Dopo il trionfo di Scott Dixon sull’ovale del Phoenix International Raceway, l’IndyCar Series ritorna sui circuiti cittadini col tradizionale appuntamento di Long Beach.

21 le macchine iscritte, quelle attese a disputare tutta la stagione, con i team Chevrolet al centro di una feroce polemica dopo i recenti test di Indianapolis, che hanno ribadito la superiorità di motori ed aerokit della casa del farfallino anche sui superspeedway dopo le prime due vittorie stagionali.

Le voci più autorevoli quelle di AJ Foyt ma soprattutto di Marco Andretti, il migliore nei test collettivi dell’Indiana, che ha accusato senza mezzi termini i team Chevrolet di essersi volutamente nascosti per non dimostrare l’effettiva superiorità del package per Indianapolis.

Ad ogni modo, occhi puntati sulle 8 vetture di Penske e Ganassi. Lo scorso anno il solo Ryan Hunter-Reay, quest’anno atteso al doppio impegno con la Corvette DP nel WeatheTech USCC, riuscì ad infilarsi nella Firestone Fast Six con il propulsore giapponese. La pole position fu appannaggio di Helio Castroneves mentre in gara Scott Dixon approfittò di un ottimo scatto in partenza su Juan Pablo Montoya e di un perfetto lavoro ai box della crew Ganassi.

Ricordiamo che in classifica generale il neozelandese insegue Simon Pagenaud, grazie ai due secondi di fila ottenuti dal francese.

Tra le 11 vetture spinte dal motore Honda c’è anche il nostro Luca Filippi, reduce dal debutto in gara su ovale (nella foto). Lo scorso anno una buona qualifica in California, ma una gara sfortunata con la macchina del CFH.

L’appuntamento in pista è per le prime libere di venerdì 15 aprile alle 10.00 AM fuso del pacifico. Qualifiche sabato e gara domenica 17 nella tarda serata italiana.

Piero Lonardo

L’entry list di Long Beach


Stop&Go Communcation

Si profila un nuovo testa a testa Penske-Ganassi

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2016/04/Filippi_Gara.jpg IndyCar – Le Honda in cerca di riscatto a Long Beach