Nella cornice delle qualifiche della 102ma Indy 500 annunciate dalla serie le attese novità tecniche in tema di propulsori.

A partire dalla stagione 2021 dell’IndyCar Series, i propulsori saranno dei 2,4 litri biturbo in luogo degli attuali 2,2 litri adottati nel 2012 e svilupperanno almeno 100 HP in più, con almeno 900 HP a disposizione del pilota con l’opzione push-to-pass.

“I nostri piloti ci hanno chiesto maggiore potenza e grazie al duro lavoro di Chevrolet, Honda e del gruppo motoristi dell’IndyCar (guidato dal coordinatore di recente nomina Darren Sansum – ndr), li avranno” ha affermato Jay Frye, Presidente della serie per le competizioni e le operazioni.

La nuova configurazione, che manterrà il regime massimo di 12.000 giri/minuto, verrà testata in pista a partire dall’estate del 2020. Frye ha confermato che, oltre ai due noti partner motoristici, sono in corso contatti con altri costruttori, che si sono dichiarati interessati sia alle nuove specifiche che all’attuale piattaforma tecnologica e, “ancorchè non sono previsti annunci a breve, ci sembra di essere sulla buona strada”.

In trattativa risulta vi siano la Ford ed altri due grandi gruppi con radici europee, Audi-VW ed FCA, che potrebbero utilizzare per l’operazione i due marchi italiani in loro possesso Lamborghini ed Alfa Romeo, eventualmente per mezzo di “antenne tecnologiche” esterne al costruttore quale la Cosworth, che già da tempo ha dimostrato interesse nel rientrare nella serie.

Grande ottimismo quindi, ma se l’introduzione dei nuovi motori è sicuramente il momento migliore per affacciarsi alla serie, va però detto che un simile programma, che riporterebbe nella serie un terzo motorista dopo il fallimentare esperimento Lotus, andrà affrontato con le dovute cautele del caso.

Non è ancora nota invece la “data di scadenza” degli attuali ed appena rinnovati chassis DW12, che potrebbe a questo punto essere allineata a quella dei motori, ancorchè la transizione alle nuove unità potrebbe essere risolta abbastanza facilmente dal punto di vista tecnico.

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

2,4 litri biturbo al posto degli odierni 2,2 e 100 cavalli in più per Honda e Chevrolet

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2018/05/05-19-Engine-Regulations-Announcement.jpg IndyCar – Nel 2021 i nuovi motori