Non più tardi di ieri Alexander Rossi siglava la prima pole position in carriera nell’IndyCar Series; nella serata di domenica il pilota californiano riporta anche una clamorosa vittoria, la seconda dopo la Indy 500 dello scorso anno, che da’ un senso ancora più compiuto alle scelte future del patron Michael Andretti in tema di propulsori.

Rossi è stato bravo a non esagerare alla partenza, effettuata da regolamento con gomme wet, rimanendo poi alle costole di Helio Castroneves, che lo ha preceduto nell’immediata corsa a cambiare pneumatici, per il tempo necessario, anticipando la seconda sosta e riportandosi al comando prima dell’ennesimo numero del povero Takuma Sato.

Nel finale, ci ha pensato Josef Newgarden a fare una frittata che potrebbe costare un titolo, sbandando inopinatamente all’uscita della pitlane dietro il teammate Will Power, per finire tamponato dall’incolpevole Sebastien Bourdais. Rossi ha potuto così ereditare la leadership definitiva che ha mantenuto agevolmente sino alla bandiera a scacchi.

Dietro Rossi terminano Scott Dixon, abile come sempre a trarre il meglio anche quando non vince, che con questo risultato si riporta a 3 sole lunghezze da Newgarden. Torna a sorridere anche Helio Castroneves, graziato dalla direzione gara per aver oltrepassato la linea di uscita dei box all’ultimo pit.

Il brasiliano si piazza quarto dietro Ryan Hunter-Reay, e ora viaggia a -22 in attesa del gran finale di Sonoma dove, fra due settimane, ricordiamo verrà assegnato punteggio doppio. Possibilità matematiche infine ancora per il campione uscente, Simon Pagenaud, oggi autore di una corsa scialba che gli è valso solamente l’ottavo posto.

Piero Lonardo

L’ordine di arrivo


Stop&Go Communcation

Newgarden sbaglia in uscita box e Dixon ne approfitta per rifarsi sotto in classifica

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2017/09/Rossiwin.jpg IndyCar – Watkins Glen, Gara: Un Alexander Rossi da favola