La bandiera rossa sventolata a Daytona, che di fatto sanciva la fine della gara, ha lasciato gli appassionati della NASCAR con l'amaro in bocca per non aver potuto assistere ad un finale di gara davvero imprevedibile. Un po' come quelle volte che si organizza una scampagnata fuori città, oppure si assiste ad un concerto all'aperto o ad un grande evento sportivo: quando piove, spesso la festa è rovinata.

A Daytona c'erano tutti gli ingredienti di una grande gara: sorpassi, forature, protagonisti che precipitavano indietro, outsiders che scalavano posizioni, veterani che tenevano il ritmo in gara, incidenti, carambole e polemiche. Non mancava nulla. Anzi no. Mancava la pioggia ed è arrivata premiando il pilota che si trovava al posto giusto al momento giusto. Solo sei anni fa successe lo stesso con Michael Waltrip, premiato da un temporale, mentre Dale Earnhardt Jr. sembrava capace di compiere l'impresa di vincere rimontando un distacco di due giri. Queste sono le regole dello sport e nulla si può fare.

Intanto ci siamo goduti un grande spettacolo di 150 giri con alcuni aspetti che alla vigilia della gara nessuno si sarebbe aspettato. Un mese fa, il team Baldwin non esisteva. Tommy Baldwin era un capomacchina disoccupato, epurato dallo scomparso team di Bill Davis, con il quale aveva trionfato a Daytona appena sette anni fa in una rocambolesca gara. Un mese dopo, Baldwin è proprietario di un team, tanto improvvisato come quello di altri disoccupati di lusso (come i piloti Joe Nemechek e Jeremy Mayfield), ma con esperienza e quel briciolo di fortuna che sempre aiuta. Con Scott Riggs al volante non solo sono riusciti a partecipare nella Daytona 500 ma si sono dati il lusso di essere tra i primi poco prima dell'interruzione della gara cogliendo comunque un importantissimo 25esimo posto. Si tratta del meritato premio al coraggio e all'intraprendenza di chi preferisce rischiare il proprio portafoglio solo per una passione, piuttosto che godersi successi passati sulla poltrona. Complimenti.

Aldo Canzian


Stop&Go Communcation

La bandiera rossa sventolata a Daytona, che di fatto sanciva la fine della gara, ha lasciato gli appassionati della NASCAR […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/00_daytonakenseth.jpg NASCAR – Daytona: Il temporale vincente!