L’IndyCar Series sta vivendo un momento controverso. L’accresciuta popolarità televisiva, dati alla mano, non riesce infatti a supplire alla crisi di sponsor e di spettatori paganti in gran parte delle venue.

Esclusi infatti i capisaldi storici della serie, ovviamente la Indy 500, St.Petersburg, Long Beach e poco altro, la serie infatti stenta a decollare agli occhi del pubblico, come dimostrano i disastri di New Orleans, Fontana e Pocono.

A farne le spese soprattutto i piloti di talento i quali, senza munifici sponsor alle spalle, da diversi anni fanno fatica a trovare spazio sulla griglia di partenza.

Ultima vittima di questa tendenza Gabby Chaves. Il colombiano, ricordiamo campione Indy Lights 2014, ha pagato sulla sua pelle alcuni pagamenti mancati dello sponsor principale del Bryan Herta Autosport, che per sopravvivere ha dovuto fondersi con il team Andretti.

Contrariamente alle prime ipotesi infatti, il promettente sudamericano non sarà al volante della quarta DW12-Honda gestita dalla squadra di Michael Andretti. Il favorito numero uno per la entry #98 pare essere Alexander Rossi.

L’americano (nella foto), 24 anni, vicecampione GP2 in carica al terzo tentativo, ha dovuto rinunciare giocoforza ai sogni di Formula 1 dopo le 5 gare con la Manor Marussia al termine della scorsa stagione, lasciando il volante a Rio Haryanto.

Altro candidato all’ambito sedile è il nostro Luca Filippi. Il piemontese, reduce dalla prima stagione continuativa negli States, ancorchè non completa, coronata dall’highlight della piazza d’onore a Toronto alle spalle del compagno di squadra Josef Newgarden, non ha infatti ancora rinnovato con l’Ed Carpenter Racing ed è in cerca di una vettura per tutto il campionato.

Non dovesse concretizzarsi l’opzione Andretti/Herta, col quale ricordiamo ha debuttato nella serie nel 2013, per Filippi rimarrebbe aperta solo la possibilità con Dale Coyne al fianco di Conor Daly, per la quale è ancora in lizza, tra gli altri, Tristan Vautier, il più positivo della pattuglia di piloti che ha occupato le monoposto del team di Plainfield, Illinois nel 2015.

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

Chaves out: a Rossi e Filippi gli ultimi sedili ?

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/02/rossi.jpg IndyCar – Pochi ancora i posti liberi