Il mondo dell’automobilismo non è certo rimasto indifferente di fronte alla morte di Dan Wheldon. Le indagini sulle cause dello spaventoso incidente di Las Vegas, costato la vita al pilota britannico, saranno condotte dalla IndyCar con il supporto della FIA.

“Come parte del nostro protocollo standard di sicurezza, una accurata investigazione è stata avviata dalla IndyCar, con l’assistenza dell’Automobile Competition Committee of the United States (ACCUS) e della Federazione Internazionale dell’Automobile (FIA), per determinare i fattori dell’incidente”, si legge nel comunicato ufficiale diffuso.

“Ci auguriamo di avere i primi riscontri entro le prossime settimane. Nel frattempo, sarebbe inappropriato fare ulteriori commenti fino a quando il gruppo non avrà concluso il proprio lavoro”.

Nel frattempo è stata cancellata la due-giorni di test che il team Ganassi, proprio sull’ovale del Nevada, aveva in programma di sostenere questa settimana con Dario Franchitti, per il collaudo del nuovo motore Honda sul telaio 2012. L’attrice Ashley Judd, moglie del driver scozzese, su Twitter ha accolto con favore questa decisione: “La nuova macchina deve essere sviluppata, ma non ora e mai più lì”.

Per domenica 23, alle 16 locali, la IndyCar ha organizzato una cerimonia di commemorazione pubblica a Indianapolis, aprendo inoltre un fondo per le donazioni da destinare alla famiglia di Dan.


Stop&Go Communcation

Il mondo dell’automobilismo non è certo rimasto indifferente di fronte alla morte di Dan Wheldon. Le indagini sulle cause dello […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/11/usa-191011-01.jpg IndyCar – La FIA collaborerà nell’indagine sull’incidente di Dan Wheldon