Con un gran caldo che non ha offerto tregua per tutto il weekend, sul Circuito di Siena si è svolta la terza prova del Campionato Italiano CSAI Karting. Sono stati 164 i piloti presenti a questo appuntamento centrale della stagione, a cui faranno seguito le ultime due prove del 9 settembre a Castelletto di Branduzzo (Pavia) e del 30 settembre a Ortona (Chieti). Sulla pista toscana si sono affrontati i piloti nazionali nelle categorie KZ2, KF2, KF3, 60 Mini e 60 Baby, oltre a 26 piloti della categoria Prodriver in gara per il Trofeo Città di Siena, con le vittorie di Alessandro Pellizzari (Kalì-Kart-Tm) nella classifica AM e Enrico Bernardotto (Maranello-Tm) nella PRO.

IN KF2 PEZZOLLA PROTAGONISTA DEL WEEKEND. In KF2 il protagonista del weekend è stato soprattutto Federico Pezzolla (Kosmic-Tm), praticamente dalle ultime posizioni nelle prove libere della vigilia e alla crescita nelle manches di qualificazione fino al secondo posto di gara-1 e poi la vittoria in gara-2 dopo un’altra serie di bei sorpassi. In grande evidenza anche i fratelli Moretti (anche loro su Kosmic-Tm), con Marco vincitore di gara-1 e poi con Andrea e Marco nell’ordine andati a podio alle spalle di Pezzolla in gara-2. Molto bene anche l’altro protagonista del campionato di casa Birel, Gianni Vigorito, giunto a podio in gara-1 dopo un bel recupero, e poi ottavo in gara-2. Da evidenziare in gara-2 il buon quinto posto di Andrea Russo (Kosmic-Vortex),quinto sul traguardo alle spalle di un ottimo Roberto Manduchi (Italcorse-Parilla).

Classifica KF2: 1. Moretti Andrea punti 126; 2. Pezzolla 117; 3. Moretti Marco 112; 4. Vigorito 108; 5. Horio 80; 6. Russo 63; 7. Albano Adriano 52; 8. Zani 45; 9. Manduchi 39; 10. Gasparrini 31.

IN KZ2 PASTACALDI “RE” DI SIENA. Ad aggiudicarsi la prima finale della KZ2 è stato il fiorentino Marco Pastacaldi (Kosmic-Tm), dopo un bel duello con Alessandro Giulietti (Intrepid-Tm) che alla fine ha pensato più alla sua leadership in campionato che non a prendersi rischi. Terzo ha concluso Massimo Dante (CKR-Tm), con il quarto posto andato a Valerio Rossi (Tony Kart-Vortex) davanti a un ottimo Franco Stinchelli (Kalì-Kart-Tm) in rimonta e a Francesco Celenta (Birel-Tm). In gara-2, ad approfittare della griglia invertita nelle prime 8 posizioni, come da regolamento, sono stati soprattutto Simone Brenna (TB Kart-Tm) e Nicola Gnudi (CKR-Tm), rispettivamente 8. e 7. in gara-1 e terminati in gara-2 sui due gradini più alti del podio, concludendo davanti a Pastacaldi, ancora protagonista, quindi Massimo Mazzali (Jesolo Tm) e Alessandro Giulietti (Intrepid-Tm). A fine gara, i commissari hanno poi escluso Brenna per una irregolarità nel motore, regalando a Gnudi la sua prima vittoria di stagione, a Pastacaldi il secondo posto, e a Giulietti ancor più punti per incrementare il suo vantaggio in classifica.

Classifica KZ2: Giulietti punti 144; 2. Dante 107; 3. Celenta 100; 4. Pastacaldi 62; 5. Rossi 62; 6. Pizzuti 58; 7. Gnudi 47; 8. Mollo 46; 9. Mazzali 45; 10. Musio 43.

ALESSIO LORANDI NUOVO LEADER IN KF3. In KF3 è stato Alessio Lorandi (Tony Kart-Vortex) a trarre maggior vantaggio dalle due finali del weekend senese e a portarsi in testa al campionato. Il pilota bresciano ha raccolto una vittoria in gara-1 (più pesante a livello di punteggio), e un secondo posto in gara-2 piazzandosi dietro al pilota locale Danilo Albanese (Energy-Tm), giustamente “profeta in patria”. Ottimo anche il secondo posto in gara-1 di Giulio Tommasin (Zanardi-Parilla), anche se poi costretto alle retrovie in gara-2 per una toccata con un avversario. In gara-1 alle spalle di Lorandi hanno terminato quinti Tommasin, Albanese, il precedente leader di classifica Francesco Iacovacci (Tony Kart-Tm), quindi Vincenzo Paparo della Baby Race come Lorandi. In gara-2 sul podio sono saliti Albanese, Lorandi e Matteo Mazzucchelli (Kosmic-Tm), mentre Iacovacci si è dovuto accontentare di nuovo del quarto posto, davanti a Attila Montefusco (Parolin-Tm) in rimonta dalla 16.ma posizione di gara-1.

