Al Circuit of The Americas in scena in primi test dei nuovi aerokits IndyCar. Come da schedule, ai primi di ottobre si affaccia il “volto nuovo” delle monoposto più veloci del pianeta.

E’ la Chevrolet a mostrarsi per prima al pubblico mediante scatti indiscreti del kit da circuito stradale catturati sul circuito di Austin sviluppato per conto della casa del Kentucky da parte della Pratt & Miller Engineering.

Racer_aero2

Dal dettaglio (v.foto) si possono apprezzare, nonostante la ormai consueta livrea “camo”, la ricerca aerodinamica, in particolare sull’ala anteriore, dove sono spuntati flap triplani, e sulla parte terminale delle pance, dove appaiono “candelabri” molto simili a quelli permessi e adottati sulle F1 di qualche anno fa.

Le fiancate terminano con un rialzo che, insieme ad un bumper di maggiore altezza, protegge maggiormente le ruote posteriori rispetto alla monoposto che abbiamo visto in pista in questi primi 3 anni dalla loro introduzione.

Anche il cupolino del motore, un’altra delle aree cui sarà permesso ai costruttori di modificare l’aerodinamica delle DW12, sembra allungato e rastremato rispetto alla versione Dallara “base”, anche questo similmente alle più recenti F1.

Racer_aero3

Difficile invece, almeno con le immagini a disposizione, interpretare correttamente lo sviluppo delle fiancate, anche se emerge chiaramente la forma di un nuovo divergente.

Attendiamo ora le anteprime sia del kit Chevy da ovale, che dovrebbe debuttare pure in questi giorni al Texas Speedway, che dei kit Honda sviluppati da Wirth Research.

Ricordiamo che queste prime forme saranno suscettibili di cambiamento fino al 18 gennaio 2015, data che segnerà il blocco degli sviluppi degli aerokits, almeno per la prossima stagione.

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

Anche Honda attesa a breve in pista

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2014/10/Racer_aero.jpg IndyCar – Le prime foto dell’aerokit Chevy al COTA!