Gare spettacolari e un grande equilibrio hanno caratterizzato il 2° appuntamento stagionale del Campionato tricolore Easykart disputato a Siena, confermando ancora una volta l’eccellenza del Regolamento e il valore dei piloti e dei team in gara.

Tra i giovanissimi della 60cc un nuovo arrivo al fotofinish ha confermato Sabella (KR –Capp Motori) sul gradino più alto del podio davanti a Colombo e Rossi, mentre al 4° posto ha chiuso Bertoncello davanti a Mancini.

Nella 100cc, Davide Lombardo ha bissato il successo di Castelletto battendo in volata Giardino e Atlante, con Toth ancora una volta in evidenza con il 4° posto davanti a Romanucci. Va detto che, sia Lombardo, sia Giardino hanno corso con l’elettronica completa fornita dai commissari tecnici, che hanno sostituito ai due protagonisti della corsa anche il carburante, i cerchi e gli pneumatici. Queste iniziative sottolineano l’attenzione posta sul fronte tecnico, rendendo il successo dei due piloti in questione ancora più bello.

Nella Master, infine, vittoria di Petrucci che, sul traguardo, ha preceduto Cobianchi; ma quest’ultimo a causa di un sorpasso con bandiere gialle è poi stato escluso cedendo il 2° posto a Spreafico, mentre in 3ª posizione ha chiuso Smelov in volata su Bongiovanni e Ferri.

EASYKART 60 (Finale B) – Sono stati Caglioni e Tocci a divedersi la 1ª fila della Finale “B” e nell’ordine sono sfilati alla 1ª curva, anche se già nel corso del 1° giro è stato Piratoni a portarsi davanti a tutti. Nel trenino di testa si sono inseriti nelle prime fasi di gara anche Orlando, il venezuelano Brea, Santambrogio e Cunsolo. Dal 3° passaggio è stato Caglioni a riprendersi la leadership e fino alla bandiera a scacchi non l’ha più ceduta precedendo di ben 5” Piratoni; ma quest’ultimo nel post gara è stato escluso per una non conformità del motore (squish), quindi il 2° posto è passato a Marini. Gli ultimi 4 posti per accedere ala Finale “A”, invece, sono andati a Orlando, Brea, Tocci e Santambrogio, tutti autori di una bellissima gara. Grande delusione, al contrario, per Cunsolo che, a causa di un contatto si è classificato 7° mancando la qualificazione di un soffio, come Concina, Caronni, e Antonelli, che hanno chiuso alle sue spalle.

EASYKART 60 (Finale A) – Le fasi di qualificazione hanno posto in evidenza Edorado Rossi e Paolo Orsini che, con sole 2 penalità a testa, si sono divisi la 1ª fila della Finale davanti a Vitali, Bertoncello e Sabella. Il poleman Rossi è stato molto bravo anche nelle prime fasi di gara portandosi al comando davanti a Bertoncello, Orsini, Vitali, Sabella e Tlachac, ma in realtà al comando si è formato un gruppo compatto con oltre 10 piloti in lotta e ben presto sono iniziati continui avvicendamenti al comando e nelle posizioni a seguire. Dalla “bagarre” è emerso anche Lorenzo Colombo, attardato da un problema al motore nelle fasi di qualificazione, ma già nella top 5 prima al 5° giro. Al 7° passaggio Colombo si è portato anche al comando, ma al 10° giro lo ha rilevato Sabella che, agevolato dalla lotta alle sue spalle tra Rossi, Bertoncello e lo stesso Colombo, nel finale è riuscito a guadagnare qualche metro sugli avversari andando a vincere la 2ª gara stagionale. Alle sue spalle, invece, Colombo ha preceduto al fotofinish in una volata entusiasmante Rossi, mentre per il 4° posto Bertoncello si è dovuto guardare le spalle da un ottimo Mancini, che ha chiuso la corsa in 5ª posizione. A seguire, Vitali ha preceduto Orsini che, partito dalla 1ª fila, è forse il pilota che ha raccolto meno rispetto al potenziale dimostrato. Ottima, invece, la gara di Rodriguez: ha ottenuto la 8ª posizione mentre nei primi giri era transitato oltre il 15° posto. Nella top ten hanno chiuso una gara positiva anche Michelotto e Genisi, rispettivamente 9° e 10°, mentre a seguire Maccari ha preceduto Linty, Carenini, Tlachac e Brigliadori.

