Will Power si aggiudica la seconda edizione del GP of Indianapolis. L’australiano ha praticamente condotto dall’inizio alla fine in una gara tirata, che egli stesso definirà “la più fisica che abbia mai fatto”, salvandosi dalle pastoie dello start, che ha subito tolto di mezzo dalla lotta per il vertice Scott Dixon, che gli partiva a fianco.

Il campione 2013 veniva toccato da dietro da Helio Castroneves, che festeggiava qui il 300mo start. Coinvolti anche Josef Newgarden e Jack Hawkworth, per l’unica caution della giornata.

Dietro Power il teammate Simon Pagenaud, poi Sebastien Bourdais e il nostro Luca Filippi, che però al restart veniva subito passato da Juan Pablo Montoya.

Il quartetto di testa prendeva presto il largo fino al primo giro di pit, al termine del quale Graham Rahal, che ritardava la propria sosta, guadagnava la seconda piazza dietro Power, mentre Filippi, costretto a cambiare l’ala anteriore per la melèe iniziale, perdeva il treno con le posizioni di testa.

Montoya dal canto suo approfittava più avanti del secondo stop per agguantare la terza piazza su Pagenaud e Bourdais, posizione che terrà sino all’arrivo. Power dal canto suo nel finale ha contenuto gli attacchi di un Rahal esplosivo per divenire il quinto diverso vincitore del 2015.

Sfortuna invece per Simon Pagenaud, ancora una volta il meno produttivo del Team Penske, che si ritirerà al giro 58 per problemi di elettronica, unico ko insieme a quello del rientrante Justin Wilson. Sfortuna anche per l’altro comeback, JR Hildebrand, a lungo tra i primi, ma tradito da un problema all’anteriore destra e solamente 21mo al traguardo.

Alla fine a completare la top five sarà un costante Charlie Kimball, ben 9 posizioni risalite, davanti a Helio Castroneves. A seguire tra i primi dieci Tony Kanaan, Stefano Coletti, Takuma Sato e Scott Dixon, uno tra i più veloci in pista quest’oggi dopo la disavventura iniziale. Per quanto riguarda i nostri portacolori, Filippi terminerà 14mo e Dracone 22mo.

Castroneves con il sesto posto odierno mantiene la seconda piazza in classifica generale dietro Montoya; classifica dalla quale ora emerge, grazie alle due piazze d’onore di fila, anche Rahal.

Il prossimo appuntamento con l’IndyCar Series e per la 99ma Indy 500, macchine in azione già lunedì con l’opening day!

Piero Lonardo

L’ordine di arrivo


Stop&Go Communcation

Rahal, ancora secondo, inizia a pensare al campionato

http://www.stopandgo.tv/wp-content/uploads/2015/05/Podium.jpg IndyCar – Indy GP, Gara: Power torna al successo