L’IndyCar Series regala dopo due sole settimane da Fontana un’altra corsa epica, ancora una volta su di un ovale, al Milwaukee Mile, grazie anche agli splendidi attori in tuta che animano le monoposto più veloci del pianeta.

Al termine di 250 miglia di gara Sebastien Bourdais ha portato a casa la seconda vittoria stagionale dopo Detroit-2, imprendibile nella seconda fase di gara dopo il consueto inizio sornione. Il pilota di Le Mans, 34 vittorie in carriera fra cui una anche qui 9 anni prima in Champ Car, è partito in sesta posizione ed ha approfittato anche di una strategia di gara perfetta da parte del team di Jimmy Vasser e Terry Kalkhoven, che lo ha lasciato fuori nella seconda caution, generata dal ritiro di James Jakes, al giro 114.

Fino a quel momento la gara era stata gestita da Josef Newgarden, fresco della prima pole di sempre conquistata al mattino, da Scott Dixon e da Juan Pablo Montoya, presto rallentato da una penalità per speeding in pitlane.

Bourdais ha macinato giri veloci accumulando un vantaggio e a un certo punto ha doppiato tutto il pacchetto dei concorrenti, effettuando l’ultimo rifornimento in tutta sicurezza fino all’ultima delle tre caution odierne, chiamata dalla direzione gara per il motore esploso del rientrante Justin Wilson, che ricompattava il gruppo.

Ma oggi non ce n’era per nessuno, e il francese negherà un’impresa forse ancor più epica ad Helio Castroneves, risalito dall’ultima posizione per non aver potuto effettuare le qualifiche, che gli termina alle spalle.

Ottimo terzo il fresco vincitore di Fontana, Graham Rahal, davanti a Juan Pablo Montoya e a Josef Newgarden, che ha sfiorato un nuovo patatrac dopo la prova californiana, lisciando il muro nel finale. Ininfluente il banale errore al primo pit del box del CFH Racing, che ha piazzato anche il team owner, Ed Carpenter, nella top ten.

Fuori ancora una volta altri due protagonisti delle fasi iniziali, Will Power e Ryan Briscoe, questa volta per un testacoda del sostituto di James Hinchcliffe, che prosegue con profitto la propria convalescenza.

Con il risultato odierno Montoya consolida la propria leadership in classifica a 4 gare dalla fine, con 54 punti di vantaggio (oltre una vittoria quindi) su Scott Dixon – che festeggiava oggi il 250mo start, alla fine solamente settimo dietro il compagno di squadra Tony Kanaan. A -69 punti Graham Rahal ed Helio Castroneves, un punto più indietro Will Power.

Prossimo appuntamento con l’IndyCar Series, già la settimana prossima in Iowa per la Corn 300.

Piero Lonardo

I risultati delle libere 2

I risultati delle Qualifiche

L’ordine di arrivo


Stop&Go Communcation

Montoya, quarto, allunga ancora in classifica generale

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2015/07/Bourdaiswin.jpg IndyCar – Milwaukee, Libere 2, Qualifiche e Gara: Bourdais nega l’impresa a Castroneves