La Dallara Automobili ha disegnato nuove modifiche strutturali che verranno poste ai lati del telaio delle DW12 allo scopo di ridurre il rischio di rotazione in caso di impatto laterale.

Queste strutture, evidenziate in rosso nella figura, che saranno obbligatorie per la stagione 2013, saranno fissate a lato dell’abitacolo, all’altezza delle spalle del pilota, inserite all’interno de telaio. Non saranno visibili dall’esterno e non avranno effetti aerodinamici. Nel corso della scorsa stagione sono state introdotte modifiche anche ai bumpers posti sotto l’ala posteriore, elementi unici nelle monoposto odierne.

“Quando il sottoala tocca il muro, vogliamo ottenere un impatto progressivo così da dissipare meglio l’energia”, ha affermato l’ingegner Andrea Toso, capo della ricerca e sviluppo alla Dallara. “Il design del sottoala include alcuni punti di collasso localizzati, che cedono a carichi specifici e progressivi per ottenere la dissipazione di energia desiderata. Basandoci sulle informazioni di incidenti in prova alla scorsa Indy 500, abbiamo deciso di modificare questi punti cedevoli, aggiungendo prima coni di supporto per il sottoale e prima di Fontana abbiamo aggiunto buchi sul bordo del sottoala. Queste modifiche hanno permesso al sottoala di collassare più progressivamente in caso di impatto laterale, così da diminuire il carico di imaptto trasmesso al pilota”.

Queste nuove Side Impact Structures completano le modifiche 2012 e lavoreranno insieme al resto delle altre protezioni passive per proteggere il pilota. “Allo scopo di ridurre ulteriormente il rischio di decollo, avevamo bisogno di una migliore distribuzione di impatto verticale. Questo è lo scopo delle Side Impact Structure”, ha terminato Toso.

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

La Dallara Automobili ha disegnato nuove modifiche strutturali che verranno poste ai lati del telaio delle DW12 allo scopo di […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2013/02/02-12-Side-Impact-Structure-Std.jpg IndyCar – Le nuove modifiche alle DW12 illustrate da Andrea Toso