Will Power non vuole mollare la speranza di concorrere per il titolo 2018 dell’IndyCar Series e, dopo la vittoria della settimana scorsa a Gateway ne afferma anche nel Grand Prix of Portland, penultimo appuntamento stagionale, la volontà mettendosi in evidenza nelle prove libere del venerdì.

Il vincitore dell’ultima 500 Miglia ha segnato il miglior tempo nella seconda sessione con 57.4053, davanti di un soffio al sempre ondivago Marco Andretti e alla vera sorpresa della giornata, Santino Ferrucci (nella foto), wild-card nelle ultime due gare sulla terza monoposto del Dale Coyne Racing.

Il miglior crono della giornata è però del caposquadra dell’ex-F2, Sebastien Bourdais, che al mattino ha fissato i cronometri sui 57.3975, anche qui con un distacco minimo sul leader della classifica generale, Scott Dixon.

Nessun grave incidente da segnalare, nonostante l’insidiosità del tracciato del nord-ovest. Un paio di innocue escursioni fuori pista per Zach Veach ed Alfonso Celis Jr. nel primo turno e due contatti sulle protezioni di curva 11 per gli esperti Takuma Sato e Simon Pagenaud, che hanno portato ad altrettante interruzioni dello stint pomeridiano.

Un altro veterano della serie, Tony Kanaan, ha invece saltato la prima sessione per festeggiare la nascita del terzo figlio dall’attuale moglie Lauren.

Altre buone notizie riguardano infine Robert Wickens, che è stato trasferito, dopo 12 giorni di degenza ad Allentown, al Methodist Hospital di Indianapolis per proseguire le cure dopo il grave incidente di due settimane or sono. Il pilota canadese verrà sottoposto in settimana ad ulteriori operazioni agli arti inferiori.

Il programma di sabato prevede una terza ed ultima sessione di libere e le qualifiche, rispettivamente alle 11.10 AM ed alle 4.30 PM, fuso del Pacifico.

Piero Lonardo

I risultati delle Libere 1

I risultati delle Libere 2


Stop&Go Communcation

L’ex F2 termina in terza posizione nel turno pomeridiano. A Bourdais il miglior tempo della giornata

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2018/09/JGS_2018-PORTLAND-179638-1.jpg IndyCar – Portland, Libere 1 e 2: Power non molla, ma la sorpresa è Ferrucci