530, davanti al futuro Campione del Mondo Marco Ardigò. Al termine delle manche sono Vortex ben cinque vittorie su sei, grazie a Catt (3 vittorie), Ardigò e Bollinghtoft, con una vittoria a testa. La gara decisiva si risolve con un testa a testa tra i motorizzati Vortex, in particolare tra Marco Ardigò e Gary Catt. Marco, con un formidabile guizzo dalla seconda posizione, in prefinale, va a vincere e si guadagna la partenza al palo per la finalissima. Dalla prima posizione Ardigò non sbaglia, si avvia come un fulmine e nei primi giri accumula un buon margine sugli inseguitori (quasi 1"): Gary Catt, Niko Bollignhtoft e Benjamin Bailly, tutti motorizzati Vortex. Le prime tre posizioni non sono mai messe in discussione dagli avversari e per la casa di pavia è una passerella emozionante questo Campionato del Mondo.

Alle splendide prestazioni delle squadre ufficiali Vortex, in primis Tony Kart e Kosmic, con i loro piloti, si aggiungono le performance di tanti privati che hanno mostrato, con l’ottimo lavoro svolto, quanto valido e ben gestibile sia la nuova arma per la KF1 di casa Vortex. Kevin Cuoco del team KC Vendrell, Julien Poncelet dell’omonimo team, entrambi finalisti nella KF1. Altrettanto valido è stato il lavoro svolto dai team Morsicani, giunto sul podio iridato con Camponeschi in KF2, il Ricky Flynn Motorsport con Foster Jones, Il Ward Racing con Wernersson e il team inglese Strawberry. Proprio nella categoria KF2 l’onore Vortex è stato difeso ottimamente dai team privati. La squadra ufficiale Vortex ha vissuto un week end poco fortunato nella World Cup di KF2, il Campione Europeo Will Steven (Vortex-Tony Kart-Dunlop) prima di essere rallentato da un banale guasto ha dimostrando chiaramente che possedere il potenziale per ambire alle posizioni di vertrice.

Giovanni Corona – Presidente Vortex: "E’ innegabile, questo mondiale, arriva al termine di una stagione ricca di soddisfazioni e successi per noi. Abbiamo realizzato un propulsore per la nuova KF1, il RAV e questo si è dimostrato immediatamente vincente, portandoci delle belle soddisfazioni e dimostrando che le ricerche fatte, anche quelle degli anni passati, si sono mosse nella giusta direzione. Infatti siamo abituati a tenere ben presenti tutte le cose che sviluppiamo e le conserviamo gelosamente, anche nel caso in cui queste non trovino uno sbocco immediato in pista. Il Campionato del Mondo è il premio per tutti i miei collaboratori, persone qualificate e capaci che hanno lavorato duramente e portato a termine il programma di sviluppo che ci eravamo dati all’inizio della stagione."

Avete prodotto due armi micidiali, il RAV per la KF1 e l’RVX per la classe con il cambio, la KZ. Due motori nati benone, vincenti da subito "Si. Questi due motori sono la migliore sintesi delle nostre esperienze e delle indicazioni raccolte, sia in azienda, al banco prova, che in pista con i nostri racing team. Propulsori nati bene che hanno ricevuto da parte nostra dei progressivi sviluppi per affinarne la preparazione. Sappiamo bene che i nostri avversari non stanno a dormire ed hanno fatto dei salti in avanti non indifferenti. Per questo abbiamo programmato, sin dall’inizio della stagione, un lavoro di sviluppo intenso e non ci fermeremo certamente in questo lavoro. dormire sugli allori conquistati sarebbe un errore imperdonabile."

Marco Ardigò – driver Vortex – Tony Kart Racing Team – categoria KF1 – Campione del Mondo: "Ancora non mi rendo conto di questo titolo, che ho tanto inseguito … Questa vittoria è importantissima, non solo perché è il mio primo mondiale e perché è il primo campionato con la nuova motorizzazione, KF1, la Vortex ha realizzato il motore RAV che si è dimostrato da subito eccezionale!".

