In esclusiva a Stop&Go, il giovane kartista siciliano, Gabriele Minì, parla del suo 2016 ricco di soddisfazioni e trionfi come la vittoria del Campionato Italiano ACI-CSAI classe 60mini.

Gli sport motoristici insegnano che molte volte, le belle storie, posso diventare piccole grandi realtà, questo è sicuramente il caso di Gabriele Minì. Il giovane undicenne di Marineo (PA), è il perfetto risultato di passione che porta alla soddisfazione. Dopo aver lottato per tutte e cinque le tappe del Campionato Italiano ACI-CSAI, in occasione dell’ultimo appuntamento a Val Vibrata, Gabriele ha trionfato portando a casa la corona tricolore. Un successo studiato nei dettagli insieme a papà Fabrizio, primo sostenitore del giovane talento.

In occasione della partecipazione alla ROK CUP International Final, Gabriele si è raccontanto in esclusiva a Stop&Go per quanto riguarda il suo fantastico 2016, una stagione sicuramente da ricordare.

– Gabriele, hai da poco partecipato alla ROK CUP International Final, com’è andata la tua prima partecipazione tutto sommato?
“Tutto sommato dato che mi sono preparato solo nel Campionato Italiano, non posso dire che sia andata male ma neanche bene. Alcuni problemi al telaio mi hanno penalizzato nelle prime due manche della ROK, successivamente abbiamo trovato una piccola soluzione e sono riuscito a vincere le restanti 2 manche. Per la Finale, visti i 9 punti sono partito un pò indietro ma ho comunque chiuso al decimo posto assoluto su 170 piloti partecipanti.”

– Qualche weekend fa hai trionfato nel Campionato Italiano ACI-CSAI, puoi raccontarci la tua stagione?
“La mia stagione è stata un lungo percorso, durante prima gara a Castelletto di Branduzzo, durante il sabato abbiamo avuto qualche piccolo problema ma sono riuscito comunque a vincere 4 manche su 4. La domenica partendo 1 sono riuscito a vincere gara 1. In gara 2 partendo ottavo ho chiuso quarto.
A Sarno avevo un telaio perfetto e sono riuscito ad ottenere  un secondo posto e 3 primi posti durante le manches di sabato. Domenica sono riuscito a vincere sia gara 1 e gara 2 ma per via di una penalità in gara 2 di 5 secondi (un contatto), ho chiuso settimo.
Ad Adria in qualifica mi hanno squalificato per una irregolarità al motore (non preparato da noi), durante le manches partendo 34 sono arrivato decimo, nono e undicesimo. Durante le finali, partendo molto indietro ho chiuso al 13esimo posto in gara 1 dopo un contatto e ottavo in gara 2.
A Triscina il sabato sono andato male perchè avevo problemi e nelle tre manches ho portato a casa due secondi posti ed un sesto. Nonostante ciò, sistemando il telaio domenica abbiamo vinto entrambe le gare.
Nell’ultimo  e decisivo appuntamento a Val Vibrata, il sabato sono andato abbastanza bene con un primo ed un quarto posto. La domenica in gara 1 non ho rischiato e ho fatto quinto, una posizione utile per vincere il Campionato. In gara 2 ho dato il massimo e sono riuscito a vincere l’ultima gara dell’anno concludendo in bellezza il Campionato Italiano.”

– Quanto è stato importante l’aiuto di tuo papà per la conquista del Titolo all’ultima gara disponibile?
“Mio padre è stato sempre presente durante i weekend di gara e ha fatto sempre un ottimo lavoro sia motoristicamente che con  il telaio, un ringraziamento va anche a Mario Monda e al suo prezioso aiuto per tutto il corso di Campionato. Si può dire che io e mio padre ci capiamo con gli sguardi, questo è stato fondamentale per chiudere li davanti a tutti, sempre come privati e senza nessun Team alle spalle.”

– Che programmi hai per gli ultimi mesi del 2016 e per il prossimo anno?
“Per quanto riguarda il 2016, sarò impegnato nel Campionato Italiano Circuiti Cittadini e infine sarò presente al Motorshow di Bologna. Per il prossimo anno probabilmente farò il WSK e il Campionato Italiano, sempre in 60 mini, sono ancora troppo piccolo per passare in OKJ.”

– Come gestisci la vita privata e la vita da pilota?
“Nella mia vita privata appena finisco con lo studio, vado da mio papà in officina. Quando non gareggio, solitamente mi alleno la domenica a Triscina.”

– Se dovessi scegliere la vittoria più bella della stagione, ad esclusione dell’ultima gara dell’Italiano a Val Vibrata, quale sceglieresti?
“Sceglerei la vittoria in gara 1 di Triscina li ho trovato un gran pubblico, coni miei parenti tutti a fare il tifo per me. Questa vittoria la dedico sicuramente a loro.”

Futuro sicuramente roseo per il nuovo asso del karting italiano, Gabriele Minì tenterà di difendere ancora il titolo in 60mini durante la prossima stagione, per poi continuare con la scalata in tutte le varie categorie. Il talento dimostrato e la giovane età sono tutti punti a favore per il giovane pilota siciliano.

Credits: ACI-CSAI
Simone Corradengo


Stop&Go Communcation

In esclusiva a Stop&Go, il giovane kartista siciliano, Gabriele Minì, parla del suo 2016 ricco di soddisfazioni e trionfi come […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/10/2016_img_CIK_Val_Vibrata_60_mini_final2_fmp_4885-1024x683.jpg Esclusiva – Dopo la vittoria del Campionato Italiano, Gabriele Minì racconta il suo 2016