Decisamente un arrivo in grande stile quello di Danica Patrick. La "pilotessa" dell'Ohio, fermata nella prima giornata di Open Test a Homestead da febbre e influenza, si è ripresentata ieri in azione al volante della sua Dallara Honda #7 staccando il miglior tempo della sessione in 25.0072, record della due-giorni sull'ovale di Miami. Come se non bastasse la portacolori dell'Andretti Green Racing è stata anche la principale macinatrice di chilometri (o di miglia, se volete…), coprendo ben 186 tornate, appena 14 in meno di quelle di cui si compone la gara della IndyCar qui in Florida.

"Non sono mai stata così a pezzi prima di un impegno", racconta la Patrick. "Avevo le vertigini e il mal di testa. Non mi sentivo per nulla bene. Sarebbe stato sciocco tentare di scendere in pista e andare a cercare il limite in un tracciato come quello di Homestead, in cui il grip è comparabile al resto degli ovali da un miglio e mezzo".

"In ogni caso è bello arrivare, saltare il primo giorno, girare ed essere la più veloce", ammette Danica Patrick. "Eravamo davvero in difficoltà con la macchina, fino alla fine delle prove stavamo cercando di risalire. Ma non abbiammo mollato e così possiamo tornare a casa piuttosto soddisfatti. Il team ha fatto davvero un bel lavoro in questo precampionato".

A due centesimi dalla leader c'è Ryan Briscoe con la sua Penske, seguito da Dan Wheldon, al comando nel day one. Ottimo risultato per AJ Foyt IV, che ha portato la monoposto della Vision Racing in quarta posizione, davanti a Scott Dixon e al rookie Hideki Mutoh. "E' tutto diverso dalla vettura della Indy Pro Series", ammette il giapponese, erede di Dario Franchitti sulla #27. "Questi due giorni a Homestead sono stati positivi, ho accumulato maggior fiducia in me stesso e nella squadra".

Fra gli altri big, Helio Castroneves e Tony Kanaan sono rispettivamente settimo e ottavo; Marco Andretti ha chiuso invece in decima piazza. Ieri si è visto in azione pure Marty Roth, il quale ha effettuato però appena sette passaggi. Il canadese è alla ricerca di partner per la sua compagine: ieri livrea sfoggiata dalla sua vettura era praticamente priva di sponsor.

In totale i 16 drivers presenti hanno coperto 1933 giri, che si aggiungono ai 1530 registrati mercoledì. L'appuntamento è adesso per la prossima settimana: lunedì altre tre giornate di Open Test, questa volta a Sebring.

Classifica

01. Danica Patrick – Andretti Green Racing – 25.0772 – 186 giri
02. Ryan Briscoe – Team Penske – 25.0920 – 166 giri
03. Dan Wheldon – Target Chip Ganassi Racing – 25.1009 – 178 giri
04. AJ Foyt IV – Vision Racing – 25.1059 – 120 giri
05. Scott Dixon – Target Chip Ganassi Racing – 25.1163 – 132 giri
06. Hideki Mutoh – Andretti Green Racing – 25.1463 – 137 giri
07. Helio Castroneves – Team Penske – 25.1698 – 145 giri
08. Tony Kanaan – Andretti Green Racing – 25.2326 – 48 giri
09. Ed Carpenter – Vision Racing – 25.2841 – 139 giri
10. Marco Andretti – Andretti Green Racing – 25.2948 – 136 giri
11. Vitor Meira – Panther Racing – 25.3520 – 89 giri
12. Ryan Hunter-Reay – Rahal Letterman Racing – 25.4169 – 127 giri
13. Buddy Rice – Dreyer & Reinbold Racing – 25.4686 – 104 giri
14. Milka Duno – Dreyer & Reinbold Racing – 25.5604 – 129 giri
15. Darren Manning – AJ Foyt Enterprises – 25.5932 – 90 giri
16. Marty Roth – Roth Racing – 26.0641 – 7 giri

Jacopo Rubino


Stop&Go Communcation

Decisamente un arrivo in grande stile quello di Danica Patrick. La "pilotessa" dell'Ohio, fermata nella prima giornata di Open Test […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/usa29021.jpg IndyCar – Test Homestead, Day 2: Danica Patrick… veni, vidi, vici