Mondiale agrodolce per i colori Birel lo scorso weekend a Muro Leccese. Dolce ovviamente per la medaglia d'argento appesa al collo del ceko Libor Toman, amara invece per l'ecatombe occorsa ai big della KF2 della casa di Lissone, con Harvey, De Conto, Patrono e Basz fuori dalle posizioni top. La festa dunque è tutta per il titolo di vice campioni nella categoria regina della KF. La piazza d'onore di Toman ha scatenato l'entusiasmo di Sala, Angeletti & Company. "Certo avremmo preferito festeggiare una vittoria – ha detto patron Ronni Sala – ma onestamente sono contento del nostro risultato. Toman è stato molto bravo confermandosi il giovane più in evidenza della KF1. A Suzuka era stato capace di contendere a Forè la World Cup e oggi ha effettuato sorpassi con autorevolezza da campione consumato chiudendo la gara a 8 decimi da Ardigò, dopo aver fatto segnare il 2° giro più veloce della gara. ll nostro orientamento verso i giovani è stato premiato e, in futuro, diventerà sempre più marcato, in quanto crediamo che il karting debba imporsi come disciplina in grado di dare visibilità ai futuri talenti dell'automobilismo che, a livello di vittorie nel Karting, vengono troppo penalizzati dall'esperienza dei piloti professionisti. Ciò ci consentirà di rendere il karting di vertice più interessante per i media e per i potenziali sponsor. Tornado alle nostre prestazioni, invece, va sottolineato il weekend di Parrott che, solo la sfortuna, ha privato di un risultato di rilievo. Parlando di sfortuna, penso che nei primi giri della Pre-Finale della KF2 abbiamo raggiunto il record, ma le corse sono così e dobbiamo guardare avanti consci di disporre di ottime potenzialità tecniche, sottolineate meglio dagli eventi (come la WSK) su più prove".

Libor Toman: "Il lavoro fatto dal team è stato eccezionale, così come il rendimento del telaio e del motore Iame che, sia in Pre-Finale, sia in Finale, hanno raggiunto il top. Le mie gomme erano ancora performanti dopo 24 giri in cui ho tirato sempre per recuperare dal 9° posto facendo ben 7 sorpassi e ciò sottolinea l'efficacia del nostro telaio e del set-up scelto. Nel finale di gara facevo gli stessi tempi di Ardigò, ma lui ha potuto gestire circa 1" di vantaggio e quindi non è stato possibile prendere la sua scia. Forse, se Catt o qualche altro pilota l'avesse contrastato maggiormente nella 1ª  parte di gara, gli sarei arrivato sotto prima; ma ora dobbiamo pensare che comunque abbiamo fatto un ottima prestazione ed essere soddisfatti del lavoro svolto". 

Nella foto, Libor Toman (Birel Motorsport)


Stop&Go Communcation

Mondiale agrodolce per i colori Birel lo scorso weekend a Muro Leccese. Dolce ovviamente per la medaglia d'argento appesa al […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/libor1.jpg Birel in festa per il titolo di vice campione del mondo KF1 di Libor Toman