Sei stato in testa per tutta la finale, hai faticato a tenere a bada il tuo compagno di squadra? "Ho spinto forte per tutta la gara senza mollare mai, non volevo che Gary si avvicinasse. Questo è un campionato del mondo e nessuno di noi, tra me e Gary voleva cedere. Gary è un pilota molto veloce ed il team ci ha messo nelle condizioni di giocarci, ad armi pari, anche questa gara così importante ed alla fine abbiamo fatto tutta la finale fortissimo …. Adesso voglio andare a festeggiare!".

Gary Catt – driver Vortex – Tony Kart Racing Team – categoria KF1 – Vice Campione del Mondo: "Se prima di venire in nel team Vortex e Tony Kart qualcuno mi avesse detto che un giorno avrei raggiunto questo risultato non ci avrei creduto. Sono molto contento di averlo ottenuto, ma… Il giorno in cui arrivi secondo ti lascia sempre un pò di amaro in bocca. Sin da ieri siamo stati molto veloci in ogni manche, venerdì siamo stati veloci nelle prove libere e quindi ho pensato che avrei potuto vincere, invece il risultato è stato un secondo posto. Penso che sia un risultato fantastico per me e per tutto il team, Marco ha fatto un lavoro eccezionale vincendo entrambe le finali, io lo seguivo a ruota e lui è riuscito a gestire la gara senza problemi. Penso che per lui oggi sia una gioia fantastica, tutti e due abbiamo dato il massimo e lui è Campione del Mondo!".

Nikolaj Bollingtoft – driver Vortex – Kosmic Racing Department KF1 – 3° classificato: "E’ stato un bellissimo weekend, una grande soddisfazione dopo tanto duro lavoro. Già dai test che abbiamo fatto due settimane fa avevo visto che eravamo molto veloci ed ero ottimista. Infatti sia venerdì che sabato ho fatto dei buoni tempi che mi hanno permesso di partire terzo nella finale. In finale dopo la prima curva ho cercato di stare dietro a Marco Ardigò, ma era troppo veloce e dopo qualche giro è volato via. Anche Catt mi ha raggiunto e mi ha passato, era molto più veloce di me. Ho dovuto comunque difendere la mia terza posizione ed ho tenuto alta la concentrazione per tenere duro e continuare a fare dei buoni tempi. Ho avuto qualche problema con le gomme perché questa pista le mette a dura prova, in particolare a fine gara le posteriori non avevano grip e scivolavano via. Il motore e il telaio invece erano perfetti. Sono molto soddisfatto, abbiamo fatto un grande lavoro."

Benjamin Bailly – driver Vortex – Kosmic Racing Department KF1 – 5° classificato: "Questo è stato il mio primo Campionato Mondiale e sono molto contento per come è andata. Ho fatto un buon lavoro, sia con il mio meccanico che con tutto il resto del team ed avevamo un mezzo perfetto. Sono stato davanti ogni giorno, sin dalle libere del venerdì. E’ stato veramente bello correre il mondiale nel mio paese, con tutta la mia famiglia e i miei fans che sono venuti a sostenermi, vedendomi fare dei buoni risultati. E’ stato un weekend molto positivo per tutto il team perché sia io che Nikolaj Bollingtotf abbiamo ottenuto degli ottimi risultati. Per la stagione voglio ringraziare prima di tutti i Signori Corona e Robazzi, il mio team manager Olivier Marechal, il mio meccanico e mio padre che mi ha sempre sostenuto e tutti coloro che hanno fatto il tifo per me."

Alessandro Bressan – driver Vortex – Kosmic Racing Department KF1 – 9° classificato: "Avrei fatto la firma se mi avessero detto che questo sarebbe stato il risultato del mio mondiale! Ho fatto un’ottima gara, dopo che in prefinale ho sofferto un pò, in finale siamo riusciti a stare con i primi. Speravo addirittura, ad un certo punto di poter tentare anche di fare il podio, poi così non è stato, ma sono molto contento del risultato. Il mio risultato è importante anche per il team, avere tre telai nei primi dieci non è poco, è una bella soddisfazione!".

Nella foto, Nikolaj Bollingtoft (Kosmic Racing Team)


Stop&Go Communcation

Il Campionato del Mondo di Marienbourg si è trasformato in un autentico trionfo per la Vortex. I propulsori RAV hanno […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/Vortex-Campione-del-Mondo-KF1.jpg KF1: L’analisi Vortex sul tripudio dei RAV al Mondiale di Mariembourg