Will Power trionfa sul Tricky Triangle di Pocono nella ABC Supply 500, 13ma prova dell’IndyCar Series 2016, posticipata ad oggi pomeriggio dopo il rinvio per pioggia.

Partito dalla pole position, Mikhail Aleshin si doveva impegnare subito in una lotta a due con Josef Newgarden, che lo ffiancava in griglia, lotta che presto guadagnava un inaspettato terzo incomodo in Ryan Hunter-Reay.

Il nativo della Florida infatti, partito a fionda dall’ultima piazzola dello schieramento per non aver disputato le qualifiche, si ritrovava presto alle spalle dei due compagni di squadra Alexander Rossi e Carlos Munoz, fino a trovarsi addirittura dietro il battistrada russo dopo il primo giro pit, grazie anche alla naturalizzazione susseguente allo spettacolare crash, fortunatamente senza conseguenze per il pilota, di Takuma Sato, ed al relativo restart.

Così dopo un quarto di gara era proprio Hunter-Reay a passare al comando mentre in casa Bryan Herta si iniziava a pensare già al bis di Indianapolis quando Alexander Rossi riforniva in testa, al giro 63.

Purtroppo però in questo caso il box della DW12-Honda #98 non svolgeva un lavoro eccellente, e a Rossi veniva dato il permesso di uscire proprio mentre stava rientrando Charlie Kimball. Il risultato, una carambola nella quale Rossi decollava sulla macchina dell’incolpevole Helio Castroneves, a pochi centimetri dal casco del brasiliano, sotto gli occhi di un incredulo Tony Kanaan, il quale riusciva a divincolarsi senza conseguenze. Le protezioni della Dallara #3 fornivano però una superficie sufficiente a salvaguardare il casco del pilota e ad evitare il peggio.

La gara sembrava essere appannaggio del trio di testa Aleshin/Hunter-Reay/Newgarden, che verso la metà della percorrenza iniziavano a distanziarsi dagli inseguitori; da dietro però il box Penske dava la sveglia a Will Power, il quale macinava posizioni su posizioni per ritrovarsi addirittura al comando, grazie anche ad una strategia leggermente ritardata.

La pattuglia di testa perdeva però Hunter-Reay al lap 165. Il vincitore dello scorso anno, poco dopo il restart seguente al duro contatto del leader della serie, Simon Pagenaud, con le barriere a protezione della curva 1, si ritrovava inaspettatamente senza potenza al motore Honda. Un passaggio ai box per resettare l’elettronica sortiva però fortunatamente l’effetto desiderato ed il nativo della Florida poteva nuovamente impegnarsi a risalire il gruppo, per la seconda volta nella stessa gara.

Ancora una volta una caution, la quarta ed ultima della corsa, Scatenata dal detrito della “winglet” posteriore sinistra della macchina di Kanaan, giungeva a favore del campione 2012, che riusciva a portarsi così di nuovo alle spalle dei primi.

L’ultima frazione di gara viveva della lotta serrata fra Power ed Aleshin, ma l’australiano alla fine riusciva a transitare sotto la chequered flag per la quarta vittoria stagionale con 1”1 di vantaggio sul “Mad russian”, che bissava così il suo miglior risultato di sempre. Newgarden dal canto suo, alle prese con un assetto più scarico sul posteriore, modificato in corso d’opera, doveva al contrario cedere il gradino basso del podio ad Hunter-Reay proprio all’ultimo giro.

A seguire quinta piazza per un sorprendente Sebastien Bourdais, ancora una volta grazie al “gambling” del box KVSH, con l’ultimo pit-stop limitato alla sola immissione di etanolo senza gomme fresche. Bravissimo anche Scott Dixon, capace di trarre il meglio, un sesto posto finale, da una gara iniziata malissimo con una foratura sui detriti di Sato. Completano la top ten Carlos Munoz, Juan Pablo Montoya e Tony Kanaan e James Hinchcliffe.

Con il risultato odierno, Pagenaud vede assottigliarsi a 20 soli punti il proprio vantaggio sul compagno di squadra Will Power, che segue ora a quota 477 punti. A seguire mantengono ancora qualche chance di successo finale, a tre gare dalla fine, Newgarden (-100), Dixon (-111) e Castroneves (-113).

L’appuntamento con l’IndyCar Series, già nella serata di sabato prossimo 27 agosto, con la seconda manche della Firestone 600 interrotta a giugno per maltempo.

Piero Lonardo

L’ordine di arrivo della ABC Supply 500 di Pocono 


Stop&Go Communcation

Hunter-Reay, dalle stalle alle stelle per due volte!

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/08/Flag.jpg IndyCar – Pocono, Gara: Power batte quattro e bracca Pagenaud