Arnaud Kozlinnsky in gara 1, Jean Philippe Guignet in gara 2. Si è chiuso sotto il segno indelebile della CRG l'ultimo round dell'Europeo KF1, che ha però decretato soprattutto l'ennesimo titolo per quel mostro sacro che corrisponde al nome di Marco Ardigò. Già perchè il driver bresciano, davvero ingordo e insaziabile, ha fatto sua anche la corona continentale della classe regina senza cambio, dopo aver sbaragliato recentemente la concorrenza in KZ2 nella WSK Series.

Kozlinsky dopo la vittoria in pre-Finale era passato momentaneamente al comando della classifica continentale con 69 punti, poi però Ardigò col terzo gradino del podio nella Finalissima (e i punti della quinta piazza della pre-Finale) ha rimesso tutti i tasselli al posto giusto imponendosi così al comando con 78 lunghezze nell'Assoluta di campionato e lasciando a Koko la palma di vice leader nonostante sia rimasto a bocca asciutta dopo uno sfortunato ritiro al 13° giro.

Dominio ancora Tonykart dunque, grazie anche alla medaglia di bronzo di Gary Catt (terzo alle spalle dei battistrada con 65 punti), che riesce a tenere a bada un Forè in palla. Il bresciano della Maranello era partito col piede giusto come nel splendido weekend di Suzuka dove vinse la World Cup della classe regina, facendo registrare prima la pole position e presentandosi col minimo delle penalità (e quindi in testa) dopo le batterie eliminatorie. Alla fine però non sono bastate le due splendide piazze d'onore colte alle spalle rispettivamente dei CRG brothers Kozlinsky-Guignet per buttare giù dal podio definitivo l'altro boy Tonykart. Per la cronaca, buon terzo posto in pre-Finale di Luca Giacomello (Chiesa Corse) su Zanardi-Parilla davanti a Cesetti e al trio "verde" Ardigò-Catt-Stevens. Chiudono la top ten Bressan (Kosmic), Kunranta (PNT Racing) e Libor Toman (Birel). Mentre in Finale a ridosso delle posizioni da champagne trovano gloria Stevens, Ryall, ancora Kunranta e Bressan, seguiti da Parrott, Libor Toman e Litchfield.

Qualifica KF1

Intermediaria KF1

PreFinale KF1

Finale KF1

Classifica Finale Campionato d'Europa KF1

Dominio Tony in Portogallo dicevamo, in quanto oltre alla disputa del terzo e ultimo round della KF1 si è disputata anche la finalissima in prova unica della KF2 in modalità "support event" alla categoria maggiore. E anche nella categoria dei semi professionisti sulla rampa di lancio è proprio un'altro ragazzo con la casacca bianco-verde a cantar vittoria: Flavio Camponeschi. Il driver romano del Tony Kart Junior Team abilmente guidato da Paul Spencer ha letteralmente spadroneggiato durante l'arco dell'intero fine settimana lusitano, vincendo a mani basse sia preFinale che Finale, dopo aver conquistato la pole position ed essere svettato al termine delle durissime batterie eliminatorie … Che dire? Con uno score del genere ogni commento è superfluo, anche se ci sarebbe piaciuto ovviamente commentare e illustrare anche la KF2 nei dettagli come la KF1, ma a differenza della categoria regina i risultati informativi in questo caso scarseggiano alla fonte … Per la cronaca, la medaglia d'argento è andata nelle mani del british Foster-Jones (già vincitore del Trofeo Margutti dello scorso marzo), mentre quella di bronzo l'ha indossata il belga Frijns (Team GKS). Insomma Braga all'insegna dell'apoteosi e della tenacia Tonykart. Questo, per il momento, è tutto!

Qualifica KF2

Intermediaria KF2

PreFinale KF2 (non ancora disponibile!)

Finale KF2 (non ancora disponibile!)

Nella foto, Marco Ardigò (Tonykart) in azione a Braga


Stop&Go Communcation

Arnaud Kozlinnsky in gara 1, Jean Philippe Guignet in gara 2. Si è chiuso sotto il segno indelebile della CRG […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/ArdigoBraga.jpg EuroFinal, Braga report: Ardigò e Camponeschi campioni d’Europa in KF1 e KF2. Tonykart padrona!