Classifica KF3: 1. Lorandi Alessio punti 130; 2. Albanese 112; 3. Iacovacci 110; 4. Corberi 62; 5. Angelillo 60; 6. Tommasin 55; 7. Baiz 44; 8. Durante 41; 9. Paparo 40; 10. Pulcini 40.

NELLA MINI GAROFANO INSIDIA LEONARDO LORANDI. Nella 60 Mini la prima finale è andata a Remigio Garofano (Top Kart-Lke), sempre più a suo agio in questa categoria nonostante l’agguerrita concorrenza della Baby Race, che oltre a Leonardo Lorandi (Tony Kart-Lke) ora annovera anche il canadese di licenza italiana Antonio Serravalle, vincitore di gara-2. Con Garofano vincitore di gara-1 davanti all’americano (con licenza italiana) Logan Sargeant (Tony Kart-Lke) della Ward Racing e a Lorandi, è stato appunto il piccolo Serravalle ad aggiudicarsi gara-2 con ancora Lorandi al secondo posto, che così si conferma in testa alla classifica. Terzo ha concluso un altro straniero dell’Ucraina naturalizzato italiano, Makar Mizevich (Top kart-Lke). Sargeant è terminato quarto, davanti a Massimo Chinelli (Lenzo-Lke), Pietro Mazzola (CRG/Hero-Lke), Nicola Bertoncello della Birel e a Garofano.

Classifica 60 Mini: 1. Lorandi Leonardo punti 147; 2. Garofano 134; 3. Alex 96; 4. Colombo 68; 5. Sargeant 63; 6. Mazzola 60; 7. Mizevich 43; 8. Podobsky 38; 9. Serravalle 35; 10. De Francesco 34.

60 BABY SUB-JUDICE. La 60 Baby per bambini da 8 e 9 anni è sub-judice per un appello presentato dai genitori di Giuseppe Fusco (Top Kart-Lke) contro la squalifica tecnica inflitta al piccolo napoletano per una irregolarità riscontrata nella corona del suo kart. Fusco, dopo aver dominato le manches di qualificazione, si è piazzato terzo in ambedue le finali. A vincere la prima finale è stato Salvatore Corso (Top Kart-Lke) davanti a Luigi Coluccio (TopKart-Parilla), mentre in gara-2 è stato Antonio Incarnato (Top Kart-Comer) avincere, con Corso giunto questa volta secondo. In campionato è Corso il nuovo leader della classifica provvisoria.

Classifica 60 Baby (sub-judice): 1. Corso punti 78; 2. Coluccio 63; 3. Fusco 63; 4. Tripoli 35; 5. Zailinger 31; 6. Desari 22; 7. Di Pasquale 19; 8. Camplese 21,5; 9. Bardas 23; 10. Brasili 17,5.

INCIDENTI E SQUALIFICHE. Con le manches di qualificazione del sabato, per vari motivi alla doppia finale di domenica non sono rientrati alcuni piloti, fra cui anche alcuni protagonisti eccellenti. A parte Luca Corberi, terzo in campionato in KF3, che non ha potuto proseguire la manifestazione per i postumi di un incidente di gara in una manche, altri sono incappati nelle sanzioni dei commissari sportivi, come il giapponese Fuma Horio (secondo in campionato in KF2), Matteo Gasparrini e Alessandro Pandoli ancora in KF2, e Luigi Del Vecchio in KZ2, tutti e quattro esclusi dalla manifestazione per varie responsabilità di gara o di comportamento nel paddock. La “scure” dei commissari è proseguita domenica con l’esclusione dalla manifestazione per Brenna (KZ2), Di Braccio (KZ2) e De Filippis (Mini), quindi esclusione dalla gara per Taglianetti (Baby) e Fusco (Mini, ma con appello in corso).

Nella foto, i fratelli Andrea e Marco Moretti (Kosmic-Tm)


Stop&Go Communcation

Con un gran caldo che non ha offerto tregua per tutto il weekend, sul Circuito di Siena si è svolta […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2012/07/moretti_brothers.jpg CSAI – Vincitori e vinti del terzo round di Siena