E’ passato un mese e mezzo dal season finale di Sonoma che ha premiato, fra le tante polemiche per il doppio punteggio, Scott Dixon quale campione IndyCar 2015.

Durante questo periodo, oltre alle celebrazioni del titolo appena vinto per il tricampione neozelandese e la iniziative per ricordare lo sfortunato Justin Wilson, l’attività in pista si è limitata ad alcuni test privati, più un test collettivo tre settimane fa a Road America.

In questa sessione, che ha visto partecipare quasi tutti i “regular” della serie, ha fatto ritorno al motorsport attivo James Hinchcliffe, completamente ristabilito dopo il crash di Indianapolis.

Tra i test privati invece, spicca la due giorni condotta al Palm Beach International Raceway da Juan Pablo Garcia. Il 28enne driver messicano potrebbe, dopo ben sei stagioni in Indy Lights, l’ultima delle quali per lo Schmidt Peterson Motorsports, effettuare il grande salto verso la massima serie di monoposto a stelle e strisce.

Fiacco – ad oltre ben 5 mesi dal round iniziale di St.Petersburg – anche il mercato piloti, che ha visto fin qui quale unico acuto la conferma di Josef Newgarden per il quinto anno di fila presso il CFH Racing di Ed Carpenter e Sarah Fisher, anche se ha fatto scalpore la notizia di un test ufficiale per Juan Pablo Montoya sulla Porsche 919 Hybrid LM P1 vincitrice alla scorsa 24 Ore di Le Mans.

Nessuna grossa novità infine nemmeno sul fronte del calendario 2016. Mark Miles e soci paiono lontani dal completamento dei 20 round dichiarati come obiettivo per la prossima stagione, anche se nel frattempo sono stati confermati sia Road America – rientrata quest’anno dopo un’assenza di 8 anni – e del Texas Motor Speedway.

Al momento l’unica nuova venue confermata pare essere sempre e solo quella di Boston per il Labor Day. Riguardo le nuove venues, le attenzioni della serie si rivolgono verso l’ovale di Phoenix – che attende il ritorno delle monoposto dal lontano 2004 – e potrebbe trovare collocazione il primo weekend di aprile tra St.Pete e Long Beach, e verso il rinnovato circuito di Città del Messico, nuovo appuntamento per F1 e WEC. La comparsa di un nuovo pilota messicano come Garcia a rinnovare la tradizione dei Fernandez e c. potrebbe giovare alla causa.

Scontati invece gli stop di Fontana e del NOLA, mentre pare ancora possibile la conferma di Pocono.

Piero Lonardo


Stop&Go Communcation

Ancora incertezze sulla schedule 2016

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2015/10/Garcia_KV.jpg IndyCar – Juan Pablo Garcia testa per KV