Se nella mattinata odierna, magari complice l’ora in meno dormita nella notte a causa dell’ora legale, avete sofferto di noia durante il GP di Australia di F1, il dio dei motori oggi ha regalato una seconda chance di vedere un’avvicente corsa di monoposto. Sulle strade di St.Petersburg si è svolto infatti oggi il primo atto della serie IndyCar 2011, e le emozioni, come spesso avviene in nelle serie USA, non sono mancate.

Al traguardo si è imposto Dario Franchitti (nella foto) che, grazie agli sforzi dei meccanici i quali in mattinata hanno ricostruito la Dallara #10 del team Ganassi, è riuscito a portare a casa il risultato pieno con una corsa impeccabile, di quelle delle sue, senza sbavature. Dietro, a distanza di sicurezza, un trio che ha infiammato la platea odierna battagliando per tutta la gara, composto dal rivale più accreditato, l’australiano Will Power, il brasiliano Tony Kanaan e la svizzerotta Simona de Silvestro. Ma veniamo alla cronaca.

Assente purtroppo Sebastien Bourdais, che non ha potuto schierare al via la macchina incidentata nel warm-up, scatta bene dalla pole Will Power davanti all’eterno rivale Dario Franchitti. Alla prima curva, nelle posizioni immediatamente dietro però è il caos più totale. Helio Castroneves tocca un Marco Andretti arrivato lungo di suo, lo fa decollare sulla vettura di Scott Dixon, terminando a ruote all’aria. Della spettacolare quanto incruenta carambola fanno le spese parecchie vetture che pagheranno diversi giri di distacco per le opportune riparazioni, togliendole di fatto dalla lotta per il primato, ma chi ha la peggio su tutti è il compagno di squadra di Andretti, l’inglese Mike Conway, costretto al ritiro con una sospensione ko.

Dopo l’inevitabile caution, Power pare scattare bene ancora una volta, tenendo a bada Franchitti all’esterno, ma dopo un paio di curve l’australiano si ritrova inspiegabilmente quarto, preceduto dallo scozzese, da Tony Kanaan e da Ryan Hunter-Reay, cui però riprende immediatamente la piazza.

Questa prima fase di gara viene frammentata ancora da bandiere gialle e, all’ennesima ripartenza al giro 14, si affaccia sulla piazza d’onore Simona de Silvestro che, con una ripartenza monstre, brucia Kanaan, Justin Wilson e Power. Le posizioni si stabilizzano fino al primo giro di pit, dove il box Penske, con una sosta leggermente ritardata, permette a Will Power di riappropiarsi del secondo posto, che non mollerà sino al traguardo.

La gara da qui procede senza troppi scossoni, a parte la spettacolare toccata di Charlie Kimball con JR Hildebrand, fino alla fase finale dove, con un Franchitti ormai inacciuffabile, Power, Kanaan e la De Silvestro, non mancano di affrontarsi a colpi di push-to-pass senza però che le posizioni cambino fino alla chequered flag. Buon quinto Takuma Sato, a conferma della bontà del lavoro del team KV. Completano la top ten il veterano Alex Tagliani, quindi i regolari Rafa Matos, Vitor Meira, Oriol Servia e Justin Wilson.

Appuntamento fra due settimane al Barber Motorsports Park di Birmingham (Alabama).

Classifica

01. Dario Franchitti – Ganassi Racing – 100 giri
02. Will Power – Team Penske – +7.1612
03. Tony Kanaan – KV Racing Lotus – +16.1045
04. Simona de Silvestro – HVM Racing – +16.5616
05. Takuma Sato – KV Racing Lotus – +29.9435
06. Alex Tagliani – Sam Schmidt Motorsports – +30.4655
07. Raphael Matos – AFS – +31.5227
08. Vitor Meira – AJ Foyt Enterprises – +35.7291
09. Oriol Servia – Newman/Haas Racing – +49.1432
10. Justin Wilson – Dreyer & Reinbold Racing- +56.8025
11. Danica Patrick – Andretti Autosport – +57.3418
12. JR Hildebrand – Panther Racing – +1m02.9700
13. Sebastian Saavedra – Conquest Racing- a 2 giri
14. Ana Beatriz – Dreyer & Reinbold Racing- a 2 giri
15. James Jakes – Dale Coyne Racing – a 3 giri
16. Scott Dixon – Ganassi Racing – a 4 giri
17. Graham Rahal – Ganassi Racing – a 4 giri
18. Ryan Briscoe – Team Penske – a 5 giri
19. EJ Viso – KV Racing Lotus – a 6 giri
20. Helio Castroneves – Team Penske – a 15 giri

Ritirati

21. Ryan Hunter-Reay – Andretti Autosport – 58 giri
22. Charlie Kimball – Ganassi Racing – 38 giri
23. Mike Conway – Andretti Autosport – 1 lap
24. Marco Andretti – Andretti Autosport -0 giri

Non partito

25. Sebastien Bourdais – Dale Coyne Racing

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

Se nella mattinata odierna, magari complice l’ora in meno dormita nella notte a causa dell’ora legale, avete sofferto di noia […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/usa-270311-02.jpg IndyCar – St.Petersburg, Gara: Imprendibile Franchitti