Si è conclusa a Sarno la tappa italiana del campionato europeo CIK-FIA per le classi KZ. Nella classe maggiore, la KZ1, il francese Jeremy Iglesias e l’olandese Bas Lammers blindano di forza la supremazia della Intrepid dividendosi con grande autorità le vittorie nelle due gare finali.

Nella KZ2 è invece “doppia coppia” per la Energy che monopolizza le prime due posizioni in entrambe le gare grazie al successo in gara 1 del tedesco Marcel Jeleniowski davanti al trevigiano Paolo De Conto che poi domina in gara 2 davanti all’altro compagno di squadra, l’olandese Kevin Leijtens.

Ottimo terzo posto conquistato all’ultimo giro di gara 2 per il comasco Simone Brenna. Migliore pilota campano il 20enne di Ottaviano (Napoli) Fabio Bifulco che in gara 2 risale fino al 10° posto prima di venire risucchiato dalla bagarre dell’ultimo giro e chiudere 20°. Ritirati in entrambe le gare, invece, Di Poto e Iodice. Di seguito le cronache approfondite delle Finali delle due categorie.

KZ1 – Finale 1 – Fase finale della tappa Italiana dell’Europeo a Sarno con la prima delle due finali caratterizzata dalla pioggia. Le aspettative delle precipitazioni meteo sono state alte per tutto il fine settimana ma è stato solo per questa finale 1 che si sono concretizzate. Wet-race e gomme scolpite. Conseguentemente, dopo le  tornate di installazione ed il verde al semaforo, prime rivoluzioni. Il rain-man J. Iglesias (FRA/ Intrepid-Tm-Dunlop) balza subito al comando e nella baraonda è il campionissimo Bas Lammers (NDL/ id.) a farne le spese. L’olandese volante in questa occasione non si è dimostrato altrettanto abile sull’acqua e scivola, visibilmente in difficoltà fine a metà dello schieramento. Con Iglesias sicuro al comando, J. Hawksworth (GBR/ Maddox-Parilla-Dunlop) e T. Mitch (FRA/ Birel-Tm-Dunlop) sono quelli che meglio sembrano tener il passo dello scatenato francese d’acqua. Italiani fuoriusciti al meglio della rivoluzione bagnata A. Piccioni (Parolin-SGM-Dunlop) e A. Piccini (Intrepid-Tm-Dunlop). Con lo scorrere dei giri finisce la pioggia. Alex Giulietti (ITA/ Tony-Tm-Dunlop) ed A. Abbasse (FRA/Sody-Tm-Dunlop) prendono confidenza con la pista bagnata e tengono un buon ritmo di gara. Salvatore Gatto (Parolin-SGMDunlop) e l’inglese B. Hanley (Maranello-Maranello-Dunlop) attardati. Bas Lammers inizia la sua disperata rimonta. Supplisce a tutte le difficoltà con la sua inconfondibile guida. La salita si dimostrerà ardua. Intanto Iglesias, non ne sbaglia una ed è perfettamente a suo agio su questa superficie. Indi, terzetto di testa a metà gara: Iglesias saldamente primo ed a seguire Hawksworth e Mitch. Piccini che ottimamente stava tenendo la gara e la situazione deve arrendersi, mentre Gatto aiutato dal sufficiente drenaggio della pista di Sarno inizia a girare soddisfacentemente. Dietro i primi, non dimentichiamoci i big danneggiati: Abbasse e Lammers. Sorpassi, rabbia, sembrano che viaggino insieme. Negli ultimi giri di gara sono loro a catturare l’attenzione. Bas è campione e pregiudicata la partenza bada solo a recuperare quanto possibile. Abbasse fa lo stesso, anzi. ConIglesias rain-man primo, meritatamente alla bandiera a scacchiAbbasse concluderà quarto e Lammers sesto. Da incorniciare per la concentrazione la gara degli altri nelle posizioni di testa. Quindi merito ai vari Hawksworth, Mitch ed il nostro Piccioni che concluderà quinto.

