Marco Andretti si aggiudica la Iowa Corn 250 e torna al successo dopo 5 anni e 78 gare. L’unica affermazione del nipote del mitico “piedone” risale infatti all’anno del debutto, il 2006, all’Infineon Raceway di Laguna Seca. In questi anni tanti buoni piazzamenti alternati da momenti di blackout e mai quel successo pieno che è arrivato questa notte, al termine di una corsa costellata di duelli avvincenti.

Gran duello soprattutto con Tony Kanaan, secondo, nell’ultima, lunga sezione di corsa, a colpi di push-to-pass. Ma anche con Franchitti, leader per gran parte della gara, sorpassato grazie all’apporto del team all’uscita dei box. Lo scozzese, quinto al traguardo, con Will Power autoeliminatosi per un crash alla curva 2 dopo che già un inspiegabile errore ai box lo aveva tolto dalla lotta per il primato, ha pensato sicuramente al campionato. Terzo termina Scott Dixon, autore di una corsa tutta in rimonta dalla 23a posizione. Buon quarto JR Hildebrand, che forse ha finalmente sconfitto i fantasmi di Indianapolis.

La cronaca – Il poleman Sato mantiene la leadership mentre Danica Patrick, seconda in griglia, deve cedere subito prima a Kanaan e poi a Franchitti che, con la vettura dipinta questa volta di blu, parte a razzo dalla 6a posizione. Pessima partenza anche del compagno di squadra della Patrick, Mike Conway, sempre poco a suo agio sugli ovali, che scivola subito 20°, proprio mentre Dixon inizia la propria rimonta dal fondo dello schieramento.

In un niente Franchitti si ritrova dietro il duo KV-Lotus Kanaan/Sato e li supera entrambi. Questa la top ten al 10° giro: Franchitti, Sato, Kanaan, Patrick, Hildebrand, Power, Hinchcliffe, Briscoe, Hunter-Reay, Wilson. Fase di studio nelle posizioni di testa, mentre dale retrovie iniziano a farsi vedere sia Oriol Servia ma soprattutto Marco Andretti, partito 17° è ora 11°

Al giro 24 si gira James Jakes si gira e sbatte col posteriore, causando la prima bandiera gialla della serata. Ne approfittano tutti per andare a rifornire, e qui accade iI primo pasticcio che coinvolge il co-leader della serie, Will Power, che a rifornimento terminato, si scontra inspiegabilmente con Charlien Kimball, che sopraggiungeva alla propria piazzola. L’australiano è costretto ad un’ulteriore doppia sosta per non perdere il giro dei primi, per sistemare l’ala anteriore danneggiata e scongiurare un’eventuale foratura. Per il rookie di Ganassi invece è corsa finita. Dalla sosta e dal relativo restart al giro 33 si avvantaggiano Castroneves, addirittura 4°, Servia 5° e Andretti 8°. Scivolano invece Danica Patrick e James Hinchcliffe 19°. Castroneves è scatenato e pochi giri dopo passa anche Sato per la terza piazza.

Al giro 46 si toccano Conway e Ana Beatriz. Entrambi vanno a muro per la seconda caution della giornata. Coinvolto anche Vitor Meira, che riporta danni all’ala destra. Cambiano tattica di gara sia Danica Patrick che Oriol Servia, effettuando inspiegabilmente una nuova sosta ai box. Dopo il lungo periodo di sospensione per rimuovere i detriti in pista, Castroneves si fa sotto a Kanaan e passa secondo. Progrediscono anche Andretti, che passa prima Sato poi anche Kanaan per la terza piazza e Hlidebrand su Briscoe per la sesta. Davanti Franchitti inanto domina indisturbato. Mentra cala la sera Castroneves è costretto ad una sosta imprevista che gli rovinerà il risultato finale.

Al giro 90 brutta botta per Will Power, che si gira da solo alla curva 2 e sbatte violentemente. Al pilota australiano verrà successivamente riscontrata una leggera concussione da valutare prima della partecipazione alla gara successiva, come per Simona de Silvestro.

Nemmeno il tempo di ripartire che va a muro Sebastian Saavedra, fin qui costantemente ultimo del lotto. Nel frattempo il duo Lotus ripassa Marco Andretti, che però sa di avere oggi una vettura molto competitiva e a tre quinti di gara inizia a farsi di nuovo sotto al trio al comando. Tempo meno di venti tornate e, a furia di sorpassi decisi, al giro 157 Andretti si affaccia addirittura in testa alla corsa.

Lo scozzese però non ci sta e dopo poche tornate si riprende la leadership, nonostante diversi attacchi del giovane americano. I due decidono di andare entrambi ai box proprio mentre va a muro Takuma Sato causando la quinta caution della serata. I meccanici del team Andretti fanno il miracolo e la vettura rossa e nera esce davanti a Franchitti. Problemi purtropo per Servia che fatica a ripartire dai box e perde un giro.

Al restart al giro 200 gran lotta davanti con Andretti che mantiene la testa, ma dietro Kanaan inizia il rush finale e passa Franchitti per la seconda piazza, com anche Dixon prima su Hildebrand poi su Briscoe per la quarta piazza. In testa inizia un lungo e spettacolare duello con le due vetture spesso affiancate (v. foto) che vede primeggiare prima Kanaan poi Andretti poi ancora Kanaan infine definitivamente l’americano, che nei restanti 20 giri riesce a mantenere un margine minimo su Kanaan., che porterà compiutamente sino al traguardo, per la seconda vittoria 2011 dell’Andretti Autosport.

Prossimo appuntamento fra due settimane sul circuito cittadino di Toronto.

Piero Lonardo

La classifica finale


Stop&Go Communcation

Marco Andretti si aggiudica la Iowa Corn 250 e torna al successo dopo 5 anni e 78 gare. L’unica affermazione […]

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2011/12/usa-260611-01.jpg IndyCar – Iowa, Gara: Marco Andretti a segno dopo 5 anni