EASYKART 100 – Se Davide Lombardo a Castelletto di Branduzzo era stato una sorpresa, a Siena è stato una conferma conquistando la pole e vincendo la manche di qualificazione. Il tutto utilizzando una scocca messa a disposizione (e certificata) dalla Birel, usando l’elettronica completa di tutti i cavi, l’accensione, lo scarico, i cerchi, le gomme e il carburante fornito dal commissari tecnici, che hanno tenuto in custodia il kart completo per tutta la durata della manifestazione. Il medesimo trattamento è stato riservato a Matteo Giardino e sottolinea in modo esaustivo e oggettivo, il grande impegno posto dal promotore e dai commissari sul fronte della conformità tecnica. E tutti questi sforzi sono ripagati dalle classifiche e dalle gare del Trofeo Easykart, sempre equilibrate e spettacolari. Lo svolgimento della corsa ha visto Lombardo partire bene dalla pole, ma ben presto è stato un Atlante in grande spolvero a portarsi davanti a tutti, mentre al 3° posto dietro Lombardo si sono inseriti Giovinazzo, Giardino, Luches e Toth. Subito al via, invece, un contatto ha eliminato Carballo, Lazzari, Tocci e Brigatti. Al 10° giro al comando è transitato Giardino tallonato da Lombardo e Atlante, mentre a 3” in 4ª posizione Giovinazzo precedeva Toth, Romanucci, Livraghi e Luches. Il finale di gara è stato entusiasmante, con Lombardo che ha rotto gli indugi scavalcando all’ultimo giro Giardino; dalla manovra ha provato a trarne vantaggio anche Atlante, ma Giardino si è difeso bene chiudendo al 2° in volata con soli 119 millesimi su Atlante. La volata per il 4° posto, invece, è andata a Norbert Toth che, nel finale, ha guadagnato un margine di sicurezza su Romanucci e Livraghi, che hanno chiuso in 6ª e 7ª posizione. Al 7° posto ha chiuso Cecotto, la cui gara è stata penalizzata da un contatto al 7° giro nel quale è retrocesso dalla 5ª alla 14ª posizione: la sua rincorsa fino al 7° posto è stata quindi molto positiva. Bella anche la gara di Javurek, ancora nella top ten con la 8ª posizione, così come positivo è stato il 9° posto di Talas. A seguire, 10ª posizione per Pollastri, che ha preceduto Cicconetti, Popovic, Luches, Giovinazzo e Iannotta.

EASYKART MASTER –  Le prove cronometrate e la manche di qualificazione hanno espresso Petrucci e Spreafico (1° e 2° dopo le fasi di qualificazione) come più autorevoli pretendenti al successo nel 2° appuntamento stagionale della nuova categoria Master. Dalla 2ª linea sono scattai con il ruolo di outsider di lusso, Cobianchi e Stirpe. Al via Petrucci e Spreafico si sono confermati in grande evidenza sfilando nell’ordine e imponendo alla gara subito un ritmo elevato. Ma anche Cobianchi ha dimostrato subito un ottimo “passo” gara e al 3° giro ha scalcato Spreafico per il 2° posto; l’azione è però avvenuta in regime di bandiere gialle per la precedente uscita di pista di Cavone, così che il pilota dell’Imola Racing è stato posto sotto investigazione con la prova video. Nel trenino di testa, intanto, alle spalle di Stirpe in 4ª posizione, si erano portati anche Ferri, Smelov e Bongivanni, rendendo la gara della Master come di consueto una delle più spettacolari e aperte. Al 5° giro un ottimo Stirpe ha scavalcato Cobianchi per la 2ª posizione, mentre al comando Petrucci ne ha approfittato per guadagnare alcuni metri di vantaggio sugli inseguitori. La bagarre è stata resa ancora più spettacolare dall’inserimento nel trenino degli inseguitori anche di Adani e Lucchese, che si sono inseriti in 7ª e 8ª posizione davanti a Benelli. Nelle fasi finali due episodi hanno contribuito a “disegnare” la classifica finale: Spreafico ha toccato alla curva “3” Stirpe mandandolo in testa-coda, mentre all’ultimo giro Lucchese e Adani sono uscito di pista, sempre a causa di un contatto. Sotto alla bandiera a scacchi, quindi, Petrucci ha vinto su Cobianchi, ma quest’ultimo è poi stato escluso dalla classifica per il sorpasso con bandiera gialla lasciando la piazza d’onore a Spreafico. Ma un provvedimento dei commissari è arrivato anche per Spreafico, ritenuto responsabile del contatto con Stirpe: nella gara di Viterbo avrà 10 posizioni di penalità in griglia di partenza. La volata per il 3° posto, invece, è andata a Smelov che ha preceduto Bongiovanni e Ferri, mentre in 6ª posizione si è classificato Benelli. Al 7° posto ha chiuso lo sfortunato Gianmarco Stirpe, mentre Ravaglia, Pantaleone e Palma hanno chiuso la top ten.


Stop&Go Communcation

Gare spettacolari e un grande equilibrio hanno caratterizzato il 2° appuntamento stagionale del Campionato tricolore Easykart disputato a Siena, confermando […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/03/Podio_master_sienajpg.jpg Easykart – Sabella, Lombardo e Petrucci al top nel 2° round di Siena