Classifica:
1) J. Iglesias (FRA/ Intrepid-Tm-Dunlop) 15 giri; 2) J. Hawksworth (GBR/ Maddox-Parilla-Dunlop) a 4.870; 3) T. Mitch (FRA/ Birel-Tm-Dunlop) a 9.452; 4) A. Abbasse (FRA/ Sody-Tm-Dunlop) a 13.768; 5) A. Piccioni (Parolin-SGM-Dunlop) a 13.992; 6) B. Lammers (NLD/ Intrepid-Tm-Dunlop) a 20.799. Giro veloce: J. Iglesias (FRA/Intrepid-Tm-Dunlop) in 1.26.342

KZ1 – Finale 2 –
Condizioni di gara finalmente ottimali con la griglia “condizionata”dagli eventi di gara 1. Significa garanzia di spettacolo. L’ideale team-radio è aperto su di una sola frequenza, quella dello sfortunato protagonista di finale uno, l’olandese volante Bas Lammers (Intrepid-Tm-Dunlop). Il testo è nel più classico inglese:”Bas push on the gas” ovvero tieni il piedi a tavoletta. In griglia Bas parte in terza fila ma dopo poche tornate dopo il verde è già primo sotto gli occhi quasi increduli dei vari Iglesias (FRA/Intrepid-Tm-Dunlop), Abbasse (FRA/ Sody-Tm-Dunlop), Mitch (FRA/Birel-Tm-Dunlop) e di un incerto Hawksworth (GBR/ Maddox-Parilla-Dunlop). Primo degli Italiani, Piccioni (Parolin-SGM-Dunlop) che percorre questo primo round dell’Europeo CIK FIA in modo più che positivo. Anche Nicola Nolè (Crg-Tm-Dunlop), sfortunato in gara uno ben si comporta con la pista praticamente asciutta. Bandiera nera dal direttore Ferrari al big Yannick De Brabander (BEL/ Intrepid-Tm-Dunlop) che deve obbligatoriamente abbandonare la gara. Sarno per il francese è stato da dimenticare. Tornando in testa, con Lammers sempre primo, Iglesias assolutamente non si sente ridimensionato. E’ saldamente secondo ed attaccato al bumper del compagno di squadra. Un protagonista della finale 1, Mitch abbandona la gara. Gatto (Parolin-SGM-Dunlop) e Nolè, egregiamente viaggiano insieme. Che corsa per Lammers, congela le posizioni e strappa letteralmente la vittoria. Ha dimostrato che in condizioni normali è lui da battere a ricordare tutti che è il campione d’Europa in carica.

Classifica: 1) Bas Lammers (NLD/ Intrepid-Tm-Dunlop) 15 giri; 2) J. Iglesias (FRA/ id.) a 0.561; 3) M. Renaudie (FRA/ PCRTm-Dunlop) a 1.490; 4) A. Abbasse (FRA/ Sody-Tm-Dunlop) a 5.111; 5) A. Piccioni (ITA/ Parolin-SGM-Dunlop) a 5.828; 6) B. Hanley (GBR/ Maranello-Maranello-Dunlop) a 6.605. Giro veloce: M. Renaudie (FRA/ PCR-Tm-Dunlop) in 1.03.829

KZ2 – Finale 1 –
Il sole ritorna a far capolino, niente pioggia ma egualmente segnale di pista bagnata. Gomme rain già montate per i partecipanti di questa finale 1 della KZ2. La pista drena ottimamente la pioggia. Mix di fattori davvero complicato a rendere ancora più incerta ogni tipo di previsione sull’esito di questa gara. E’ Paolo De Conto (Energy-Tm-Vega) a condurre le danze e resosi autore di una splendida partenza prende le redini della gara. Purtroppo subito out i piloti padroni di casa a Sarno, i campani Fabio Bifulco (BRM-Tm-Vega), Ciro Iodice (Tony-Vortex-Vega) e Luigi Di Poto (Birel-Tm-Vega) che comunque avevano ben figurato nelle fasi iniziali della tappa italiana dell’Europeo di categoria. Sono stati letali i primi giri di questa finale 1. Altro nome iscritto nella lista delle defezioni è quello di “Ancho” Garcia (ESP/ Crg-Maxter-Vega). Anche lo spagnolo ha dovuto alzare anzitempo la bandiera bianca. Il treno della KZ2 già ha iniziato a viaggiare spedito. Con De Conto davvero autorevole, ma con gli inseguitori allo stesso modo davvero agguerriti. Marcel Jeleniowski (DEU/ Energy-Tm-Vega), Yan Pesce (FRA/ id.), Simon Solgat (DEU/ Birel-Tm-Vega) scatenati. Ed i tempi al cronometro, i distacchi lo testimoniano. Sembrano consolidarsi le posizioni al vertice ma, colpo di scena ed una conferma alle incertezze sul risultato finale. Ultimo giro al cardiopalma. Alle curve gemelle del Circuito Internazionale Napoli o per intenderci alla fine del secondo dei tre settori in cui è divisa la pista, Jeleniowski fin ora secondo, concretizza il suo attacco sull’italiano al comando De Conto. Ultimo settore che vede il tedesco al guidare i concorrenti, primo alla bandiera a scacchi.

