Le finali internazionali Easykart, svoltesi sulla pista di Castelletto di Branduzzo lo scorso weekend, hanno registrato 280 piloti presenti in rappresentanza di 26 Nazioni con gare tiratissime ed emozionanti in tutte le classi.

A partire dalla 60cc, decisa solo all’ultimo giro, quando in lizza per il successo c’erano ben 5 piloti: Vezzelli, Lombardo, Colombo, Sampieri e Sabella. Purtroppo a poche curve dall’arrivo un leggero contatto tra Lombardo e Vezzelli ha retrocesso quest’ultimo in 12ª posizione e ha consentito a Lombardo di tagliare per primo il traguardo davanti a Sampieri e Vitali, ma nel post gara, la manovra di Lombardo è stata giudicata scorretta dai Commissari Sportivi e quindi il pilota veneto è stato escluso; il successo è così passato a Gastone Sampieri, che succede proprio a Lombardo nell’albo d’oro della 60cc Easykart. Al 3° posto si è classificato l’ottimo Sabella, mentre in 4ª posizione ha chiuso Colombo, penalizzato dal contatto tra Lombardo e Vezzelli; hanno completato il podio l’austriaco Zupanic e Bartolini, rispettivamente 5° e 6° al traguardo.

Nella 100cc, dopo che nelle prime fasi si era portato al comando l’inglese Sowery, sono stati gli italiani Grison, Giardino e Drudi a giocarsi il successo, con Grison che, nel finale, ha gradualmente guadagnato quasi 2″ di margine su Giardino conquistando l’alloro iridato davanti al pilota del team Emilia Kart e a Drudi. A seguire, positivo 4° posto per il russo Zhirkov, mentre in 5ª e 6ª posizione hanno chiuso Benedetti e Parolini.

Nella 125 Light si sono vissuti attimi di paura per un incidente al via che ha visto Luca Guerini travolto dal Venezuelano Apicella alla prima curva; fortunatamente, dopo i primi controlli al centro medico del circuito e 24 ore di osservazione presso l’Ospedale di Pavia, Guerini è stato dimesso senza alcun postumo dall’incidente. Passato lo spavento e la temporanea sospensione della gara, è stato (come nelle fasi di qualificazione) Luca Hirst a vincere la corsa da dominatore: l’inglese del team Easykart UK, infatti, ha preceduto il connazionale Patrick Lay di ben 5″. Ma per i colori inglesi si è trattato di un vero dominio nella Light anche grazie al 3° posto conquistato da Dimelow e alla 5ª posizione di Ayrton Hirst, fratello del vincitore. L’unico pilota che è stato capace di inserirsi tra i britannici è stato il russo Timofeev (campione Europeo di categoria), ottimo 4° al traguardo; ha completato il podio l’italiano Zamperlini, che ha fatto sua la 6ª posizione.

Infine, grandi emozioni anche nella 125 Heavy, dove il vincitore Pittingale si è dovuto difendere nel corso dell’ultimo giro da Ferri che, partito nelle file di rincalzo a causa di un problema in una manche, ha rimontato fino a concludere a soli 2 decimi dal vincitore. Al 3° posto, invece, ha chiuso l’inglese Smith, che ha preceduto Ranieri, Fioravanti, Baroni e Marra. Il pilota della FG Racing, Fioravanti, è stato poi escluso nel post gara per un contatto che ha mandato in testacoda Spreafico. Eccezionale è stata anche la partecipazione al programma 50 Training che, con ben 50 bambini al via, ha entusiasmato il pubblico, così come di grande effetto è stata la coreografica Driver parade, che ha visto sfilare prima delle finali tutti i piloti sul rettilineo principale con le proprie bandiere nazionali.


Stop&Go Communcation

Le finali internazionali Easykart, svoltesi sulla pista di Castelletto di Branduzzo lo scorso weekend, hanno registrato 280 piloti presenti in […]

Easykart – International Grand Finals: Sampieri, Grison, Hirst, Pittingale campioni 2011