Classifica:
1) M. Jeleniowski (DEU/ Energy-Tm-Vega) 15 giri; 2) P. De Conto (ITA/Energy-Tm-Vega) a 1.373; 3) S. Simon (DEU/ Birel-Tm-Vega) a 1.635; 4) S. Brenna (ITA/ TbKart-Tm-Vega) a 2.538; 5) Y. Pesce (FRA/ Energy-Tm-Vega) a 8.036; 6) L. Tilloca (ITA/ Crg-Maxter-Vega) a 10.577. Giro veloce: D. Delli Compagni (ITA/ Crg-Tm-Vega) in 1.16.092

KZ2 – Finale 2 – Per la finale conclusiva nella classe KZ2 una muta italiana a rincorrere il vincitore di gara 1, M. Jeleniowski ( Energy-Tm-Vega) dalla Germania. A capitanare le operazioni è Paolo De Conto (Energy-Tm-Vega) che parte a razzo ed agguanta subito la vetta e sarà uno splendido assolo fino alla bandiera a scacchi. E quindi si trattava di muta Italiana. Ed infatti Luca Tilloca (Crg-Maxter-Vega) si piazza terzo dopo lo start, ma anche Pizzuti (Birel-Tm-Vega) è nelle posizioni che contano insieme a Brenna (TBKart-Tm-Vega) ed uno splendido F. Bifulco (BRM-Tm-Vega) che fa rendere al massimo i mezzi che ha, già ripagando quanto di sfortunato subito in gara 1. E dei protagonisti della finale 1, eccezion fatta per il leader di gara, inizia una difficilissima finale conclusiva. Kart tricolori a parte, entrano in scena per gli “stranieri” K. Leijtens (NLD/ Energy-Tm-Vega) e J. Midrla (CZE/ Birel-Tm-Vega). Il tedesco Jeleniowski però perde posizioni e “concede” il sorpasso a Bifulco che arriva fino alla decima posizione. Paolo De Conto guida a meraviglia e non regala sconti. Italia, sul gradino più alto del podio.

Classifica: 1) P. De Conto (ITA/ Energy-Tm-Vega) 15 giri; 2) K. Leijtens (NLD/ Energy-Tm-Vega) a 2.268; 3) S. Brenna (ITA/TBKart-Tm-Vega) a 4.399; 4) J. Midrla (CZE/ Birel-Tm-Vega) a 4.782; 5) M. Pizzuti (ITA/ id.) a 4.840; 6) R. Van Der Burgt (NLD/ Tony-Tm-Vega) a 5.400. Giro veloce: A. Garcia Van Bastelaere (ESP/ Crg-Maxter-Vega) in 1.05.582

Nella foto, Bas Lammers (Intrepid)

Salvatore Tarantino


Stop&Go Communcation

Si è conclusa a Sarno la tappa italiana del campionato europeo CIK-FIA per le classi KZ. Nella classe maggiore, la […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/2010SARNO-Europeo_KZ1START.jpg CIK-FIA – Europeo KZ1-KZ2 – Sarno report – KZ1: Iglesias-Lammers, dominio Intrepid. KZ2: De Conto-Jeleniowski, Energy power